La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Categoria: Sport

Fantacalcisticamente: sempre meglio che lavorare

Bentrovati amici di Fantacalcisticamente, diciassettesima puntata e ventunesima giornata di Serie A. Coppa Italia alle spalle, con Napoli e Lazio eliminate, si torna al tanto amato campionato. Partiamo sabato alle 18…

fantacalcisticamente saragiolino

Bentrovati amici di Fantacalcisticamente, diciassettesima puntata e ventunesima giornata di Serie A. Coppa Italia alle spalle, con Napoli e Lazio eliminate, si torna al tanto amato campionato. Partiamo sabato alle 18 con Frosinone – Atalanta. Squadra di casa in crisi nera e con una difesa più larga della pancia di Maxi Lopez. Teoricamente non dovrebbe avere grossi problemi la Dea, forte di un Alino Diamanti in più e di un Denis in meno. Papu Gomez è da troppo che non ci regala bonus…

Empoli – Milan del girone di andata me lo ricordo bene. Cena in contrada e una promessa, fatta poco prima del fischio iniziale: “se fa gol Luiz Adriano buttiamo giù Voltaia”. Inutile dire che non ho altri ricordi di quella serata… La partita è tosta, dal risultato totalmente incerto. Riuscirà il Milan a dare un po’ di continuità? Bonaventura e Maccarone +3 sicuro.

fantacalcisticamente quagliarella

Riuscirà Quagliarella a non farsi fischiare dai suoi tifosi?

All’ora di pranzo la Serie A ci offre un(a) Fiorentina – Torino di tutto rispetto. Viola in crisi di gioco e risultati, mi lascia con un dubbio: perché Babacar non gioca più? 4 gol in 7 presenze sono tanti, eppure… Borja Valero assisterà al meglio Kalinic. Nelle fila granata se Quagliarella dovesse giocare, farà gol.

Grande derby alle 15: Sassuolo – Bologna. Squadre meravigliose che da tempo ci regalano un gran calcio. La purghetta di Berardi è scontata, mentre nel Bologna potrebbe fare la differenza Mounier.

Il Carpi sarà la vittima sacrificale dell’Inter. Nerazzurri in fiducia e Icardi bloccato da qualche partita. Risultato esatto: Altro.

Problemi in casa Lazio, che vede perdere capitan Biglia per almeno un mese. Durissimo rimpiazzare l’argentino, specie se nel suo ruolo c’è solo Cataldi. Klose sembra essere l’attaccante più in forma, ma Pioli preferisce farlo giocare solo in Coppa Italia. Bah, scelta discutibile. Pepe sta ritrovando lo smalto perso e potrebbe far male, ancora una volta, alla squadra romana.

Verona – Genoa è la partita da over 125,5 come si usa nel basket. Galvanizzata dal buonissimo pareggio in casa della Roma, Pazzini e compagnia bella proverà il colpaccio contro un Genoa in forma Pavolosa. Suso e Perotti danno continue certezze.

Sampdoria – Napoli è l’1 più facile di giornata. Sconfitta in casa da una buona Inter, il Napoli potrebbe aver perso qualche certezza e per la legge dei grandi numeri una partita la deve perdere. La Sampdoria non è in forma e ha una squadra mediocre, ma sarà Muriel il man of the match.

Palermo – Udinese è quasi uno scontro salvezza. Prove di 4-3-3 in casa Palermo, che con Gilardino e Vazquez potrebbe far male a una fragile difesa come quella friuliana. Dalle parti di Udine si sta ritrovando Duvan. Attaccante che può e deve fare la differenza nella stagione bianconera.

A conclusione della giornata c’è Juventus – Roma. Big match serale seguito da ogni dove. Favorita la Juventus ovviamente, ma le motivazioni date da Spalletti potrebbero essere superiori. Dzeko sta facendo male, ma questa partita segnerà la sua svolta. Se segna arriva a fine stagione con venti gol, altrimenti sarà dura, a tratti durissima. Partita da tripla, ma metterei primo marcatore Dybala. Cassa facile.

Squadra della settimana:
Mirante;
Letizia Wague Rossettini;
Soddimo Ntcham Fernando Zielinski;
Maccarone Mancosu Pazzini.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: sempre meglio che lavorare

Fantacalcisticamente: si ricomincia!

Bentrovati amici di Fantacalcisticamente. Dopo un periodo di pausa e di varie lavande gastriche causa alcol delle vacanze siamo tornati a parlarvi di quel #mainagioia che è il fantacalcio. Siamo nel…

fantacalcisticamente saragiolino

Bentrovati amici di Fantacalcisticamente. Dopo un periodo di pausa e di varie lavande gastriche causa alcol delle vacanze siamo tornati a parlarvi di quel #mainagioia che è il fantacalcio. Siamo nel pieno del mercato e del fantamercato e vi dico subito che l’1 gennaio ho venduto Luiz Adriano, quella pippa maledetta pagata ben 50 crediti. Al suo posto un’altra pippa, Gervinho, e il fidato Giaccherini.

In attesa che l’hangover del venerdì sera passi, alle 15 di sabato iniziamo con uno splendido Atalanta – Inter. Prima partita del girone di ritorno e difficoltosa in ambito di schedine. Ospiti che vengono da diverse sconfitte casalinghe, ma con qualche certezza in più a livello di gioco. La Dea con la cessione di Maxi Moralez ha perso il 70% delle proprie convinzioni. Potrebbe scapparci una X all’ultimo minuto se giocasse Kondogbia (35 milioni AHAHA). Il +3 di Perisic è abbastanza semplice.

spalletti

Spalletti torna in Italia dopo aver smaltito l’hangover?

Alle 18 il Torino, con un ritrovato Ciro Immobile, ospita il Frosinone culone. L’1 sulla carta è già scritto, ma il Toro quest’anno è strano, troppo. In attacco credo e spero che Quagliarella non giochi e che venga venduto in Cina. Chiedere scusa dopo un gol ai tifosi avversari è riprovevole, non il contrario.#iostoconitifosideltoro Maxi Pancetta Lopez timbra il cartellino.

La sera alle 20,45 uno spettacolare San Paolo ospiterà Napoli – Sassuolo. L’ammazza-grandi neroverde dal tridente più forte d’Europa non teme l’estro di Insigne e Higuain. Partita da Goal con primo marcatore Allan.

Archiviato il sabato sera (dimenticato, per meglio dire) alle 12,30 si sfidano Genoa – Palermo. Ospiti con il nuovo allenatore, nonché scommessa del patron Zamparini. Ne beneficerà sicuramente Vazquez, essendo sudamericani entrambi. Nei grifoni torna a disposizione Perotti dopo la squalifica e sicuramente il gioco migliorerà. Proverei un 1 fisso. Mentre al fantacalcio metterei Rigoni, che farà la partita della vita o verrà espulso.

Cinque partite alle 15: Chievo – Empoli è la partita di Inglese. Signori, un fenomeno. Gol sicuro. Nell’Empoli Zielinski e Pucciarelli potrebbero arginare una difesa abbastanza lenta.


Roma – Chievo
sarà la prima partita di Spalletti 2.0, dopo l’esonero neanche troppo clamoroso di Garcia. Il 4-2-3-1 è il marchio di fabbrica dell’allenatore, quindi Salah e Pjanić potrebbero e dovrebbero trovare più facilmente la via del gol. Curiosità di vedere Naingollan e De Rossi. Ce la faranno a reggere da soli il peso del centrocampo? Anche se, dal mio punto di vista, De Rossi può giocare soltanto centrale di difesa. Ma vabbè, non mi ascoltano gli allenatori. Verona con un piede e mezzo in Serie B. La cura Delneri non funziona e il mio Toni non segna mai. Io, comunque sia, lo schierò titolare.

Udinese – Juventus potrebbe essere la partita che porta in vetta i bianconeri, reduci da nove vittorie di fila. Alex Sandro uomo bonus. A Udine solita pochezza lì davanti, con Thereau unico vero giocatore.

A Bologna si presenta la Lazio. Squadra galvanizzata dalla scorsa vittoria a Firenze. Col 4-1-4-1 Pioli sembra aver trovato l’assetto giusto, ma Biglia, il mio Biglia, è in dubbio per un infortunio e Destro e compagni potrebbero approfittarne. Candreva su punizione regalerà un +3.

Carpi – Sampdoria è la partita più facile di questa giornata. 2 fisso e cassa sicura. Il gioco di Montella sta venendo fuori e Cassano si sta ritrovando. Eder solito bomber.

Ultima partita delle ventesima giornata è Milan – Fiorentina. Balotelli torna tra i convocati e per la seconda parte di stagione potrebbe essere fondamentale per i diavoli. Certo è che se vedi la difesa milanista prima della partita corri alla SNAI a giocare il 2, ma sarà una X. Niang e Kalinic i marcatori, con una super prova di Boateng.

Squadra della settimana:
Mirante;
Wague Masiello Gastaldello;
Mounier Zielinski Hallfredson Barreto;
Siligardi Maccarone Aguirre.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: si ricomincia!

Fantacalcisticamente: chi mangerà il panettone?

Bentornati appassionati di Fantacalcisticamente. Quindicesima puntata, dove racconteremo la 17a giornata di Serie A, oltre che augurarvi buone feste. Giornata non facile per le bollette visti i rendimenti delle squadre ultimamente,…

fantacalcisticamente saragiolino

Bentornati appassionati di Fantacalcisticamente. Quindicesima puntata, dove racconteremo la 17a giornata di Serie A, oltre che augurarvi buone feste. Giornata non facile per le bollette visti i rendimenti delle squadre ultimamente, ma qualcosa proveremo a vincere.

Partiamo sabato alle 20,45 con Bologna – Empoli. Lo so, non è un gran sabato. Però il pomeriggio possiamo tranquillamente stare un paio d’ore alla SNAI e tra un marcatore SI e una macchinetta la giornata vola via. Zielinski secondo me è da bonus peso.

Post sbronza e post qualsiasi eccesso in generale c’è Carpi – Juventus alle 12,30. Filotto positivo per gli ospiti, che se vogliono agguantare l’Inter sono obbligati a vincere. Manca solo Marchisio nel tabellino, quindi lo confermo. Il Carpi dopo i brutti risultati in campionato, ma eccellenti in Coppa Italia sta pensando ad un nuovo cambio di allenatore, visto che Mourinho ha lasciato il Chelsea. Ris. Esatto 0-1.

Solite quattro partite alle 15, ma di gran classe. A Bergamo uno splendido Napoli proverà a scippare i tre punti alla Dea, che è parsa un po’ stanca nell’ultima settimana. Hamsik primo marcatore.

Garcia mangerà il panettone?

Garcia mangerà il panettone?

Fiorentina – Chievo sulla carta è 1 fisso, ma il calcio è strano Beppe, si sa. Viola un po’ in confusione dopo l’uscita dalla Tim Cup di mercoledì quindi chissà se la psiche giocherà un brutto scherzo. Kalinic troppo a secco ultimamente, potrebbe rivelarsi un flop proprio adesso che conta, se non segna. E quel Paloschi

Verona – Sassuolo deve essere la partita della rinascita. Con Toni sbloccato non dovrebbe essere difficile portare a casa i tre punti. Rumors in casa Sassuolo: dopo l’esonero di Mou il Chelsea pensa seriamente a Di Francesco e il suo 4-3-3 collaudato. Porterebbe i fedelissimi Peluso e Floccari con sé, mettendo in panchina Terry e Diego Costa. 1 fisso.

Roma – Genoa sarà la gara dell’esonero per Garcia? Lui ce la sta mettendo tutto per far si che ciò avvenga, ora tocca a Pallotta. Squadra con meno idee di me sotto natale. Ma il Genoa con Pavoletti ancora fuori non è in grado di vincere all’Olimpico, quindi l’allenatore francese mangerà il panettone. Reazione d’orgoglio da parte di Naingollan.

Alle 18 Frosinone – Milan ci avrebbe garantito una dormita eccelsa, ma purtroppo o per fortuna hanno affiancato altre due partite. Niang è sempre da mettere, è in forma smagliante. Se giocasse anche Luiz Adriano sarebbe il top per la mia formazione. La doppietta di Bonaventura è quasi già scritta.

Sampdoria – Palermo è la gara dell’ex per eccellenza: Barreto. Nonché mio pupillo da anni immemori, sarà sicuramente protagonista del match. Dall’altra parte c’è un attacco di tutto rispetto, con Trajkovski che ha dimostrato di saper giocar bene a calcio e l’eterno Gilardino, entrambi accompagnati da Vazquez. Bella sfida, ma Montella vorrà fare tre punti prima di natale?

Torino – Udinese è 1 fisso e tanti saluti a Colantuono. Mettere Domizzi è illegale in 23 paesi diversi, ma metterlo contro la capolista è da ghigliottina. Primo marcatore Glik.

Veniamo all’ultima partita del 2015: Inter – Lazio. Sebbene i pronostici siano tutti a favore dei nerazzurri, la Lazio potrebbe avere un colpo di reni. Certo, giocare con Konko e Radu non è facile per nessuno, però se Anderson e Candreva trovano un po’ di voglia di vivere forse portano a casa il risultato. Una bella X e tutti contenti.

Squadra della settimana:
Mirante;
Wague Masiello Gastaldello;
Mounier Zielinski Hallfredson Barreto;
Siligardi Maccarone Aguirre.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: chi mangerà il panettone?

Fantacalcisticamente: prima della pausa

Bentrovati amici di Fantacalcisticamente. Oggi parleremo della sedicesima giornata di Serie A, nonché LA giornata per eccellenza, viste le partite in programma. Anche questa settimana andrà dal sabato al lunedì,…

fantacalcisticamente saragiolino

Bentrovati amici di Fantacalcisticamente. Oggi parleremo della sedicesima giornata di Serie A, nonché LA giornata per eccellenza, viste le partite in programma. Anche questa settimana andrà dal sabato al lunedì, per la gioia di tanti.

Alle 15 iniziamo con Genoa – Bologna. 16 punti per entrambe ma il morale degli ospiti è nettamente più alto dopo la vittoria contro il Napoli. Genoa in crisi di gioco e risultati, penalizzato dalla squalifica di Pavoletti e dagli innesti di mercato insufficienti. Destro è in forma smagliante e Perotti è da bonus.

Alle 18 due sfide: Palermo – Frosinone e Sassuolo – Torino. Ultima chance per Sannino che se non vince in casa può tranquillamente fare i bagagli e non mangiare il panettone. Gila, Vazquez e Hiljemark sono imprescindibili. Dopo la splendida vittoria dei neroverdi, a Reggio Emilia si respira aria di Europa League. Defrel non vuole sbloccarsi e far fare bella figura a Floccari. Torino galvanizzato per il pareggio all’ultimo secondo contro la Roma. Glik è ancora a secco di gol, potrebbe essere la volta buona.

Chi guarderà Empoli - Carpi?

Chi guarderà Empoli – Carpi?

Udinese – Inter chiude questo appassionante sabato. L’Udinese è una delle peggiori squadre di quest’anno e le tre “pappine” prese a Firenze ne sono la prova. Con Di Natale a un passo dal ritiro niente sembra facile per i friuliani. Vedremo se il mio buon Thereau mi regalerà qualche bonus. Mi basta anche un 6,5. Dai, Cyril! La capolista è invece la squadra più cinica della storia. Da mettere assolutamente Icardi, che timbrerà il cartellino.

Domenica alle 15 in post sbronza piena godiamoci tre partite al top. Chievo – Atalanta hanno le formazioni più pazze d’Italia. Meggiorini, Inglese e Paloschi contro Papu, Moralez e Denis. Vere e proprie macchine da gol. Impossibile dire un risultato fisso, ma un over 3,5 è rischiabile. Empoli – Carpi la giocano solo perché in dovere di farlo, ma Maccarone e Saponara andranno a vincere 2-1 in scioltezza. Borriello gol.

Milan – Verona. La partita più brutta che ci sia, fin’ora. Mihajilović non esalta le qualità dell’unico giocatore forte che ha: Bonaventura. Non capisco perché non faccia girare la squadra intorno a lui. Ma poi potrà giocare con Cerci esterno del 4-4-2?! Verona scosso dall’annuncio del ritiro di Toni a fine stagione (e io più di loro probabilmente). Non sarà più la stessa cosa. È la partita della vita per loro, quindi 2 fisso.

Veniamo alle sfide di alta classifica, quelle per cui paghiamo fior di quattrini Sky. Domenica, ore 18: Napoli – Roma. Anche se ci saranno più morti fuori dallo stadio che gol, il Napoli vincerà a mani basse e Garcia non riuscirà a mangiare il panettone, per la gioia di chiunque. Troppo più in forma la squadra di casa è troppo impaurita la squadra romana. Quei tre lì davanti farebbero paura anche a Braveheart. L’unica possibilità per la Roma è che il duo bosniaco e Florenzi diano la scossa giocando la miglior partita della loro vita. Io metto De Rossi, voglio rischiare l’espulsione.

Alle 20,45 chiude la nostra domenica Juventus – Fiorentina. Una delle rivalità calcistiche più belle di sempre. Piccola frenata dei bianconeri in Champions che si troveranno contro le squadre più forti d’Europa. Dybala è l’uomo in più, ma decisivo sarà Marchisio. Fiorentina galvanizzata dal passaggio del turno in Europa League metterà anima e attributi nella partita più importante. Ilicic e Borja faranno girare le scatole alla difesa avversaria, mentre la difesa viola potrebbe essere un problema.

La giornata si chiude lunedì con Lazio – Sampdoria. Due delle squadre meno in forma del campionato. Sarà una X scritta, che salverà Pioli e che darà inizio al cammino di Montella. Uno 0-0 triste e ininfluente per il fantacalcio. Partita triste come un lunedì mattina.

Formazione della settimana:
Mirante;
Wague Masiello Gastaldello;
Mounier Zielinski Grassi Hallfredson;
Juanito Sansone Maccarone.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: prima della pausa

Fantacalcisticamente: sfide di alta classifica

Eccoci giunti alla tredicesima puntata di Fantacalcisticamente, reduci da una super accoppiata: schedina vinta e quasi tutti i giocatori bonus azzeccati. Sarà un weekend calcistico lungo: dal sabato al lunedì, con…

fantacalcisticamente saragiolino

Eccoci giunti alla tredicesima puntata di Fantacalcisticamente, reduci da una super accoppiata: schedina vinta e quasi tutti i giocatori bonus azzeccati. Sarà un weekend calcistico lungo: dal sabato al lunedì, con sfide (e sfighe) interessanti. Prima di passare alle schede tecniche delle partite mi sento in dovere di dirvi una cosa: nell’ultima giornata fantacalcistica avevo Rincon, Acerbi e Pavoletti. Non aggiungo altro.

Bene, passiamo adesso all’anticipo del sabato, Torino – Bologna, dove potremmo ammirare sua maestà il gallo Belotti far gol. O in alternativa Maxi. Fatto sta che il Torino porterà a casa i tre punti, nonostante la buonissima forma dei rossoblu.

Milan – Sampdoria ci accompagnerà dalla cena fino all’ammazzino. Settimana scorsa ho detto che Montella è un perfezionista e avrebbe perso (e così è andata), ma stavolta non ci interessa il risultato, ma bensì il gol della Samp. È un over 2,5 scritto dove potrebbe uscire qualsiasi risultato, quindi raccomando Bacca e Cassano, che negli ultimi venti minuti può essere letale alla sua ex squadra.

Purtroppo o per fortuna niente anticipo di mezzogiorno, ma ben quattro partite alle 15. Chievo – Udinese è la gara di Thereau, l’ex più forte che abbia mai lasciato Verona, sponda Chievo. Meggiorini è una divinità, mentre Inglese sta diventando un giocatore vero. Nei bianconeri c’è sempre Ciccio Lodi da tener d’occhio.

Il ritorno del giovanissimo Toni

Il ritorno del giovanissimo Toni

Frosinone – Verona è invece la gara della verità per Mandorlini. Se perde anche questa l’esonero è un passo. Potrà e potrò contare su Luca Toni, visto che Pazzini segna meno di Bovo. Io, nel dubbio e giocando un po’ sulla psicologia del Pazzo, metto entrambi titolari.

Chissà se stavolta il Genoa ce la farà a far risultato senza dover far morire d’infarto qualche tifoso. Ntcham è assolutamente da mettere, così come Burdisso. Il Carpi è un po’ allo sbando e sempre più ultimo. Con il rientro di Borriello sicuramente ci sarà più peso offensivo e a tavola, ma servirà un mezzo miracolo a Castori.

Roma – Atalanta se si fosse giocata a campi inversi sarebbe stato l’1 fisso più bello del mondo. A Roma si gioca il secondo set, mentre Maicon e Szczesny ancora sono con la flebo al braccio lasciata in dotazione dal gentile Neymar. Sei gol non si dimenticano da un giorno all’altro, perciò Reja giocherà su questo. Se i bergamaschi vanno in vantaggio portano a casa la partita, in caso contrario sarà l’ennesima buona partita senza punti portati a casa. Pjanić potrebbe esser decisivo.

Alle 18 ci spostiamo ad Empoli per vedere i ragazzi di Giampaolo sfidare la Lazio di un Pioli sempre più sull’orlo di una crisi isterica. Candreva si è sbloccato e come ho già detto da adesso si rivedrà la vera Lazio. Matri e/o Djordjevic a seconda di chi scenderà in campo farà gol. No gol casa.

Alle 20,45 sfida al Barbera con Palermo – Juventus. Negli occhi degli juventini c’è ancora il capolavoro di Cassani e l’incredibile sòla di Amauri venduto come il nuovo Ronaldo. Scia positiva dei bianconeri, che hanno l’obbligo di vincere e chissenefrega del convincere. Visti i mille infortuni saranno Dybala e Morata a sostenere l’attacco, ma the man of the match sarà Pogba.

Lunedì non prendete impegni, tutti a lezione da Di Francesco per la partita più attesa dell’anno: Sassuolo – Fiorentina. Calcio champagne alla base della filosofia di entrambi gli allenatori, ma solo uno uscirà vincente dal Mapei Stadium. Tegola Berardi, che ha più espulsioni che anni e per tre giornate sarà inutilizzabile. Più spazio per il mio Defrel, che ha bisogno di giocare e sbloccarsi. Nella viola dire Kalinic sarebbe troppo facile, perciò dico Bernardeschi uomo bonus.

Ultima sfida di giornata è Napoli – Inter, la prima contro la seconda, Higuain contro Icardi, sud contro nord. Sfida scudetto forse è presto da dire, ma sicuramente è basilare per l’andamento di entrambe le squadre. Incredibile come la mancanza di Inler, Andujar e Maggio non si sia fatta sentire fin’ora. Partita da tripla, con l’Inter avvantaggiata per non giocare l’Europa League e il Napoli galvanizzato dalla bolgia del San Paolo. Saranno gli episodi a decidere la gara e se dovessi puntare 2€ direi X e Jovetic primo marcatore.

Squadra della settimana:
Mirante;
Wague Masiello Gastaldello;
Soddimo Ntcham TinoCosta Hallfredson;
Juanito Sansone Maccarone.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: sfide di alta classifica

Fantacalcisticamente: ricomincia la sfida!

Eccoci di nuovo con Fantacalcisticamente. Dodicesima puntata e la consapevolezza di non avere più pause nazionale fino all’anno nuovo. Tanto con le bellissime figure che rimediamo in giro per il…

fantacalcisticamente saragiolino

Eccoci di nuovo con Fantacalcisticamente. Dodicesima puntata e la consapevolezza di non avere più pause nazionale fino all’anno nuovo. Tanto con le bellissime figure che rimediamo in giro per il mondo è bene stare nei club. Tra l’altro su Facebook prima della partita con il Belgio avevo letto critiche piuttosto aspre nei confronti dei diables rouges e mi sono chiesto il perché, visto e considerato che sono veramente la nazionale più forte d’Europa. Ora i saccentoni da social network staranno zitti.

Ma veniamo alla nostra amata Serie A. Sarà un sabato scintillante, con Bologna – Roma ad aprire le danze. Il buon Donadoni sembra aver ridato linfa vitale alla squadra emiliana e tolto la boccia di Lambrusco a Destro, che però partirà dalla panchina. Preoccupazione in casa Roma e in casa mia: Digne sembra sia talmente scioccato dalle vicende parigine che difficilmente sarà in campo, mandando in fumo una mia, seppur improbabile, rimonta. Forfait in vista anche per Gervinho e questa X alla SNAI può far sognare.

Sfida di medio-bassa classifica alle 20,45: Juventus – Milan. Sui padroni di casa aleggia la presenza della Sampdoria e dell’Atalanta, che non aspettano altro che un passo falso della Signora. Milan che in quanto a risultati sta bene, ma in quanto a presenza scenica sta a pezzi. Perché diciamocelo, De Sciglio e Abate sono in nazionale. Contro la difesa lenta del Milan Cuadrado e Dybala possono fare il diavolo a quattro, mentre Carlone Bacca farà a gara di petto più grande con Barzagli. Marchisio uomo bonus.

fantacalcisticamente pazzini

Arriverà finalmente il momento di Pazzini?

A pranzo ci aspettano Verona – Napoli, ultima contro quarta. Sulla carta sono tre punti facili come prendere likes su Facebook con un post sui Coldplay, però si sa, la pausa nazionale porta con sé tante incertezze nella mente di ogni singolo calciatore. Vedremo se Mandorlini avrà sfruttato la pausa solo per le riunioni degli alcolisti anonimi o per far segnare il mio Pazzini. Sul Napoli poco da dire, se continuano a correre e a far gioco lo scudetto lo vincono a mani basse (no, non per scippo). Quindi rischierei il buon Juanito.

Full immersion alle 15 di gare talmente tristi che staremo incollati al televisore a guardarle (“Il mondo è così brutto che non so distogliere lo sguardo”). Atalanta – Torino potrebbe farci divertire davvero. Se le squadre giocano sui ritmi delle prime 12 sicuramente fioccheranno bonus. Scontato come “Sta guardando “Titanic” ” mentre passa il film su Canale5, Pinilla farà il +3.

Carpi – Chievo credo che neanche i tifosi delle squadre la guardino. Onestamente guardar giocare e dispensare calcio a Meggiorini fa gola a chiunque, però così è troppo. Lotito c’aveva visto lungo! Tornerà alla vittoria il Chievo comunque, con uno splendido Paloschi.

Derby toscano a Firenze, dove la Fiorentina sfida l’Empoli e prova ad allungare in classifica. Tra l’altro è uno dei derby meno sentiti nella storia del calcio. Ma comunque sia Paolone Sousa ci stupirà, con l’ingresso magari di un Pepito Rossi o di uno straordinario Verdù. Kalinic ha segnato anche in nazionale e sta diventando una certezza del nostro campionato, mentre Paredes è fortissimo e va messo.

Due 4-3-3 a confronto. Gasperini sfida il maestro Di Francesco: al Ferraris è Genoa – Sassuolo. Squadra di casa quest’anno condizionata dalla poca lucidità mentale dei difensori, che quasi sempre ne combinano una. Burdisso e Izzo quindi chiamati agli straordinari. Tino Costa ancora non ha fatto vedere il “cannone mancino” e questo mi scoccia alquanto. Nel Sassuolo inutile dire che Acerbi, Magnanelli e Berardi siano i migliori italiani nel proprio ruolo, per distacco.

Lazio – Palermo sarà probabilmente la svolta di Candreva, nel bene o nel male. Se azzeccasse un assist o un 7 in pagella tornerebbe quello dell’anno scorso, ma in caso contrario possiamo salutare il piccolo Antonio (sempre ammesso che giochi, dato l’infortunio in nazionale). Prima partita per Ballardini sulla panchina rosanero. Il Coach trova un Gilardino in grande spolvero, oserei dire in forma europea e un dispiaciuto Vazquez, che in quanto argentino porterà “lutto” per qualche partita, abbassando i voti ai quali ci aveva abituato. Se Parolo gioca fa gol.

Udinese – Sampdoria è un’altra partita d’esordio: Vincenzo Montella torna da allenatore nella sua amata Samp. Contrariamente a quello che dico solitamente sul cambio di allenatore, i blucerchiati perderanno. Montella è un perfezionista e la perfezione richiede tempo, perciò Udinese 1 fisso, Totò Di Natale.

A conclusione di questa eccitante giornata sportiva c’è Inter – Frosinone, in cui ovviamente la squadra di Milano vincerà e Jovetic segnerà. Perché ne sono sicuro? La Nike ha consegnato le nuove scarpette e sono bianche. Un attaccante ama le scarpe bianche, specie se è tecnico. E quindi fidatevi di me.

Squadra della settimana:
Karnezis;
Letizia Cesar Moras;
De Roon Sala Paredes Donsah;
Borriello Meggiorini Sansone.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: ricomincia la sfida!

Fantacalcisticamente: un tranquillo weekend di calcio

Eccoci giunti all’undicesima puntata di Fantacalcisticamente, divenuta ormai un appuntamento fisso per i malati di fantacalcio. Questo fine settimana si prospetta tranquillo e senza feste all’orizzonte. Finalmente fegato, reni e portafoglio…

saragiolino

Eccoci giunti all’undicesima puntata di Fantacalcisticamente, divenuta ormai un appuntamento fisso per i malati di fantacalcio. Questo fine settimana si prospetta tranquillo e senza feste all’orizzonte. Finalmente fegato, reni e portafoglio possono riposare.

Sabato alle 18 sfida salvezza in quel di Verona, dove l’Hellas penultimo sfida il Bologna terzultimo. Da quando non c’è Toni che la insacca per Mandorlini è crisi nera. 6 punti in 12 giornate non rendono giustizia all’etilista più amato del nord Italia. Le difese ballerine di entrambe le squadre dovrebbero regalare spettacolo, ma gli attacchi pressoché nulli di entrambe potrebbero complicare le cose. Juanito Gomez uomo da mettere.

Alle 20,45 il Milan di Cerci ed Essien (?) ospita l’Atalanta dei terribili tre: Migliaccio, Brivio e Raimondi. Rossoneri in forma, ma bloccati da tante assenza causa squalifica e infortuni. Pinilla giocatore da bonus, mentre una bella X farà alzare il bonus alla SNAI.

Alle 12,30, oltre che al pranzo della nonna, c’è Torino – Inter. Padroni di casa reduci dalla beffa nel derby e ancora accecati dalla perla di Cesarone Bovo sfidano la squadra più fortunata d’Europa. Perché quando vinci contro la Roma con un gol di Medel capisci che sei davvero a un passo dallo scudetto. Icardi a Torino ha sempre fatto la sua parte, mentre Baselli potrebbe tornare a timbrare il cartellino.

Empoli – Juventus è piena lotta per non retrocedere. Juventini avanti di un solo punto e da domenica spostati nella colonna di sinistra della classifica. Potrebbe esserci l’esordio di Rugani, ex di giornata. Partita non facile, i toscani corrono come se non ci fosse un domani e Chiellini e Alex Sandro sulla sinistra fanno tanta paura, ai propri tifosi. Morata è da +3.

Frosinone – Genoa è scontato sia sulla carta che al centro scommesse. 2 fisso e Perotti – Pavoletti marcatori.

Ultima spiaggia per Iachini. In casa contro il Chievo c’è solo da vincere e far segnare Gilardino per farmi vincere al fantacalcio. Zamparini ha già avvertito che sarà la sua ultima partita in caso di risultato negativo, quindi sono consigliati tutti i giocatori offensivi del Palermo. Nel Chievo delle meraviglie si è inserito il piccolo Inglese, giovane e talentuoso al cospetto di sua maestà Meggiorini. Paloschi è il +3 più sicuro e scontato mai visto. Parola di Rispoli.

1966273-di_francesco

Di Francesco passerà una sosta tranquilla?

Alle 15 per motivi di ordine pubblico c’è il derby di Roma. No, non Latina – Lupa Roma, ma Roma – Lazio. Attacchi super e difese imbarazzanti saranno complici di questo spettacolo, a cui non assisterò causa derby Chiusi – Sarteano che, sempre per motivi di ordine, si giocherà alle 14,30. Aquilotti in cerca di riscatto (non solo per i tre uomini rapiti da Radu) dopo le brutte figure rimediate qua e là. Deve essere la partita di Candreva, perché sennò può anche considerarsi venduto, e di Edin Dzeko visto che puntualmente ce l’avrò contro.

Per Sassuolo – Carpi torno a dire che quando c’è un cambio di allenatore la mentalità di tutta la squadra cambia. Di Francesco lo sa, ovviamente, e ha studiato bene tutte le possibili soluzioni. Ma sarà Defrel il man of the match.

Napoli – Udinese è una strana partita. Non perché chissà quale motivo, ma contro il Napoli c’è sempre il fattore Di Natale, che da buon campano quale è potrebbe fare lo scherzetto. Gabbiadini tanto non giocherà mai in campionato quindi è inutile schierarlo, ma Callejon potrebbe sbloccarsi. Ne sono quasi convinto.

Ultima partita è Sampdoria – Fiorentina e ve lo dico subito: Ilicic farà gol e assist. Difficilissima partita comunque per la capolista, forse anche stanca per l’Europa League. Dall’altra parte Zenga si coccola il divino Eder (la scena è brutta e sconsigliata ai minori di 56 anni), sempre più capocannoniere. Il fattore decisivo sarà Fernando, da lui passa il 90% dei successi della Samp, se è in serata saranno dolori.

Squadra della settimana:
Mirante
Gamberini Mesbah Zaccardo;
Soddimo Ntcham TinoCosta Hallfredson;
Juanito Sansone Maccarone.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: un tranquillo weekend di calcio

Fantacalcisticamente: a tutta birra!

Benvenuti alla decima puntata di Fantacalcisticamente. Il dieci, per noi gente di sport, è uno dei numeri più belli e importanti, che ci accompagna sin da piccoli: dal voto che non…

saragiolino

Benvenuti alla decima puntata di Fantacalcisticamente. Il dieci, per noi gente di sport, è uno dei numeri più belli e importanti, che ci accompagna sin da piccoli: dal voto che non abbiamo mai preso al dieci sulle spalle di Giovinco nella Nazionale Italiana. Ma la dieci è la maglia del fantasista, del giocatore che anche in terza categoria si diletta in tunnel e doppi passi fini completamente a sé stessi e di colui che ha talento ma è stato sopraffatto dai festini e dai venerdì sera. O più semplicemente è il numero di Honda, Destro e Mbakogu.

In serie A si gioca l’undicesima giornata, da sabato a lunedì. Subito derby alle 18: Juventus – Torino apre il nostro sabato alcolico. Padroni di casa in crisi nera, sempre giustificati dal contemporaneo uso di Lemina e Sturaro. Ma la domanda che mi faccio è: se Chiellini ha azzeccato una partita su dieci, perché non dargli un po’ di riposo facendo giocare Rugani? Giochi con Zaza e Padoin, credo che non ci sia niente di male a provare un giovane talentuoso. Difesa del Toro imbarazzante, con Padelli che fa fede al suo cognome e sforna padelle a volontà. L’ex Quagliarella avrà il coltello tra i denti (e il passamontagna dentro i calzettoni). Qui lo dico e qui lo nego: butto due euro su Pogba primo marcatore.

Non abbiate paura di mettere Dzeko in campo!

Non abbiate paura di mettere Dzeko in campo!

Nella notte più paurosa dell’anno, Halloween, si sfidano Inter – Roma, la miglior difesa contro il miglior attacco. Finalmente Icardi si è sbloccato, così mi può tranquillamente affondare al fantacalcio. Della Roma che volete che scriva, se non vince il campionato quest’anno è perché Gervinho spaccia bamba scaduta. È quotata 1,20 la vittoria del tricolore. Scontata come le foto della prima nevicata. E Dzeko

Passata la sbronza di Halloween ricomincia un nuovo mese. E alle 12,30 c’è un big match che potrebbe riportarti nello stato comatoso in cui eri qualche ora prima: Fiorentina – Frosinone. La viola farà turnover, quasi certamente, quindi potremmo ammirare lo splendido Verdù, di cui sono innamorato. Risultato non troppo scontato, poiché il Frosinone culone viene da buoni risultati ed è a un passo dalla Juve. Risultato esatto 1-0, Gonzalo Rodriguez. P.s. Avete visto Dionisi si?!

Sabato alle 15 ci sono quattro partite, ma solo una vale la pena guardare: Udinese – Sassuolo. Signori, è da inizio anno che elogio la squadra emiliana. Gruppo solido, fatto per 10/11 da italiani, con il giusto mix di gioventù ed esperienza. Sansone che tira le punizioni alla Messi, Biondini che ha la grinta di Busquets e Cannavaro che supera Cannavaro, Fabio. Pare, tra l’altro, che dopo Guardiola anche Mourinho sia andato alla corte di Eusebio per apprendere i suoi insegnamenti, vista la situazione critica del Chelsea. Riuscirà Hazard ad emulare Floro Flores? Ai posteri l’ardua sentenza. Gol di Di Natale sicuro come il Lupus nei casi di Dr. House.

Bologna – Atalanta sarà la prima partita di Donadoni, neo tecnico dei rossoblu. L’Atalanta sogna, ma quando c’è il cambio di allenatore qualcosa nella testa dei giocatori scatta, complicando l’esito delle schedine. Pinilla o Denis potrebbero essere la risposta alle vostre fantapreghiere.

Carpi – Verona è sfida salvezza. Torno a ripetere che quando compri Toni e Pazzini, in modo da coprirti e avere un buon sostituto, ti arrabbi. Non è possibile. Perciò che dire, dentro Matos che non va mai sotto al 6,5. I restanti 21 neanche negli amatori.

Genoa – Napoli segnerà la svolta nel campionato. Padroni di casa che faranno il colpaccio, vincendo. Non appena Gasperini capirà che nella difesa a tre devono e possono giocare solo Burdisso, De Maio e Rizzo sarà la rinascita del grifone. Nel Napoli continua a non giocare Gabbiadini, nonostante le doppiette e il 100% in GTA V. 1 fisso.

Lazio – Milan andrà in diretta dagli studi di “Chi l’ha visto?” e racconterà la storia di Antonio, rampollo di casa Candreva misteriosamente scomparso dopo aver fatto dannare milioni di persone all’asta del fantacalcio. Biancocelesti con un rullino di marcia atomico in casa e Milan con Alessio Cerci reduce da due vittorie. Il calcio è strano. Bonus di Bonaventura sicuro al 100%.

Nel monday night più esclusivo d’Italia abbiamo le due partite con il tasso più alto di spettatori Iraniani della storia: Chievo – Sampdoria e Palermo – Empoli. La prima vede un Chievo dei miracoli un po’ in crisi di risultati, ma non di gioco. È chiaro che se lasci Meggiorini in panca queste sono le conseguenze. La Samp ha dalla sua il capocannoniere della Serie A e il pilastro della nazionale italiana, Eder. Perciò tutto può succedere. Nella seconda partita, quella delle 21,00, c’è l’uno fisso da giocare. Palermo che gioca bene ma non raccoglie. È arrivato il momento. In casa. Contro un Empoli privo di Diousse ma con un grande Mario Rui.

Squadra della settimana:
Rafael;
Zaccardo Gobbi Rispoli;
Badu Mounier Cigarini Sala;
Floro Meggiorini Ciofani.

Questa rubrica è realizzata in collaborazione con il Birrificio Saragiolino

saragiolino

Nessun commento su Fantacalcisticamente: a tutta birra!

Fantacalcisticamente: i consigli per la formazione

Nona puntata di Fantacalcisticamente, contornata da tante belle novità. In primis i complimenti miei e di tutta la redazione al mio Amico, neo laureato, Marco. Seconda cosa: sono felice di…

Nona puntata di Fantacalcisticamente, contornata da tante belle novità. In primis i complimenti miei e di tutta la redazione al mio Amico, neo laureato, Marco. Seconda cosa: sono felice di annunciarvi che abbiamo raggiunto l’accordo con uno sponsor per il Gran Torneo di fine stagione: un birrificio artigianale della Valdichiana che sarà nostro partner per i mesi a venire, e che vi riveleremo la prossima settimana!

Ma veniamo a noi. Nona giornata di campionato caratterizzata dal calcio all-day: grazie ai diritti televisivi potremo passare un weekend post festa di laurea tranquillamente in coma sul divano, con una flebo di Coca Cola attaccata fino alle 23, orario in cui la combo compleanno + riabbocco potrà e dovrà essere letale. Tranquilla mamma, si scherza.

Sabato alle 15 aprono le danze Empoli – Genoa. Due difese così marce non si vedevano dai tempi dei festini a cui partecivamo, dove minimo c’erano tre lavande gastriche e ci regaleranno sicuramente spettacolo. Pavoletti si è sbloccato, non dico altro.

Muriel riuscirà a sbloccarsi?

Muriel riuscirà a sbloccarsi?

Carpi – Bologna è indubbiamente il big match di sabato. Leggenda narra che per ogni partita tra neo promosse muoia una leggenda del calcio indogiapponese. Se da questa laurea mi avanzano 2€ prometto di giocarli sul 2 fisso, nonostante Destro non si sblocchi e Delio tenga in panchina Di Vaio.

Palermo – Inter è il miglior pre-compleanno che ci sia. Al diavolo la cena quando vedi in campo contemporaneamente Kondogbia, Rispoli e Medel. Potrebbe essere la volta buona che una partita dell’Inter finisca over 2,5 e quindi Icardi primo marcatore potrebbe risollevare l’economia del tuo sabato sera.

Sampdoria – Verona è l’antipasto della domenica. Probabilmente chi decide le partite è a conoscenza che il 97% delle persone guarderà qualsiasi partita delle 12, poiché ancora in un mondo tutto suo, dove Barreto rimorchia grazie al sex appeal e dove Rafael è di gran lunga migliore di Buffon. Muriel è da troppo a secco di gol, mentre Pazzini cerca la continuità e il gol dell’ex.

Tre partite alle 15, tutte di livello internazionale. Juventus – Atalanta è la prova del nove per i bergamaschi. Se riusciranno a vincere anche contro una piccola potranno pensare di ambire a traguardi importanti. Bianconeri reduci dallo squallido pareggio in Champions, che però ha già dato le prime sentenze: Alex Sandro (Alessandro, dicesse Piccinini) non è adatto al gioco del calcio, Morata è più discontinuo di Menez e Allegri odia Dybala. Vabbè che tanto con un Barzagli così… ho Marchisio al fantacalcio e quindi sarà lui a far gol.

Milan – Sassuolo: padroni di casa che non riescono neanche a vincere il trofeo con il nome del loro presidente. Un mercoledì sera. Senza pressioni. Contro Ranocchia. Se il Sassuolo usa anche solo il 40% delle energie riesce ad abbattere il Milan e a far esonerare Mihajilović.

Udinese – Frosinone è lo spettacolo vero del pomeriggio. Ospiti in piena corsa Europa League, mentre padroni di casa sull’orlo del baratro. Di Natale / Thereau Vs Ciofani / Dionisi è la sfida più avvincente che il panorama calcistico mondiale abbia da offrire e, con le brutte prestazioni di Diego Costa, Mourinho ci pensa.

Fiorentina – Roma delle 18 è soprattutto Dzeko contro Kalinic. Nonostante Garcia abbia declassato il bosniaco a lavapiatti ufficiale della squadra, i fantallenatori ancora credono in lui. La bella prestazione in fase difensiva della Roma in Champions fa ben sperare Sousa, che nonostante la rete più bella della Serie A, continua a tener fuori Verdù. (N.B. la scorsa settimana ho detto che De Rossi fosse finito e ha fatto tre gol in due partite. Ho il magico potere di rianimare i morti).

Lazio – Torino è la partita della svolta, per una delle due. Padroni di casa orfani di quasi tutti i centrocampisti e con una delle difese più scandalose mai viste. Dati alla mano, il Parma dell’anno scorso con Lucarelli e Felipe reggeva meglio la baracca di Gentiletti e Mauricio. Baselli è super mentre Zappacosta fatica troppo a trovare le buone giocate. Maxi Pancetta Lopez potrebbe ben figurare al fianco di Quagliarella.

Posticipo serale di livello: Chievo – Napoli. Il Messi veneto Riccardo Meggiorini è da qualche giornata un po’ sottotono, forse il pensiero che CR7 e Lewandowski abbiano smesso di segnare lo ha un po’ smontato e le parole dette a fine allenamento ieri ne sono la conferma: “Sono deluso dai miei colleghi. Nessuno ancora mi ha sfidato al gioco dei cinque gol. Hanno preferito nominare Wijnaldum, che ne ha fatti solo quattro, che me. Ho lasciato la scarpa d’oro a Cristiano, ma il pallone d’oro me lo porto a casa”. Con Mertens infortunato Gabbiadini continua a non giocare mai. Avrà un carattere più brutto del mio dopo sei Tennent’s. Comunque sia il Chievo è la bestia nera del Napoli e Rigoni e Castro saranno lì per ricordarglielo, oltre che per truffare 3/4 dei giocatori.

Squadra della settimana:
Mirante;
Wague Masiello Gastaldello;
Mounier Zielinski Grassi Badu;
Dionisi Maccarone Lasagna.

Nessun commento su Fantacalcisticamente: i consigli per la formazione

Fantacalcisticamente: aspettando il derby d’Italia

Qualificazione agli Europei alle spalle, si torna, finalmente, alle cose serie: il fantacalcio. Torna il classico weekend calcistico e torna “Fantacalcisticamente”: sei partite domenicali alle 15 equivalgono, per molti di noi,…

Qualificazione agli Europei alle spalle, si torna, finalmente, alle cose serie: il fantacalcio. Torna il classico weekend calcistico e torna “Fantacalcisticamente”: sei partite domenicali alle 15 equivalgono, per molti di noi, a un amplesso provocato dalle #minne di Lucia Javorčeková. (Un minuto di silenzio per il sangue versato dai miei polpastrelli per scrivere questo cognome).

Sabato alle 18 scontro brutale tra la mafia bosniaca, approdata a Roma e nella Roma, e la gang degli scappati di casa, capitanata dall’ex detenuto di San Quintino Saponara. Turnover in vista per i padroni di casa, che non appena capiranno che De Rossi è più finito di un sedicenne dopo due ore di YouPorn, vinceranno il tanto ambito tricolore. Toscani bisognosi di tanto, ma tanto tanto Anorthosis per passare indenni nella capitale, puntando sui miracoli dell’ex Skorupski e sui gol vecchio stampo di Big Mac. Inutile dire di mettere Gervinho, tanto non ce l’ha nessuno in rosa. Quindi opterei per quello sciupafemmine di Iago Falque.

Il posticipo serale ci accompagnerà direttamente al bar, prima della Capannina. Torino – Milan è la prova di maturità per entrambe. Sulla carta la squadra di casa è favorita, ma si sa, gli ospiti hanno vinto tante Champions League… Vedremo se avrà la meglio l’insostituibile Pappa Ventura, con i principi di corsa e pressing, o Sinisa, che ha in rosa Montolivo, Honda, Abate, De Sciglio, Zapata. Quagliarella raramente sbaglia questi appuntamenti e Bacca deve dimostrare di meritare la B davanti al proprio cognome e non la C.

pavoletti

Pavoletti: il bomber che non tradisce!

Se volete un motivo per saltare il pranzo coi parenti in post sbronza, eccolo qua: Bologna – Palermo alle 12,30 è la libidine che Jerry Calà ha sempre dichiarato. Scontato come un “carico a traverso” la prima mano di briscola, Destro si sbloccherà. Al Palermo segna sempre, vuoi perché la sua ex ragazza era di lì o vuoi perché Gonzalez ogni volta lo gioca primo marcatore. Se la regola del gol dell’ex vale anche per gli over 45 allora anche il Gila metterà la sua firma.

Arriviamo al momento tanto atteso. È stata una settimana dura, lo so. Ma siete stati fortunati, perché la vostra ragazza avrà lanciato l’ultimatum “o me o il calcio” e voi, spegnendo di scatto la TV e con un ghigno dal sapor di vittoria avete pensato “cazzo mene, l’assecondo, tanto non sa che c’è la pausa nazionale”. Nell’aria risuonava la musichina dei video “Thug Life”. Atalanta – Carpi è una partita strana. Quando una neo promossa vince una partita di solito non sbaglia neanche quella dopo. I bergamaschi cercano la riscossa dopo la figuraccia rimediata domenica scorsa, ma qualcosa mi dice che il gol di Moralez non basterà.

Frosinone – Sampdoria: ospiti che hanno portato d’urgenza Correa dal fabbro per rimediare a quei due piedi sinistri che per errore gli avevano montato. Causa in corso con l’Ikea. Frosinone (culone) ha mostrato belle cose, potrebbe creare diversi grattacapi a una squadra che praticamente gioca con una difesa di 4 terzini. Eder è galvanizzato e giocherà gli Europei, quindi un gol lo fa. Occhio a Tonev.

Genoa – Chievo è 1 fisso. Proprio niente di più facile. 3-0: Pavoletti, Pavoletti e Perotti.

Verona – Udinese è una partita che assomiglia a un match di beneficenza tra le vecchie glorie. Squadre un po’ in crisi di risultati e di uomini nel reparto offensivo. In dubbio Thereau, l’attacco ospite potrebbe essere guidato dall’unico Di Natale, che vale più di tutta la rosa, però ha pur sempre 38 anni. Nelle file di casa si spera (e soprattutto lo spero io) nel ritorno del Pazzo, da troppo a secco di gol. Gomez, salta un uomo, la mette in mezzo…. Giampaolooo Paaaaazzziniii.

Napoli – Fiorentina è la miglior partita che la Serie A ha da offrire. Credo che la spunterà il Napoli, squadra più affidabile davanti e col tifo dalla loro. E non scordiamoci la coppia di scippatori più blasonata d’Europa: Insigne e Callejon, che potrebbero entrare nella difesa viola meglio di Rafa Benitez in una pasticceria. Nei toscani in dubbio Kalinic, che potrebbe fare staffetta con Babacar, mentre Verdù dopo un gol del genere deve essere titolare a vita. Primo marcatore Hamsik, gasato dalla nazionale.

Sassuolo – Lazio. Pep lo ha detto più volte “se sono l’allenatore che sono lo devo solo a Eusebio, lui mi ha insegnato tutto, mi ha trattato come Roberto trattò Holly“. Il tridente più forte d’Europa, se non del mondo, è pronto a sfidare la difesa più lenta d’Italia, che dovrà fare a meno di De Vrij per altri mesi. Recupererà in tempo per l’Europ…. Ah, no. Se i conti tornano e il gioco prosegue, Defrel dovrebbe essere il prossimo a fare 5 gol, dato che è stato nominato da Aguero.

Inter – Juventus, il derby d’Italia. Non c’è bisogno di presentazioni, sarà semplicemente Ranocchia contro Padoin. Non è più come l’anno scorso, adesso i nerazzurri hanno dalla loro il fattore C, mentre i bianconeri potranno sempre contare sul fattore A. Che dire, vedere Hernanes che sfida Melo varrà il prezzo del biglietto e non vedo l’ora di ubriacarmi a suon di tunnel by Kondogbia (36 milioni, ricordiamolo). La Juve ha rimesso in rosa Martin Bevosempreciao Caceres, che di pronta risposta ha finto l’infortunio per essere ospite del White Moon. Sperando che non ci siano Caressa e Marchegiani a commentare, sarà uno scatenato Chiellini a firmare il vantaggio, mentre Pogba sigillerà il risultato.

Squadra della settimana:
Rafael;
Barba Pisano Moisander;
Diousse Ivan Greco Martinho;
Destro Lasagna Dionisi.

Nessun commento su Fantacalcisticamente: aspettando il derby d’Italia

Fantacalcisticamente: tutti insieme con Letizia

I tempi cambiano, le mode passano, ma Fantacalcisticamente resta. Quarta puntata e settima giornata in questo freddo weekend di ottobre. Partiamo subito con il grande calcio che ci propone la…

I tempi cambiano, le mode passano, ma Fantacalcisticamente resta. Quarta puntata e settima giornata in questo freddo weekend di ottobre.

Partiamo subito con il grande calcio che ci propone la Serie A di sabato e le tante scuse che ci offre per non avere una vita sociale. Alle 18 super sfida in chiave Champions per il Toro di Big Pappa Ventura che vola a Modena per sfidare il nuovo Carpi di Sannino. L’imperativo per i padroni di casa, nonostante il cambio di allenatore, è il solito: Letizia, Zaccardo, Borriello e s’abbracciamo. Toro senza pezzi importanti come Peres e Baselli, ma con un Afriyie Acquah in formato calcio a cinque tra scapoli e ammogliati, oltre a un sempreverde Cesare Bovo a comando della difesa. Col cambio di allenatore ci sono sempre delle sorprese durante la partita, perciò punterei forte su Di Gaudio e Borriello. Zappacosta e Glik potrebbero far male.

GaetanoLetizia

Con Letizia sorride la difesa!

Questo sarà il sabato delle riaperture dei locali più IN della provincia di Siena, tutti messi a nuovo (e a norma) e pronti per una notte di sballo. E quale scusa per saltare tutto questo può essere più azzeccata di “Ragazzi scusate stasera faccio serata lunga, prima guardo il derby di Verona e poi interviste post partita fino alle due”? Sì perché Chievo – Verona non è soltanto una stracittadina, è l’essenza. È tutto quello che vorresti vedere e che finalmente puoi vedere. Ci saranno così tante legnate e così tante brutte giocate che piangerai da cotanta inadeguatezza calcistica. Cesar contro Jankovic. Roba da rinchiudersi in casa a vita. Solitamente i derby li vincono le squadre che in classifica stanno messe peggio, perché ci mettono il doppio del cuore. Sala e Hallfredson protagonisti principali, mentre con l’infortunio di Leo Messi Meggiorini potrebbe non avere più certi stimoli nell’eterna sfida tra i mancini più forti degli ultimi vent’anni.

All’ora di pranzo una partita che potrebbe segnare la fine di un’era. Empoli – Sassuolo sarà la fine dell’imbattibilità dei neroverdi? Senza la coppia difensiva AcerbiCannavaro (entrambi infortunati ed entrambi nella mia squadra di fantacalcio, ovviamente) l’attacco toscano potrebbe aver vita facile, nonostante la squalifica per tre giornate di Saponara. E quindi Big Mac pronto a far esultare i sessantamila del Castellani. Attenzione però, Guardiola ha avvertito il mondo: “Se mi trovassi contro DefrelBerardi e Sansone neanche se difendessi in dieci riuscirei a non prendere gol”. Squadre avvisate, mezze salvate.

Tre partite alle 15 e tutte di un livello non indifferente. Palermo – Roma è la sfida dove Dzeko si sblocc…. Ah, no. Allora sarà la sfida dell’eterno Totti, che incanterà Palermo e…. Ah, no. Peccato per l’aggiornamento iOS9 della Apple che non va sull’iTurbe, poteva essere un bell’affare. Chissà che i rosanero non trovino la loro terza vittoria. Io due euro ce li spenderei sull’1 fisso.

Sampdoria – Inter è l’amarcord fatto persona. Da una parte Zenga, portierone veterano dell’Inter e dall’altra Mancini, eroe doriano. Squadra di casa un po’ spenta nell’ultima apparizione, con Eder, Muriel e Cassano molto sottotono, ma tanto sovrappeso. Nerazzurri orfani di Jovetic, che dopo sei partite dà forfait e tranquillizza chi non aveva puntato su di lui non facendo rimpiangere la scelta. Adesso manca solo Pepito Rossi e tutto tornerà alla normalità. Icardi è il grande ex e, Wanda permettendo, il gol è certo.

Udinese – Genoa è un match molto interessante. Nei friuliani lungo stop per Duvan, che ne avrà per un mese e mezzo. Spazio quindi al tandem collaudato DiNatale e Thereau, che non saranno forti quanto Ciofani e Dionisi, ma se la cavano. Nei grifoni è tornato al top Pavoletti, l’uomo che segna più di CR7 e che viene considerato meno di Abbruscato. Dopo la squalifica ritorna Cissokho, l’ala più veloce del Madagascar. Nessun problema invece per il sempre più acquistato dai bambini iTurra, che con una puntualità immane prende 4,5 come se non ci fosse un domani.

iTurbe alla ricerca dell’aggiornamento

Aperitivo pagato da Allegri e Pioli, che pur di far venire gente allo stadio donerebbero uno Sturaro e un Radu ai bambini bisognosi. Juventus – Bologna sulla carta è solo una formalità, ma i bianconeri ci stanno abituando a cose raccapriccianti in campionato. Menzione speciale per Lichtsteiner, che dopo sei anni di apnea rischia la carriera. Ne danno il triste annuncio tutti i laterali di sinistra che ogni volta non venivano marcati. Potrebbe essere la riscossa juventina, quindi sotto con i vari Over e Altro.

Lazio – Frosinone è l’altro derby che ci propone il calendario. Tecnicamente più brutto di quello veronese e con risultato piuttosto semplice da indovinare, ma chissà se Soddimo riuscirà a diventare Re del Lazio con una partita perfetta. Nei laziali potrebbe dire la sua uno che non “bonusseggia” da troppo tempo: Basta.

“Amore stasera usciamo? È una domenica così bella!” Beh, per una volta non ci saranno bisogno di scuse per dirle di no. Basterà sussurrarle all’orecchio “Milan – Napoli, Zapata contro Albiol” per farla sciogliere in un brodo di giuggiole. Capirà che il calcio viene prima di tutto e che il fantacalcio viene prima di lei. Due super attacchi e due pessime difese per uno spettacolo garantito. Impossibile prevedere un risultato, ma di certo Callejon sarà protagonista assoluto.

Fiorentina – Atalanta è l’altro posticipo delle 20,45. La scienza sta ancora studiando come sia possibile che una squadra con Badelj titolare possa esser prima in classifica, ma nel frattempo ci godiamo un Borja Valero superiore a Iniesta e una difesa più impenetrabile di Lucia de “I Promessi Sposi”. In questi anni la viola ci ha abituati a grandi “tonfi” dopo bellissime prestazioni, vedremo se Sousa invertirà questo senso. Nei bergamaschi tanta fiducia in Kurtic e De Roon, che ricordano vagamente Veron e Rijkaard.

Squadra della settimana:

Sorrentino;
Souprayen, Bovo, Marchese;
Croce, Sala, Soddimo, Padoin;
Trajkovski, Maccarone, Borriello.

Nessun commento su Fantacalcisticamente: tutti insieme con Letizia

Fantacalcisticamente: verso la sesta giornata

Bentornati ad un’altra puntata targata Fantacalcisticamente. Si è concluso il turno infrasettimanale, con risultati a dir poco strappaschedina e una serie di ribaltoni in classifica non indifferenti. Notoriamente il turno giocato infrasettimanalmente…

Bentornati ad un’altra puntata targata Fantacalcisticamente. Si è concluso il turno infrasettimanale, con risultati a dir poco strappaschedina e una serie di ribaltoni in classifica non indifferenti. Notoriamente il turno giocato infrasettimanalmente è una mazzata per chiunque, ma su di me ha un effetto ancor più ridondante: una vita di fantacalcio e, a reperto, solo UNA vittoria. E non fa eccezione questa giornata, visto che sono arrivato a malapena 60 punti e nel giro di due giorni mi si sono rotti Toni e Pazzini.

felipe melo

Un gol al bacio per Felipe Melo

Sfiga a parte, nella quinta giornata ci sono stati quattro risultati degli di nota. Spicca su tutti il gigante Chievo, che con l’eunuco più forte della bassa Argentina, Castro, porta a casa i tre punti contro il Torino e si conferma seria pretendente al tricolore. A Modena il Carpi di un sempre più amato Letizia trova un pareggio alla vigilia insperato contro un Napoli brutto e più sterile del buon Castro, sopracitato. Irrigatori partiti “per errore”, zolle di campo alte due metri e asini che volano hanno contribuito a questo fondamentale pareggio. A Genova una Sampdoria versione Champions League sbanca contro la Roma vincente scudetto a 1,25. Bisnonno De Sanctis e giocolier Manolas fanno di tutto per prendere l’over 2,5 giocato nella schedina. Immediati i complimenti via Twitter di Masiello per il greco. Allo Stadium arriva il Frosinone ultimo in classifica. Sfida fondamentale per tirare le prime somme sulla retrocessione. Zaza illude, Blanchard porta tutto alla normalità al 92′. 1-1 e tutti contenti.

La sesta giornata sarà una tre giorni di alcol, patatine unte cadute nell’ombelico e la totale assenza di doccia.

Si parte sabato alle 18 con Roma – Carpi. Sulla carta sfida facile per i giallorossi, ma occhio ai magazzinieri/giardinieri infiltrati all’Olimpico. Dzeko è rimasto a secco di gol per troppe giornate, la vida loca romana stanca, si sa, ma il gigante bosniaco sotto l’ala protettiva di Maicon sta perdendo la retta via. Dall’altra parte lo splendido Letizia, al centro di numerosi studi ingegneristici su come una pettorina possa realmente fermare o intralciare il flusso di un getto d’acqua che scorre a più di 100km/h, si è caricato la spalla sulle spalle e dopo la dedica di J Ax arriva la stoccata di Fedez, dispiaciuto e pentito di averlo venduto al fantacalcio: “Non scorderò i valori, amori, i pianti e l’amicizia; non scorderò mai quando abbiamo detto “bye bye Letizia””. Ci sarà il gol di Naingollan e la doppietta di Dzeko.

Posticipo serale che in base al risultato ti darà il pieno di diritto di andare in discoteca con la maglia della vincente: Napoli – Juventus. 6 e 5 punti, mai state così vicine. Platini e Maradona ogni volta che Sturaro e Koulibaly toccano palla hanno una scossa dal pacemaker. Idee confuse per Allegri, che insieme alla dirigenza ha chiesto consiglio a sua maestà Ranieri. Chiare invece le idee di Sarri, che non schiererà Gabbiadini finché non andrà in comunità. Hamsik primo marcatore è scontato come gli stati su Facebook del #primoultimogiornodiscuola.

All’ora di pranzo ci sarà Genoa – Milan. Ospiti che vengono da una buona vittoria contro gli amatori provinciali di Pozzuolo del Friuli tentano il colpaccio, sperando che Pandev e Rincon stecchino due bistecche e due bottiglie di buon rosso. Luiz Adriano e Montolivo protagonisti assoluti.

Quattro partite alle 15. Bologna – Udinese vedrà di fronte Adnan e il nuovo prodotto Apple, iTurra, ad Acquafresca e Diawara. Giocatori che fanno del piede sensibile e della velocità i loro punti di forza. Pagherei per poter vedere soltanto il riscaldamento di Rossettini, ma per ora rimane un sogno nel cassetto. Da tenere d’occhio Kone, ex della partita e in cerca di riscatto dopo l’espulsione.

Verona – Lazio potrebbe risultare come una passeggiata della salute per i difensori biancocelesti. Senza Toni e il Pazzo, Mandorlini si affiderà veramente al tridente Siligardi/Juanito/Zaccagni? Potrebbe essere la decadenza ufficiale della Serie A. Nella Lazio si è sbloccato Felipe Anderson, non dico altro.

Torino – Palermo è il classico 2 fisso. Quaison e Vazquez firmeranno l’1-3 più facile mai giocato. Glik per i granata.

guardiola.bayern.incredulo

La cinquina di Lewandowski stava per far ricrescere i capelli a Guardiola

Ed eccoci ad una delle due partite più attese della settimana: Sassuolo – Chievo. La terza contro la quarta. Defrel contro Meggiorini. Qualità contro quantità. Verde contro giallo. Cementi contro panettoni. Il calcio contro il calcio. Non è un caso che dopo aver visto sbloccarsi Defrel abbia fatto 5 gol Lewandowski. La copia autografata del libro di Di Francesco ha dato nuovi stimoli a Guardiola e a tutto lo staff. Non ci resta goderci la partita e che vinca il migliore.

Posticipo domenicale di tutto rispetto, che ci concede il nullaosta per saltare la cena con la fidanzata. Inter – Fiorentina potrebbe essere la fine della fortuna interista e la volta buona in cui vedremo più di un gol. Felipe Melo dopo aver rotto quattro mandibole e due zigomi è pronto a sfidare Rossi. Alla SNAI “infortunio Giuseppe Rossi SI” neanche lo quotano da quanto è facile. Di solito contro la fiorentina segnano i centrocampisti, quindi non è da escludere la prima gioia neroazzurra di Kondogbia.

Alle 19 di lunedì l’altra partita che il mondo aspetta: Frosinone – Empoli. I fratelli Ciofani ospitano l’ossimoro più bello della Serie A, Saponara/Maccarone. Fonti ben definite della TV araba danno per certa la presenza sugli spalti di Florentino Perez, intento ad usare il Frosinone come prossima Castilla, spostando Stellone da allenatore a capo magazziniere in tempo record. Vedremo se avrà la meglio la premiata ditta Castillo/Ciofani contro la ballerina difesa toscana.

Ultima partita della sesta giornata è Atalanta – Sampdoria. Dopo le fatiche mentali e fisiche del lunedì non c’è niente di meglio che guardare una partita che probabilmente neanche i tifosi bergamaschi guarderanno. Per la gioia dei fantallenatori e per il buon gusto di chi andrà a vedere la partita ci sarà il ritorno in campo di Vasco Regini, reduce da un 3,5 senza precedenti. Troppo facile dire Eder e Muriel e infatti il primo marcatore sarà Barreto.

Formazione della settimana:

Mirante;
Wague, Oikomonou, Zambelli;
Mounier, Quaison, Greco, Soddimo;
Siligardi, Maccarone, Meggiorini.

Nessun commento su Fantacalcisticamente: verso la sesta giornata

Type on the field below and hit Enter/Return to search