La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: sindaco andrea rossi

Montepulciano: comune attento alla sostenibilità ambientale

Il comune di Montepulciano si pone ancora una volta all’avanguardia in tema di prevenzione della salute. L’amministrazione guidata da Andrea Rossi, ha creduto subito nella nuova associazione nazionale dedicata alla…

Il comune di Montepulciano si pone ancora una volta all’avanguardia in tema di prevenzione della salute.

L’amministrazione guidata da Andrea Rossi, ha creduto subito nella nuova associazione nazionale dedicata alla salubrità dei fabbricati, nata proprio nel comune della Valdichiana per iniziativa di un gruppo di professionisti esperti, a vario titolo, di un tema di crescente interesse e che riguarda la salute di tutti. L’associazione si chiama Professionals Buildings Healty Italia, PBH Italia ed è nata a febbraio con l’intento di promuovere in Italia la salute, il confort, la salubrità, l’igiene e la sicurezza dei fabbricati nell’interesse degli utilizzatori degli stessi e dell’intero Paese e si avvale di un consiglio scientifico di esperti in varie materie.

Il 4 Ottobre il Palazzo del Capitano di Piazza Grande, ha ospitato la seconda uscita pubblica di PBH Italia, dopo l’evento del 18 settembre nella Sala Monumentale di Palazzo Chigi a Roma, dal titolo “La salubrità negli edifici pubblici e privati”.

“Sono grato al Sindaco di Montepulciano Andrea Rossi – ha detto il Presidente di PBH Italia Stefano Biagiotti a margine dell’evento poliziano – che ha incoraggiato questo progetto da subito; si è dimostrato lungimirante e sono contento che questa associazione a carattere nazionale abbia sede proprio qui”.

“Ringrazio anche il resto dell’amministrazione – ha proseguito Biagiotti – che oggi ci è venuta a trovare durante il Seminario, in particolare gli assessori Franco Rossi e Tiziana Terrosi”.

Il dott. Stefano Biagiotti, esperto di gestione dell’energia e dell’ambiente, spiega così le finalità dell’associazione nata senza scopo di lucro.

Fondando PBH Italia abbiamo voluto dare una risposta alla domanda crescente di attenzione alla salute. Per fortuna sta aumentando la sensibilità verso il tema della salubrità dei luoghi chiusi, dove trascorriamo la maggior parte del nostro tempo. Per molto tempo ci siamo, giustamente, concentrati sulla qualità dell’aria esterna, ma adesso va dato il giusto peso all’inquinamento che si concentra nelle nostre case, negli uffici, nelle scuole. Sull’argomento c’è bisogno di informazione per il pubblico, di formazione per tutti i professionisti coinvolti nell’edificare salubre e di sollecitare la politica per aprire un tavolo interministeriale con gli attori della filiera del costruire sano per stabilire regole accurate”.

E la politica ha già dato segnali di grande interesse verso il lavoro dell’associazione. A Montepulciano è intervenuto il deputato del Partito Democratico On. Luigi Dallai, componente dell’ VIII Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici. Senese e ricercatore del CNR, Dallai ha offerto il suo sostegno politico al lavoro dell’associazione.
Grande interesse all’iniziativa ha dimostrato il Ministero della Salute, che ha inviato la dott.ssa Annamaria de Martino, dirigente medico, responsabile Ambiente di vita indoor, clima e salute che da molti anni segue, per il Ministero, il tema della tutela e della promozione della salute negli ambienti confinati.

“ La popolazione spende la maggior parte del tempo all’interno di edifici – ha spiegato la dott.ssa de Martino – e, in particolare, restano di più in casa le fasce sensibili, i bambini e gli anziani, ma è proprio al chiuso che si accumulano gli inquinanti. Per questo è nostro compito intervenire con un’attività di prevenzione delle potenziali malattie causate dall’inquinamento negli interni”.

Per la costruzione e ristrutturazione di edifici secondo le regole che garantiscano il massimo della salubrità servono progettisti e operai preparati e una figura che sia in grado di certificare il raggiungimento dell’obiettivo. È evidente che il bene comune in questo caso coincida anche con un’ opportunità di sviluppo economico e di nuova occupazione. Per parlare delle potenzialità di tale percorso virtuoso è intervenuto il Prof. Gian Piero Joime, docente di economia dell’ambiente e del territorio dell’Università Guglielmo Marconi.

In conclusione, vale la pena ricordare che nessun edificio, realizzato secondo le migliori tecniche e con i materiali più sicuri, può salvaguardarci dalle cattive abitudini. Ecco tre regole da seguire per una casa salubre: non fumare mai in ambienti chiusi, fare attenzione alle modalità di cottura dei cibi e areare sempre i locali.

Nessun commento su Montepulciano: comune attento alla sostenibilità ambientale

Montepulciano: Millacci sulla rielezione di Andrea Rossi sindaco

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Alberto Millacci,  Segretario U.C. PD Montepulciano, sulla rielezione si Andrea Rossi sindaco “Un grande risultato, una percentuale addirittura superiore alla consultazione del 2009”, e’…

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Alberto Millacci,  Segretario U.C. PD Montepulciano, sulla rielezione si Andrea Rossi sindaco

“Un grande risultato, una percentuale addirittura superiore alla consultazione del 2009”, e’ con queste parole che Alberto Millacci, Segretario dell’Unione comunale del PD di Montepulciano, commenta la riconferma del Sindaco Andrea Rossi e la vittoria della coalizione Centrosinistra per Montepulciano.

Un risultato che parte da lontano, prosegue Millacci, abbiamo proposto una coalizione che nella passata legislatura ha garantito stabilità e capacità amministrativa, abbiamo presentato un Programma costruito con la partecipazione di tutti, un Programma concreto, realizzabile, molto articolato e complesso che cerca di affrontare tutte le tematiche più importanti per chi si candida ad amministrare il proprio territorio e per chi lo vuole fare con serietà, competenza e senso di responsabilità.

Abbiamo presentato una squadra coesa, determinata, composta da sette donne e nove uomini che si sono messi a disposizione della coalizione mettendoci impegno ed entusiasmo, a tutti i candidati va il mio ringraziamento, ognuno di loro ha contribuito al raggiungimento del grande risultato ottenuto.

Abbiamo portato avanti una campagna elettorale basata sul confronto e sul dialogo con i nostri cittadini, una campagna elettorale coinvolgente dove hanno vinto le idee e la speranza, contro la rabbia e il populismo.

Faccio le mie congratulazioni ad Andrea Rossi, che con il 65,65% dei consensi ha visto riconosciuto l’ottimo lavoro fatto nella sua prima legislatura, un risultato che sarà da stimolo per fare sempre meglio.

Il Partito democratico ha dimostrato in questa tornata elettorale, sia per le Amministrative che per il rinnovo del Parlamento europeo, di essere un Partito che sta attraversando un grande momento, questo ci fa ben sperare per il futuro di Montepulciano e per il futuro del Paese!!”

 

Nessun commento su Montepulciano: Millacci sulla rielezione di Andrea Rossi sindaco

Centrosinistra per Montepulciano: Andrea Rossi parla di Welfare e Sanità

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dell’iniziativa del “Centrosinistra per Montepulciano” candidato Andrea Rossi, svolta ieri, 22 maggio, a S.Albino, per parlare di Welfare e Sanità. È difficile condividere l’idea…

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dell’iniziativa del “Centrosinistra per Montepulciano” candidato Andrea Rossi, svolta ieri, 22 maggio, a S.Albino, per parlare di Welfare e Sanità.

È difficile condividere l’idea che non c’è più partecipazione nella politica quando assisti ad un dibattito come quello di ieri sera a Sant’Albino. la sala del centro civico della frazione poliziana ha visto una incredibile partecipazione di pubblico forse perchè, come ha ricordato il moderatore Giancarlo Pagliai, “il tema della serata rappresenta uno degli appuntamenti più importanti di questa campagna elettorale”. Ospiti del Sindaco Andrea Rossi, candidato del Centrosinistra per Montepulciano alle amministrative di domenica prossima, sono stati Maurizio Pozzi, presidente della Coop. Medici 2000, Flavio Civitelli, Consigliere nazionale Sindacato della dirigenza medico-sanitaria e Rosanna Pugnalini, membro della Direzione regionale del PD.

Sanità e servizi sociali, quale futuro ci aspetta? Maurizio Pozzi, presidente di una cooperativa di 190 medici di famiglia che operano nelle cosiddette Case della Salute come quella di San Cristofano sorta nel vecchio ospedale di Montepulciano, ha parlato di un progetto di successo che può essere visto come una prospettiva alternativa all’ospedale: “la nostra esperienza nasce dalla continua richiesta di prestazioni sanitarie ai medici di famiglia. Il centro medico polifunzionale di San Cristofano ha avuto un successo oltre il limite previsto. Nei nostri ambulatori esercitano gratuitamente per i loro assistiti i medici di famiglia del comune di Montepulciano oltre ad alcuni medici professionisti di diagnostica e diverse attività mediche provenienti dal distretto sanitario”. Su questo progetto partecipato e sostenuto dall’amministrazione, il Sindaco Rossi ha precisato che “le Case della Salute come quella di San Cristofano,(la prima in provincia di Siena) credo debbano sorgere numerose nel territorio della Valdichiana e della nosra provincia per garantire i servizi di medicina generale “.

Flavio Civitelli, oltre ad essere un sindacalista, è anche e soprattutto un ottimo medico pediatra dell’ospedale di Nottola. “Il nostro presidio ospedaliero rappresenta la prima linea assistenziale a tutte le emergenze sanitarie provenienti dal territorio: dal neonato al centenario. Un ospedale grande per qualità ma piccolo per le risorse assegnate”. E sottolinea ancora che “è notevole il senso di responsabilità dei lavoratori medici, degli infermieri e del personale vario, sempre pronti in ogni momento, a tornare a lavoro in casi di emergenza anche quando si è di riposo. Per fortuna abbiamo trovato un buon referente politico nella figura di Andrea Rossi, sindaco del Comune più importante della Valdichiana senese e per questo presidente dell’Unione dei Comuni e soprattutto presidente della Società della Salute. La sua competenza in materia gli ha permesso di essere sempre in prima linea a tutelare e mantenere il buon funzionamento dei servizi dell’ospedale di Nottola, un bene di tutto il territorio che va difeso ad ogni costo”.

Come Consigliera regionale, Rosanna Pugnalini, ha voluto rassicurare i presenti ammettendo che “la Toscana crede e crederà sempre nella sanità pubblica e al diritto alla salute. È per questo che ancora oggi i due terzi del bilancio della Regione sono destinati alle politiche socio sanitarie”. Poi sottolinea che “la Toscana con molti sacrifici ha già dato sulla razionalizzazione nazionale dei servizi e ora, tutto quello che esiste oggi nei territori, compreso l’ospedale di Nottola e la Società della Salute, rimarrà anche domani”.

Andrea Rossi accoglie con entusiasmo l’affermazione della consigliera regionale sul possibile mantenimento del progetto Società della Salute: “un’esperienza nata per far tornare protagonista la politica nella programmazione delle scelte in campo socio sanitario e sanitario. Un luogo di confronto vero e di programmazione tra Regione, azienda USL7 e territorio dove parlare dei problemi e delle prospettive. Sarebbe stata una sconfitta la chiusura della Società della Salute, perchè avrebbe significato lasciare tutte le decisioni in mano a soggetti distanti dal nostro territorio”. Materia veramente ostica la sanità:

“è difficile scrollarsela di dosso – ammette il Sindaco – perchè è una materia che ti prende con passione. Abbiamo vissuto i cinque anni peggiori di crisi economica degli ultimi cinquanta. Anche nella sanità ci sono stati continui tagli di risorse, ma nonostante questo Nottola non ha visto il taglio di nessun servizio e nessun posto letto, anzi siamo riusciti a completare subito dopo la nascita della struttura intermedia dell’Hospice, il progetto di ospedale di comunità con dodici posti letto in più entro la fine dell’anno. La professionalità dei medici e degli infermieri, le nostre eccellenze rappresentate dalla totalità dei reparti del nostro ospedale, certificano il livello qualitativo del nostro presidio. E così dovrà continuare ad essere anche nei prossimi anni e concentrarsi al massimo per diminuire le liste di attesa”.

Una crisi che non ha però risparmiato gli ospedali dei territori a noi vicini: tagli di servizi e ridimensionamenti del presidio della Fratta di Cortona e di quello di Castiglione del Lago o addirittura la chiusura come per quello di Acquapendente. In questo nuovo contesto, Nottola ricoprirà quindi un ruolo sempre più importante visto che raccoglierà un bacino di nuovi pazienti provenienti da altri comuni e altre regioni, in sinergia anche con l’ospedale di Abbadia San Salvatore“.

Nessun commento su Centrosinistra per Montepulciano: Andrea Rossi parla di Welfare e Sanità

Bezzini e Rossi: “L’acqua del Montedoglio, esempio di efficenza della pubblica amministrazione”

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’evento di campagna elettorale del Candidato Sindaco al comune di Montepulciano per il centro sinistra  Andrea Rossi:  “L’acqua del Montedoglio,un’opportunità di sviluppo per la Valdichiana…

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’evento di campagna elettorale del Candidato Sindaco al comune di Montepulciano per il centro sinistra  Andrea Rossi:  “L’acqua del Montedoglio,un’opportunità di sviluppo per la Valdichiana Simone Bezzini ed Andrea Rossi a Montepulciano Stazione”

Questo il tema trattato al centro civico di Montepulciano Stazione per la campagna elettorale del Centrosinistra per Montepulciano. Ospite di turno il Presidente della Provincia di Siena Simone Bezzini che ha aperto il suo intervento con un sincero apprezzamento sull’operato dell’amministrazione-Rossi in questi cinque anni di mandato.

“Ci tenevo a dirlo, e non per strumentali ragioni di propaganda politica, ma questa è stata un’Amministrazione estremamente competente e propositiva, elementi che vanno sottolineati e apprezzati”. L’agricoltura è senz’altro uno dei settori trainanti dell’economia della provincia di Siena, un territorio che esprime eccellenze e fonda il suo successo, come sottolinea lo stesso Bezzini, “sul binomio qualità prodotto – territorio e bravura imprenditoriale”. A Montepulciano, la valorizzazione e il rilancio della stagnante economia agricola di valle, dipenderà senza dubbio dall’arrivo dell’acqua dalla diga di Montedoglio.

L’acqua del Tevere rappresenta una opportunità reale ormai a portata di mano. Una storia che parte da lontano, – spiega Bezzini – negli ‘70 nacquero diverse ipotesi progettuali rimaste poi al palo per colpa di una burocrazia incapace di mettere le gambe al progetto stesso. finalmente nel 2011 la regione Toscana da via al progetto per la parte di rete irrigua e potabile che interessa la nostra provincia. Riguarderà circa 900 ettari di terreni irrigabili e l’approvvigionamento idropotabile dei comuni di Montepulciano, Sinalunga, Torrita e Chiusi, fornendo 50/80 litri al secondo di ottima acqua”. Il costo finanziario dell’opera sfiora i 10 milioni di Euro solo per la realizzazione del primo lotto che riguarda appunto il comune di Montepulciano.

“Un lavoro di squadra condiviso – ha sottolineato Bezzini – che ha coinvolto la regione Toscana, la Provincia di Siena, il Comune di Montepulciano, l’Autorità idrica integrata e il gestore Nuove Acque. Enti pubblici che hanno lavorato bene con prontezza e rapidità, un esempio di efficienza della pubblica amministrazione”.
L’arrivo dell’acqua dalla Val Tiberina apporterà benefici in Valdichiana anche sotto l’aspetto ambientale. “Non a caso – ricorda Bezzini – la rete irrigua toccherà uno dei territori della nostra provincia più fragili sotto l’aspetto della biodiversità: la riserva naturale del Lago di Montepulciano, dove negli anni della siccità abbiamo rischiato più volte un danno ambientale e dovuto tenere a freno le legittime richieste degli agricoltori che ci chiedevano di attingere acqua dal lago per le loro colture. Dal prossimo anno, con la rete irrigua a regime, ridurremo drasticamente i gravosi attingimenti dalle acque del chiaro”.

Ha chiuso la serata l’intervento del Sindaco Andrea Rossi che sul tema della serata ha condiviso le parole di Bezzini sull’ottimo lavoro di squadra tra le due amministrazioni. Citando il programma politico ha ricordato poi che “risolvendo gli annosi problemi cronici di mancanza di acqua per uso agricolo, l’arrivo dell’acqua dal Tevere rappresenterà un incentivo per tutti quegli agricoltori che vorranno modificare la loro vocazione aziendale puntando per la prima volta su colture più redditizie come quelle ortofrutticole. Per quanto ci riguarda, come amministrazione, sosterremo la nascita di una rete di imprese per affrontare il mercato ed iniziare anche un percorso teso a favorire, soprattutto nei terreni agricoli prospicenti la riserva naturale del Lago di Montepulciano, il passaggio dall’agricoltura tradizionale a quella biologica”.

Commenti disabilitati su Bezzini e Rossi: “L’acqua del Montedoglio, esempio di efficenza della pubblica amministrazione”

Montepulciano: presentata la coalizione di centro sinistra che appoggia il candidato sindaco Andrea Rossi

Riceviamo e pubblichiamo È iniziata nel migliore dei modi la campagna elettorale di Andrea Rossi candidato del Centro Sinistra per il secondo mandato di Sindaco della città del Poliziano alle…

Riceviamo e pubblichiamo

È iniziata nel migliore dei modi la campagna elettorale di Andrea Rossi candidato del Centro Sinistra per il secondo mandato di Sindaco della città del Poliziano alle prossime elezioni amministrative del 25 e 26 maggio. Lunedì scorso, dall’auditorium Ex macelli di Montepulciano, oltre cento cittadini hanno assistito alla presentazione dei candidati al Consiglio Comunale nonché all’illustrazione del programma politico della coalizione composta da PD, PSI e SEL. Dal palco della sala centrale sono intervenuti come ospiti della serata e presentati da Giancarlo Pagliai, Andrea Biagianti (vice segretario PD Toscana), Niccolò Gucciardini (segretario provinciale PD Siena), l’On. Socialista Oreste Pastorelli, Giorgio Del Ciondolo (segretario provinciale PSI Siena) e Roberto Renai (referente enti locali SEL Siena).

Emozione, facce tirate e voglia di mettersi subito in gioco. I candidati al consiglio comunale sono saliti sul palco per presentarsi al pubblico e lo hanno fatto sorprendendo la sala non solo per la loro sicurezza nell’impugnare il microfono ma anche per interventi interessanti molti dei quali incentrati sul programma politico. Sette donne e nove uomini: dodici del Partito Democratico, due del Partito Socialista, uno di Sinistra Ecologia e Libertà e uno indipendente di Sinistra. Volti nuovi e altri invece che si ricandidano per il secondo mandato. Molti i giovani. La loro presentazione a gruppi di quattro si è alternata con gli interventi degli invitati. Ha aperto Niccolò Gucciardini sostenendo:

“la fondamentale ricandidatura di Andrea Rossi Sindaco per Montepulciano, voluta fortemente da tutto il partito con un percorso serio e coerente”.

Il segretario provinciale parla anche degli avversari politici, ammettendo che “in un primo momento ho ritenuto che il M5S potesse essere per la politica nazionale ma anche per quella locale una nuova ricchezza che purtroppo poi non si è realizzata. Mancano di competenza e conoscenza di come si devono amministrare gli enti locali. Il Centro Destra invece lo ritengo incapace, visto che in molti casi, come succede anche qui a Montepulciano, si traveste da lista civica senza avere il coraggio di presentare i propri simboli”. Roberto Renai ha ricordato la drammatica situazione politica nazionale infangata dal “qualunquismo sui politici ladroni” augurando però ai futuri consiglieri di avere “la capacità utopica di crederci nella politica e che il mondo sia possibile cambiarlo e cambiarlo in positivo partendo dagli ultimi”. Giorgio Del Ciondolo ha sostenuto l’importanza del voto per l’Europa “fondamentale per rispondere alla grave crisi mondiale del lavoro e dell’economia”. L’Onorevole Pastorelli torna a rivolgersi ai candidati consiglieri ricordando che la sua “attività politica inizia proprio come consigliere comunale, non dimenticate mai che sarete nell’istituzione i rappresentanti dei cittadini e del territorio”. Ha poi ringraziato il sindaco Andrea Rossi per avere costruito un programma politico molto simile su alcune tematiche a quello che ha presentato alla camera dei Deputati”.

È la volta di Andrea Biagianti che ritorna sul programma politico del Centro Sinistra per Montepulciano:

“un programma politico da mettere in atto per governare questa città nei prossimi cinque anni”. Ammette poi di trovarsi in difficoltà nel doversi confrontare con avversari politici che attingono solo “alla cultura del sospetto” e che additano gli amministratori come quelli che hanno “solo interessi personali a far politica”.

Chiude la serata l’intervento del sindaco Andrea Rossi che parte da lontano, ricordando il successo alle primarie di cinque anni fa, un punto di partenza che allora compattò il Partito Democratico poliziano e

“che ci portò a lavorare tutti insieme per un unico obbiettivo: vincere le successive elezioni amministrative. Anche questa volta avevo dato la mia disponibilità a partecipare alle primarie, mi sarei rimesso in gioco, senza discussioni, ma il partito, all’unanimità ha deciso che fossi io l’unico candidato”.

Andrea ha sottolineato la coesione di una Giunta che in cinque anni ha fatto un lavoro importante realizzando gran parte del passato programma politico. Con una precisa panoramica ha poi ricordato alcuni degli obbiettivi raggiunti nel suo mandato e alcuni di quelli che dovranno essere realizzati nel prossimo governo della città:

“nonostante i peggiori cinque anni di crisi degli ultimi cinquanta anni e nonostante i continui tagli alle risorse destinate ai comuni, non abbiamo chiuso nessun servizio sociale, non abbiamo aumentato la pressione fiscale sui cittadini e abbiamo comunque realizzato 12 milioni di opere pubbliche. L’idea di lavorare sull’innovazione tecnologica – prosegue il Sindaco – mi ha fatto pensare alla realizzazione di una Smart City, la città intelligente. Agricoltura, turismo e cultura settori prioritari. “una delle opere pubbliche più grandi degli ultimi decenni è l’acquedotto del Montedoglio. L’arrivo dell’acqua del Tevere nella parte bassa del nostro territorio agricolo sarà a breve una realtà. I cantieri aperti sono realizzati al 70%, entro la fine del 2014 sarà collaudato l’impianto. Avremo una risorsa essenziale per l’agricoltura di pianura e dobbiamo fin da ora pensare come usarla. Io penso ad una riqualificazione agricola con produzioni di qualità e trasformazione del prodotto a filiera corta”. E poi il Vino Nobile, “la nostra punta di diamante per la visibilità internazionale di Montepulciano e per l’impiego di forza lavoro: circa 10.000 dipendenti tra vino e attività ricettive”. Sul turismo, nonostante la crisi, sono stati cinque anni “di leggera crescita o comunque di sostanziale stabilità. Siamo stati il primo comune in provincia di Siena ad istituire la tassa di soggiorno e a riutilizzare le risorse incassate in promozione turistica soprattutto in Cina e negli Stati Uniti”. La cultura fondamentale per la crescita di una comunità ma anche per un ritorno economico: “ci tengo a ricordare che studi economici ci dicono che per ogni euro investito in cultura, ritornano sul territorio ben sette euro”. Sulla sanità Andrea Rossi ricorda che “ in cinque anni abbiamo garantito in Valdichiana i servizi ospedalieri essenziali senza tagliare alcun posto letto nonostante i continui tagli alle risorse. Con determinazione siamo riusciti a mantenere aperto ogni reparto dell’ospedale di Nottola e a realizzare un progetto importante come quello dell’ospedale di comunità con più posti letto per i malati”. Un altro punto importante su cui l’amministrazione uscente ha lavorato con forza è l’ambiente. “Molto abbiamo già fatto e molto ancora faremo: in tema di riduzione dei rifiuti, di incremento della raccolta differenziata,di rilancio completo dell’area protetta del lago di Montepulciano. Il Patto dei Sindaci, inoltre, è un impegno concreto che abbiamo preso con la Comunità Europea e che ci vedrà obbligati come comune a ridurre entro il 2020 il 22% di emissioni di Co2”.

Insomma, obbiettivi concreti:

“realizzare, e lo faremo, il programma politico presentato ai cittadini. Non abbiamo scritto infatti il libro dei sogni, delle promesse irrealizzabili così come hanno fatto i nostri avversari con programmi poco coerenti ed imprecisi “. Il Sindaco conclude il suo intervento fiume tra gli applausi e dichiarando che “la prossima Giunta, senza fare ancora nomi, sarà composta per intero da assessori esterni, mantenendo gli equilibri nella presenza di donne e uomini”.

Nessun commento su Montepulciano: presentata la coalizione di centro sinistra che appoggia il candidato sindaco Andrea Rossi

Montepulciano: Una diocesi in festa per il Vescovo Manetti

Una diocesi in festa ha accolto domenica scorsa, 13 aprile, il nuovo Vescovo Stefano Manetti. Giunto nel pomeriggio in Piazza Grande è stato subito salutato dalle contrade cittadine che hanno…

Una diocesi in festa ha accolto domenica scorsa, 13 aprile, il nuovo Vescovo Stefano Manetti. Giunto nel pomeriggio in Piazza Grande è stato subito salutato dalle contrade cittadine che hanno offerto la sbandierata. Quindi il saluto del sindaco Andrea Rossi a nome dei sindaci della diocesi e delle numerose autorità presenti, che non sono volute mancare a questo «storico» appuntamento che ha riguardato non soltanto una chiesa locale ma un territorio che, seppur piccolo, è ricco di risorse umane, culturali e naturali.

Nella sua omelia il Vescovo Stefano – parlando a quasi duemila fedeli e riprendendo il racconto della Passione – ha ringraziato il Signore per «il più bel dono che mi fa in questo giorno, un dono che siete voi, amata Chiesa di Montepulciano-Chiusi-Pienza». Diversi anche i fiorentini presenti all’appuntamento, che hanno accompagnato – insieme ai famigliari – il loro «don Stefano» che, invitato dall’Arcivescovo Metropolita mons. Buoncristiani, si è insediato sulla Cattedra della Chiesa poliziana-chiusina-pientina, retta per tredici anni dal Vescovo Rodolfo Cetoloni, chiamato lo scorso agosto alla diocesi di Grosseto.

Ricordando la ventinovesima Giornata Mondiale della Gioventù il nuovo Vescovo, ordinato il 25 marzo a Firenze, ha detto, andando con la memoria al lontano 1984:

« Vi confesso che allora pensai: cosa c’entra la croce con i giovani? Mi sembrava triste. Poi ho capito che la croce non è tristezza ma gioia. Cari giovani, cari ragazzi, questo possiamo scoprirlo insieme, che la croce non è quella che sembra, ma nasconde in sé un tesoro di gioia: insieme possiamo vincere la paura della croce e fare nostro questo tesoro».

Diversi infatti erano i giovani presenti al solenne rito, preparato con cura dagli uffici diocesani e dai numerosi volontari delle varie associazioni presenti nel territorio. Anche gli ammalati dell’Unitalsi hanno collaborato fattivamente alla celebrazione per l’inizio del ministero del Vescovo Stefano, preparando e distribuendo i rametti di olivo alle migliaia di persone presenti a Montepulciano domenica scorsa.

Nessun commento su Montepulciano: Una diocesi in festa per il Vescovo Manetti

Type on the field below and hit Enter/Return to search