La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: luciano garosi

Bruscello 2019 – Tutte le notizie

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Compagnia Popolare del Bruscello – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bruscello Poliziano Doppio cast per l’80esimo Bruscello Poliziano (11/07/19) Fervono i preparativi per l’80esima…

Sponsorizzato da Valdichiana Media e Compagnia Popolare del Bruscello – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2019 del Bruscello Poliziano


Doppio cast per l’80esimo Bruscello Poliziano (11/07/19)

Fervono i preparativi per l’80esima edizione del Bruscello Poliziano, che vedrà rappresentare in Piazza Grande la nuova versione della “Pia de’ Tolomei”; l’appuntamento è fissato per le sere dall’11 al 15 agosto sul sagrato del Duomo di Montepulciano per uno spettacolo che vedrà impegnati circa 200 bruscellanti provenienti dal territorio circostante, per portare avanti una lunga tradizione che affonda le sue radici nel teatro popolare che veniva rappresentato nelle campagne.

Una delle principali novità di questa edizione del Bruscello, che raggiunge il ragguardevole traguardo degli 80 anni consecutivi, è rappresentato dall’introduzione del doppio cast, che permetterà di incrementare la partecipazione nei ruoli dei protagonisti dello spettacolo e fornirà agli spettatori l’opportunità di fruire di un interessante diversivo durante le repliche. Nei giorni dispari, infatti, sarà presente un cast per rappresentare i protagonisti delle vicende della Pia de’ Tolomei, mentre nei giorni pari ci sarà un’alternanza nei ruoli principali.

“Abbiamo introdotto questa novità per coinvolgere bruscellanti giovani nei ruoli primari. – spiega il direttore artistico Franco Romani – Sarà inoltre un modo per favorire la buona riuscita delle parti cantate, in quanto il Bruscello si svolge all’aperto e la possibilità di colpi di vento può danneggiare le voci liriche dei solisti. Il doppio cast ci permetterà di includere fino a 36 bruscellanti nelle parti primarie, che vanno ad aggiungersi ai circa 50 bruscellanti del coro, ai 25 bambini e al gruppo dell’orchestra, per un impegno complessivo che vedrà partecipare oltre 200 persone alla messa in scena del Bruscello.”

Il doppio cast vedrà alternarsi Chiara Protasi e Chiara Scannapieco nel ruolo della protagonista Pia de’ Tolomei, Elisabetta Canapini e Sabrina Dottori nel ruolo della madre e Franco Capitini e Alessandro Collini nel ruolo del padre. Marco Banini e Matteo Benvenuti si alterneranno invece nei ruoli di Nello e di Guido Guido, mentre le ancelle della protagonista saranno interpretate da Irene Tofanini, Daniela Mosca, Giulia Gambacciani, Benedetta Checcarelli, Teresa Zazzaretta e Orsolina Faraldo. Altri personaggi, come quello di Ghino interpretato da Stefano Bernardini, rimarranno gli stessi tutte le sere; in altri casi, come quello del Cantore, assisteremmo a un’alternanza di ruoli tra Stefano Giannotti, Mirco Rubegni, Gabriele Paolucci e Cosetta Batignani (che interpretò il ruolo di Pia nei bruscelli del passato e che sarà un gradito ritorno sul sagrato del Duomo nei giorni 14 e 15 agosto).


La compagnia popolare del Bruscello Poliziano compie 80 anni (21/06/19)

Una storia di entusiasmo e passione: la Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano compie 80 anni, un traguardo storico ed eccezionale, che la rende a buon diritto l’associazione più longeva di Montepulciano. Sorta nel 1939 per iniziativa di cultori locali della tradizione del teatro popolare, con lo scopo di divulgare anche nella cittadina di Montepulciano e nel territorio circostante le storie del Bruscello, nel 2019 vengono festeggiati gli 80 anni attraverso una grande rappresentazione in Piazza Grande nei giorni di Ferragosto, dove verrà messa in scena la “Pia de’ Tolomei”.

Il Bruscello è una forma di teatro popolare tradizionale, nato in Toscana e cresciuto con particolare vigore in Valdichiana. Affonda le radici della sua tradizione nei riti agresti dell’antichità e nelle usanze contadine di celebrare con rituali propiziatori la fine della stagione morta e l’inizio della bella stagione. La rappresentazione teatrale era cantata in ottava rima, generalmente con un accompagnamento musicale basato sulla ripetizione di semplici motivetti; veniva messa in scena nei poderi della campagna mezzadrile, piantando un “bruscello” e utilizzando come elemento centrale della scena. Si pensa che il nome “Bruscello” venga proprio da questo albero, un arbusto o un arboscello. Il Bruscello è popolare perché affronta argomenti conosciuti dalla gente e perché è fatto dalla gente: il popolo diventa attore e spettatore nello stesso momento.

La versione moderna del Bruscello è una rappresentazione popolare cantata, che dal 1939 viene rappresentanza in Piazza Grande a Montepulciano nei giorni di ferragosto. Dai teatrini e dalle campagne il Bruscello si sposta sul sagrato della cattedrale: un ampio palcoscenico, davanti a una platea di circa duemila spettatori. Non più una fisarmonica ad accompagnare il canto, ma l’orchestra dell’istituto di musica. E poi un parco luci da grande teatro per lo spettacolo fatto di notte, i costumi e l’attrezzeria arrangiati con cose vecchie lasciano il posto alle sartorie e attrezzerie teatrali, mentre la cantata ripetitiva diventa un testo con più ritmo. Il Bruscello poliziano ha preso una nuova forma, non più spettacolo elementare fatto di una piccola cantata, ma spettacolo totale dal punto di vista teatrale.

Nel 2019, per festeggiare degnamente gli 80 anni della Compagnia Popolare, il Bruscello proporrà come ogni dieci anni la rappresentazione della “Pia de’ Tolomei”, la nuova versione del Bruscello moderno con cui tutto cominciò nel 1939. L’appuntamento è per i giorni dall’11 al 15 agosto in Piazza Grande per un compleanno carico di entusiasmo e passione insieme a centinai di bruscellanti.


La Compagnia Popolare svela l’Anteprima del Bruscello Poliziano (16/05/19)

Ottant’anni di storia, passione e tradizione: la Compagnia Popolare del Bruscello festeggia un traguardo di notevole importanza, un risultato reso possibile grazie ai tanti bruscellanti che nel corso degli anni hanno mantenuto vivo il teatro popolare proveniente dalla civiltà contadina, adattato al mutato contesto sociale e culturale. Come ormai ampiamente annunciato, sarà la “Pia de’ Tolomei” ad essere rappresentata in Piazza Grande a Montepulciano nei giorni di Ferragosto, appuntamento che si ripete ormai ogni dieci anni, per festeggiare il compleanno del Bruscello Poliziano.

Domenica 19 maggio verrà presentata l’edizione numero ottanta del Bruscello, attraverso uno speciale evento presso la sala ex-Macelli, a partire dalle ore 17:30, in cui verrà ripercorsa la storia della “Pia de’ Tolomei”, alla base della prima rappresentazione che avvenne nel 1939 a Montepulciano. L’autore delle musiche Luciano Garosi, l’autrice del libretto Irene Tofanini, insieme ai bruscellanti, ricorderanno le vecchie e nuove arie della “Pia de’ Tolomei”. Durante la serata sarà presentata l’immagine per il manifesto dell’edizione 2019 realizzata da Emanuela Rossi. L’evento si concluderà con un piccolo rinfresco, offerto dal ristorante pizzeria “C’era una Volta” e un brindisi di buon augurio agli ottanta anni del Bruscello Poliziano.

La Compagnia Popolare del Bruscello tramanda la tradizione del Bruscello attraverso la particolare forma di teatro popolare, con canto e recitazione, attraverso la messa in scena di decine di figuranti nello splendido palcoscenico del sagrato del Duomo di Montepulciano, che avviene nei giorni di Ferragosto. Il Bruscello Poliziano è patrocinato dal Comune di Montepulciano, dalla Provincia di Siena e dalla Regione Toscana, in virtù della sua storia e della sua forte valenza culturale.


Aspettando la “Pia de’ Tolomei”, il Bruscello rinnova il direttivo (23/04/19)

La Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano si prepara a vivere un 2019 pieno di emozioni: il tradizionale appuntamento estivo con il teatro popolare giunge infatti all’80esima edizione, un traguardo eccezionale e carico di aspettative. Il tema di quest’edizione è già stato annunciato, perché ricorre ogni dieci anni: sarà la “Pia de’ Tolomei”, la nuova versione del Bruscello moderno con cui tutto cominciò nel 1939. Da allora i bruscellanti hanno continuato a mantenere viva la tradizione poliziana che proviene dall’antica civiltà contadina, diventando l’associazione più longeva di Montepulciano.

Per prepararsi al meglio a questo importante appuntamento, la compagnia è già al lavoro da molti mesi, e proprio in questi giorni ha rinnovato il proprio consiglio direttivo. Confermato alla presidenza Marco Giannotti, a cui sarà affiancato il vicepresidente Paolo Abram; la tesoreria è affidata a Gianni Minasi, il ruolo di segretario del consiglio direttivo a Chiara Protasi, mentre è confermata la direzione artistica a Franco Romani. I responsabili dei costumi sono Michele Morgantini e Anna Meconcelli; completano il consiglio direttivo Paolo Parissi, Franco Capitini, Irene Tofanini, Mauro Betti, Dino Protasi e Celso Pallassini.

Il nuovo consiglio direttivo si è già messo al lavoro, sono state proposte e approvate una serie di iniziative su cui ci stiamo già impegnando – commenta il Presidente Marco Giannotti – L’augurio che faccio è quello di arrivare a festeggiare gli 80 anni della Compagnia Popolare del Bruscello con entusiasmo e passione.”

Nessun commento su Bruscello 2019 – Tutte le notizie

Bruscello 2017 – Tutte le notizie

Branded Content a cura di Valdichiana Media e Compagnia Popolare del Bruscello – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2017 del Bruscello Poliziano.   Il Bruscello 2018 sarà dedicato a San Biagio (16/10/17) Quella…

Branded Content a cura di Valdichiana Media e Compagnia Popolare del Bruscello – Notizie e aggiornamenti dall’edizione 2017 del Bruscello Poliziano. 


 Il Bruscello 2018 sarà dedicato a San Biagio (16/10/17)

Quella che si è conclusa con il tradizionale pranzo dei bruscellanti di domenica 15 ottobre è stata un’annata straordinaria per la Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano, che ha fatto registrare un grande successo durante lo spettacolo di Ferragosto dedicato a Sant’Agnese, e ha visto l’ingresso di nuovi bruscellanti dai territori circostanti. Alla fine del pranzo è stata rivelato in anteprima il tema del Bruscello 2018, che sarà dedicato ai cinquecento anni dalla posa della prima pietra del Tempio di San Biagio. Avrà nella sua narrazione un altro spaccato di storia di Montepulciano con i suoi personaggi Antonio da Sangallo il Vecchio e Toto di San Biagio.

Il pranzo dei bruscellanti è stata l’occasione per ringraziare tutti i membri della compagnia popolare del lavoro svolto durante l’anno; il presidente Marco Giannotti ha inoltre reso omaggio allo storico bruscellante Woldemaro Abram, scomparso di recente. La soddisfazione per la riuscita sia del Bruscello di Ferragosto che del Bruscellino dello scorso settembre e il saluto dell’amministrazione comunale è stato portato dall’assessore Franco Rossi. Un grazie da parte di tutti al regista, prof. Marco Mosconi. Con la chiusura della lunga annata, la compagnia popolare ha ricordato gli apprezzamenti ricevuti per “Agnese: la Santa Poliziana” andato in scena nei giorni di Ferragosto in Piazza Grande; è stato proprio Padre Marco, parroco di Sant’Agnese, a regalare alla compagnia il gagliardetto con il logo delle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Agnese Segni, ricamato a mano dalle comunità cattoliche di Manila, nelle Filippine.

Con l’arrivo della torta, preparata dalla pasticceria “Morsi e Rimorsi”, è stato svelato il tema del Bruscello 2018, che sarà dedicato al Tempio di San Biagio. Il direttore artistico Franco Romani ha anticipato il ritorno di Alessio Tiezzi alle musiche e di Irene Tofanini alla scrittura del libretto, oltre a chiarire che anche il Bruscellino di Settembre 2018 sarà dedicato a Toto di San Biagio. Con un simbolico passaggio di consegne dalla vita di Sant’Agnese a un altro importante pezzo di religiosità poliziana, quindi, Don Domenico, parroco di San Biagio, ha spiegato che la scelta di mettere il Tempio al centro del Bruscello rappresenta pienamente tutta la comunità di Montepulciano. Quella che andrà in scena nei giorni di Ferragosto 2018 in Piazza Grande, quindi, si prospetta già un’altra emozionante edizione del Bruscello Poliziano.


La Compagnia Popolare del Bruscello pronta a svelare l’edizione 2018 (19/09/17)

Domenica 17 settembre il Bruscellino ha animato le vie di Montepulciano attraverso un’esibizione itinerante per visitatori e cittadini. La Compagnia Popolare del Bruscello ha messo in scena la storia di “Fra’ Cipolla”, ispirato dal personaggio protagonista della sesta giornata del Decameron, lungo le principali piazze poliziane: Piazza Grande, Piazza delle Erbe e Piazza Michelozzo. Sotto la guida di Franco Romani e accompagnati dalla fisarmonica del Maestro Luciano Garosi, si sono esibiti Stefano Bernardini, Marco Banini, Sabrina Dottori, Paolo Parissi, Claudio Bernetti, Stefano Banini, Elena Cappelli, Franco Capitini, Michele Morgantini, Andrea Paolessi, Elisabetta Canapini, Roberto De Pascali e Alessandro Zazzaretta.

Con la rappresentazione itinerante di “Fra’ Cipolla” si chiude l’edizione 2017 del Bruscello poliziano, che ha potuto godere di un enorme successo nei giorni di Ferragosto per la grande rappresentazione dedicata a Sant’Agnese. Per la Compagnia Popolare c’è ancora un altro appuntamento tradizionale da rispettare: il grande pranzo di Domenica 15 ottobre in cui verrà festeggiato il lavoro svolto durante tutto l’anno per la messa in scena dello spettacolo estivo e per rivelare pubblicamente il tema del Bruscello del 2018.


Un personaggio del Decamerone per le vie poliziane (11/09/17)

Domenica 17 settembre torna il Bruscellino, uno spettacolo che dal 2009 la Compagnia del Bruscello offre a Montepulciano, con rappresentazioni in alcune piazze Poliziane. Le rappresentazioni itineranti della Compagnia Popolare si svolgerà alle ore 17 Piazza Grande, alle ore 18 Piazza delle Erbe e infine alle ore 19 davanti al sagrato di S. Agostino.

Il bruscellino è una forma di spettacolo che si discosta molto dal Bruscello che è rappresentato nei giorni di Ferragosto in Piazza Grande, ma è più simile alla forma del vecchio Bruscello che era rappresentato nelle aie all’ombra di un arboscello o nei mercati paesani durante le varie sagre della civiltà contadina della Valdichiana.

Il bruscellino di quest’anno metterà in scena la storia di Fra’ Cipolla, ispirato dal personaggio protagonista della sesta giornata del Decameron, insieme al suo compare Guccio, due individui che girano i paesi truffando la gente. Il bruscellino aggiunge all’episodio della piuma dell’Arcangelo Gabriele, altri espedienti che rinforzano l’aspetto dell’imbroglio del finto frate. Sotto la guida di Franco Romani, accompagnati dalla fisarmonica del Maestro Luciano Garosi, sarà presente una compagnia di bruscellanti formata da Stefano Bernardini, Marco Banini, Sabrina Dottori, Paolo Parissi, Claudio Bernetti, Stefano Banini, Elena Cappelli, Franco Capitini, Michele Morgantini, Andrea Paolessi, Elisabetta Canapini. Sarà inoltre presente Roberto De Pascali nel ruolo dello Storico e Alessandro Zazzaretta nel ruolo del Cantastorie.

L’antica forma di Bruscello prevedeva l’arrivo della compagnia con in testa il vecchio, portando una fronda d’albero adornata da fiocchi colorati e campanelli; accompagnati dalla fisarmonica, si cantava la storia in ottava rima. Di solito le vicende erano riprese dalla Bibbia, dalla storia romana o un fatto cavalleresco; le storie erano note a tutti, bastava un accenno e ognuno sapeva l’argomento. Vicende scarne, i personaggi pochi e ben definiti, le situazioni semplificate al massimo: amore, gelosia, vendetta, inganno, ansia di giustizia e gloria. Ma con i poveri mezzi davanti alla fantasia avida dei contadini si apriva un mondo ideale di bellezza, di giustizia, di valore. Simbolica la scena, che era solo lo spazio intorno all’albero rizzato nel luogo deputato alla rappresentazione. Simbolici i gesti, quasi ritualizzati. Simbolico il costume: bastava una corona per essere Re, la spada di legno per rappresentare il soldato, il manto colorato per i personaggi di cavalieri e dame, una mantella di balla per diventare popolani o contadini. Simbolica la musica, che serviva come accompagnamento, come corda di recita e sottofondo della narrazione.


Grande successo per il Bruscello dedicato a Sant’Agnese (16/08/17)

Applausi, standing ovation e tanta emozione: il nuovo spettacolo del Bruscello Poliziano ha veramente conquistato Piazza Grande. La messa in scena della vita di Sant’Agnese ha fatto registrare una straordinaria partecipazione da parte dei bruscellanti (oltre duecento, provenienti da tutto il territorio circostante) e un grandissimo apprezzamento da parte del pubblico per tutte e quattro le sere della rappresentazione.

L’edizione numero 78 del Bruscello Poliziano, grazie alla sua affascinante commistione di musica e canto, nella splendida cornice del sagrato del Duomo di Piazza Grande, dimostra ancora una volta l’importanza di questa tradizione e la sua capacità di rinnovarsi tra le generazioni, creando una forma peculiare di teatro popolare.

“Vorrei esprimere la nostra gratitudine a tutto il gruppo per l’impegno e la serenità con cui siamo arrivati alla 78esima edizione. – dichiara il Presidente della Compagnia Popolare del Bruscello, Marco Giannotti – Il risultato ottenuto è sotto gli occhi di tutti: il pubblico, sempre più numeroso ed entusiasta, ci ripaga degli sforzi e delle scelte fatte. La nostra associazione, una delle più antiche della comunità e di tutto il territorio, ha assunto da tempo anche un ruolo di impegno sociale che favorisce l’aggregazione e l’integrazione, facendo riscoprire il piacere dello stare insieme e della collaborazione, nella consapevolezza che ognuno di noi è stato importante per la realizzazione di uno spettacolo unico in tutta Italia.”

Durante i giorni dello spettacolo è stata riservata una premiazione particolare al dott. Alamanno Contucci, in rappresentanza della famiglia Contucci, del cui palazzo ricorre il cinquecentenario della costruzione: un palazzo che è parte integrante del palcoscenico di Piazza Grande e che ha potuto accompagnare tutte le edizioni del Bruscello Poliziano. Alla presenza del Consigliere Regionale Stefano Scaramelli e dell’amministrazione comunale di Montepulciano, la Compagnia popolare del Bruscello e il maestro Luciano Garosi hanno omaggiato la famiglia Contucci di un affettuoso riconoscimento e hanno donato la partitura originale di “Agnese: la Santa Poliziana”.

Le emozioni lasciate dalla vita di Agnese e dallo spettacolo del Bruscello Poliziano continueranno a farsi sentire ancora per molti giorni; prima di andare in vacanza, però, la Compagnia Popolare sarà impegnata con il “Bruscellino nelle aie” di domenica 17 settembre, lungo le piazze del centro storico di Montepulciano


Il Bruscello di Sant’Agnese incanta Piazza Grande (13/08/17)

Tanti applausi da parte del pubblico di Piazza Grande per la prima rappresentazione di “Agnese: la Santa Poliziana” messa in scena dalla Compagnia Popolare del Bruscello. Uno spettacolo complesso, allo stesso tempo gioioso e drammatico, che ripercorre la vita di Agnese Segni in un’affascinante commistione di musica e canto, nella splendida cornice del sagrato del Duomo di Piazza Grande.

La grande attesa per la prima dello spettacolo che da 78 anni anima l’estate di Montepulciano è stata ripagata: oltre duecento bruscellanti coinvolti tra attori, orchestra, ballerini e coristi, dai più anziani fino ai bambini, provenienti non soltanto da Montepulciano ma anche dai territori limitrofi. Un grande apprezzamento da parte del pubblico ha premiato le scelte del direttore musicale Luciano Garosi, del regista Marco Mosconi, dell’autrice del libretto Letizia Tofanini e della coreografa Maria Stella Poggioni, coordinati dal direttore artistico Franco Romani.

Alla fine del primo atto, come di consueto, si sono svolte le premiazioni dei premi Cantastorie. Dopo un commosso ricordo di Woldemaro Abram, storico bruscellante scomparso di recente, sono intervenuti sul palco il Presidente della Compagnia Popolare del Bruscello, Marco Giannotti, il Sindaco di Montepulciano, Andrea Rossi, e la figlia dello storico cantastorie del Bruscello, Susanna Crociani. I premi sono stati assegnati a Paolo Parissi, per la simpatia, l’allegria e la gioia di stare insieme; a Franco Capitini, figlio di bruscellanti, tornato nella compagnia con grande impegno e divertimento; a Enrico Morgantini, per la categoria dei giovani a cui verrà affidata la tradizione del Bruscello.


Le prove di “Agnese, la Santa Poliziana” in Piazza Grande (03/08/17)

Come da tradizione, al termine del Cantiere Internazionale d’Arte, è la Compagnia Popolare del Bruscello Poliziano ad animare le sere estive di Montepulciano, attraverso le prove generali del nuovo spettacolo che si andrà in scena dal 12 al 15 agosto in Piazza Grande. Dopo una lunga preparazione che ha coinvolto i bruscellanti di tutto il territorio, adesso è il momento di provare gli allestimenti, le musiche e i cori del Bruscello Poliziano.

Tutte le sere fino all’11 agosto, con l’eccezione di domenica 6 agosto e della notte di Calici di Stelle del 10 agosto, si svolgeranno infatti le prove in Piazza Grande dello spettacolo  intitolato “Agnese: la santa poliziana”: la storia ripercorrerà alcuni elementi significati della vita di Agnese Segni, nella consueta forma di rappresentazione popolare, in un’affascinante commistione di musica e canto, nella splendida cornice del sagrato del Duomo di Piazza Grande.

Durante le prossime sere i bruscellanti, diretti dal maestro Luciano Garosi, dal regista Marco Mosconi, dalla coreografa Maria Stella Poggioni e dal direttore artistico Franco Romani, proveranno le arie del  Bruscello Poliziano e alcune scene tratte dal libretto scritto da Letizia Tofanini, fino alle prove generali di venerdì 11 agosto e alla prima dello spettacolo, che si terrà sabato 12 agosto.

Giunto alla sua 78° edizione, il Bruscello Poliziano rappresenta una delle eccellenze del teatro popolare, una tradizione che risale alle campagne contadine toscane e che continua ancora oggi a emozionare e a coinvolgere, generazione dopo generazione. La Compagnia Popolare del Bruscello porterà sulla scena il nuovo spettacolo con il patrocinio del Comune di Montepulciano, della Provincia di Siena e della Regione Toscana.


La 78° edizione del Bruscello Poliziano presentata in Regione Toscana (25/07/17)

Il ‘Bruscello Poliziano’ torna dal 12 al 15 agosto a Montepulciano. La compagnia popolare sta preparando la nuova edizione, la 78a, che sarà interamente dedicata a S.Agnese e si terrà in piazza Grande a Montepulciano.  L’edizione 2017 del ‘Bruscello Poliziano’ è stata presentata martedì 25 Luglio al palazzo del Pegaso della Regione Toscana.

Il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani ha consegnato il Pegaso del Consiglio regionale agli organizzatori“A Montepulciano, la cultura del teatro popolare nasce da lontano – ha detto Giani – ha ispirato e aperto la strada, negli anni, a tante manifestazioni che vivono in Toscana e hanno raggiunto un livello internazionale. E continua a dar vita a una manifestazione che rende orgogliosa tutta la nostra regione”.    

Alla conferenza stampa ha partecipato anche il consigliere Stefano Scaramelli. “La storia di Agnese, nata e morta santa. Santa voluta dal popolo, nella rappresentazione della compagnia popolare del Bruscello, che a distanza di 78 anni continua a produrre cultura con la partecipazione di oltre 200 persone che rievocano la tradizione popolare e contadina della Valdichiana. Un evento culturale degno di essere presentato e promosso in Consiglio regionale”, ha dichiarato Scaramelli.

Alla conferenza stampa hanno preso parte anche il sindaco di Montepulciano Andrea Rossi, il direttore artistico della compagnia popolare del Bruscello, Franco Romani, il presidente della compagnia Marco Giannotti, il regista Marco Mosconi, il maestro Luciano Garosi, autore delle musiche, e l’autrice del libretto Letizia Tofanini.


Il Bruscello dedicato a Sant’Agnese: le novità della regia (17/07/17)

Il nuovo spettacolo del Bruscello Poliziano, che si svolgerà in Piazza Grande dal 12 al 15 Agosto, continua ad attirare bruscellanti da tutti il territorio e a portare una ventata di novità nella tradizionale organizzazione della Compagnia Popolare. Il racconto della vita di Sant’Agnese Segni, a cui sarà dedicata questa 78° edizione, continua infatti a suscitare attenzione e curiosità, non solo a Montepulciano.

Tra le novità di quest’anno ci sono sicuramente i nuovi arrivi alla regia e alla coreografia, per dare nuovi stimoli allo spettacolo e favorire la partecipazione da parte dei bruscellanti del territorio. La Compagnia Popolare del Bruscello ha affidato la regia a Marco Mosconi che, oltre a svolgere il ruolo di dirigente scolastico dei Licei Poliziani, è regista di una compagnia di musical a Sinalunga.

“Ringrazio fin da adesso per la fiducia – ha dichiarato Marco Mosconi – questa è una richiesta che mi ha lasciato emozionato. Ho sentito parlare del Bruscello per la prima volta negli anni ’70, quand’ero studente e frequentavo il liceo in fortezza, perché il mio insegnante di religione era Don Marcello del Balio. Il primo Bruscello a cui ho assistito è stato la Pia de’ Tolomei, con la regia di Franco Romani e le musiche di Luciano Garosi: rimasi meravigliato e stupito. Adesso che mi trovo di fronte a questa nuova esperienza, la tensione aumenta, ma per crescere bisogna provare nuove esperienze.”

Altra novità è rappresentata dalla coreografia: questo settore dello spettacolo è stato affidato a Maria Stella Poggioni, anch’essa impegnata nelle attività di musical a Sinalunga, oltre ad essere responsabile della scuola di danza “Ecole de Ballet”.

“Lavorare in Piazza Grande sarà meraviglioso, è uno scenario ideale e splendido per il movimento coreografico. – ha commentato Maria Stella Poggioni – Lo abbiamo sperimentato con le nostre allieve della scuola di danza di Sinalunga anche l’estate passata, partecipando al Cantiere Internazionale d’Arte, quindi non vediamo l’ora di affrontare questa nuova esperienza.”


Il Bruscello dedicato a Sant’Agnese: parlano gli autori (06/07/17)

Continuano i preparativi per la nuova edizione del Bruscello Poliziano, che la compagnia popolare porterà in Piazza Grande dal 12 al 15 Agosto. La tradizione di questa antica forma teatrale, giunta quest’anno alla 78° edizione, si concentrerà sulla vita di Agnese Segni, la santa poliziana che fin dalla sua morte, avvenuta settecento anni fa, è stata oggetto di una grande devozione popolare.

Il libretto è stato scritto da Letizia Tofanini, che può essere a ben diritto considerata una “Madre d’arte”, in quanto la figlia Irene ha curato la stesura dei testi delle precedenti edizioni del Bruscello. L’autrice ha lavorato a stretto contatto con la direzione musicale, cercando di dare voce ai personaggi e aggiungendo le arie e i dialoghi.

“La storia parte dal giorno della visita effettuata da Santa Caterina a Sant’Agnese nel 1374, quindi il Bruscello si aprirà con il suo arrivo a Montepulciano durante la festa in onore della santa – spiega Letizia Tofanini – Le scene successive racconteranno la storia di Agnese, fino alla chiusura, in cui la storia tornerà alla visita di Santa Caterina. Il Bruscello si chiuderà con il famoso miracolo, in cui Sant’Agnese le porge il piede, come se la considerasse pari nella gloria futura.”

Il lavoro di scrittura è stato compiuto di pari passo con la composizione musicale, curata da Luciano Garosi. L’idea di realizzare un Bruscello dedicato a Sant’Agnese risale al 2010, quando venne realizzata l’edizione dedicata a San Francesco, e da quel momento il maestro Garosi ha cominciato a lavorare sulle musiche in onore del settecentesimo anniversario della morte.

“Il coro finale di questo Bruscello l’ho scritto nell’estate del 2011, e lo realizzeremo esattamente com’è venuto allora. – spiega Luciano Garosi – Sono molto legato alla figura di Sant’Agnese, perché la mia tesi finale della laurea in storia dell’arte si è incentrata proprio sugli affreschi del chiostro di Sant’Agnese a Montepulciano. Un legame molto importante, quindi, con questo luogo e questa figura, che spero di poter portare degnamente in scena in Piazza Grande.”


Il Bruscello Poliziano prepara un’edizione in grande stile (19/06/17)

La Compagnia Popolare del Bruscello sta preparando il nuovo spettacolo estivo, che si preannuncia già entusiasmante: le stanze dell’associazione fervono infatti d’attività, e tanti bruscellanti si sono già riuniti alle prove, sotto la direzione del direttore musicale Luciano Garosi, per quella che sarà un’edizione interamente dedicata alla figura di S.Agnese, di cui ricorrono i 700 anni dalla morte.

Le prove del Bruscello Poliziano si svolgono ogni settimana a Montepulciano, in via delle Lettere, e hanno fatto registrare dei momenti di eccezionale partecipazione, tanto che i bruscellanti sono stati divisi in gruppi per affrontare prove separate per settori e personaggi. Alle prove assiste con particolare interesse anche il regista Marco Mosconi, per entrare in sintonia completa, oltre che nei momenti salienti della sceneggiatura, anche dentro le belle musiche composte dal maestro Garosi. Le prove si svolgeranno per tutto il mese di Luglio: dal momento che durante l’anteprima dello scorso maggio non sono stati presentati dei pezzi canori, il Bruscello dedicato ad Agnese sarà una sorpresa per tutti.

Alle prove stanno partecipando bruscellanti provenienti da molti comuni intorno a Montepulciano, a dimostrazione dell’importanza di una manifestazione culturale sempre più radicata nel territorio, e con un incremento di partecipazione da parte dei giovani, a cui spetterà il compito di tramandare questa peculiare forma di teatro popolare alle prossime generazioni.

L’attenzione alle giovani generazioni è evidente anche dalla nuova convenzione attivata dalla Compagnia Popolare del Bruscello con i Licei Poliziani: grazie alla promozione, tutti gli studenti potranno accedere allo spettacolo che si svolgerà dal 12 al 15 agosto in Piazza Grande con la tariffa di 5,00 € anziché dei consueti 12,00 € del biglietto di ingresso. Tale iniziativa è volta a favorire l’avvicinamento dei giovani del territorio alle tradizioni popolari locali, a promuovere il teatro popolare come forma di aggregazione sociale oltre che elemento di importanza culturale.

Quella che si svolgerà nei giorni di Ferragosto a Montepulciano, quindi, si prospetta un’edizione in grande stile del Bruscello Poliziano: con la presenza di 105 bruscellanti, 10 ballerine, l’orchestra di 40 elementi e il gruppo dei bambini, la compagnia metterà in scena circa 200 persone coinvolte nella rappresentazione teatrale, per raccontare degnamente la storia di Sant’Agnese.


Il Bruscello Poliziano sempre più aperto al territorio (06/06/17)

La Compagnia Popolare del Bruscello è già al lavoro per l’edizione 2017, che verrà rappresentata nei giorni di Ferragosto in Piazza Grande a Montepulciano e sarà interamente dedicata alla vita di Agnese Segni, per festeggiare la ricorrenza dei 700 anni dalla morte della santa poliziana. Il teatro popolare del Bruscello, che da 78 anni mantiene la forma tradizionale, è sempre più aperto al territorio della Valdichiana e dintorni, interessando sempre più persone nelle fasi di organizzazione e messa in scena della rappresentazione estiva.

“La nostra manifestazione coinvolge sempre più poliziani, ma anche persone dei comuni limitrofi. – commenta il Presidente della Compagnia Poppolare, Marco Giannotti – Il Bruscello attira per la sua spontaneità, perché concede a tutti la possibilità di essere protagonisti di uno spettacolo corale, fatto da tante persone, dove ognuna è importante per realizzare lo spettacolo finale.”

La partecipazione alla manifestazione da parte del territorio limitrofo coinvolge sia i bruscellanti, sia la direzione artistica. Tra le novità di quest’anno, infatti, vi è l’ingresso di nuove figure che possono vantare esperienza di teatro nei comuni circostanti e che hanno dimostrato grande interesse nei confronti del Bruscello Poliziano.

“Il Bruscello dimostra sempre più una valenza a livello di zona, riesce a coinvolgere Torrita, Chiusi, Sinalunga, Chianciano e tanti altri paesi, quindi abbiamo pensato di allargare anche la parte artistica all’ingresso di nuove figure. – spiega il direttore artistico, Franco Romani – Una delle novità di quest’anno è rappresentata dalla regia, che darà nuovi stimoli allo spettacolo. La scelta è caduta su Marco Mosconi che, oltre a essere regista di una compagnia di musical, è anche integrato a Montepulciano in virtù del suo ruolo di dirigente scolastico dei Licei Poliziani. Anche per gli allestimenti dello spettacolo collaborerà con il sottoscritto un altro bruscellante di Torrita, Matteo Benvenuti, ben inserito nel contesto teatrale locale. L’edizione numero 78 del Bruscello Poliziano, quindi, segna un evidente allargamento per abbracciare tutto il territorio circostante.”


Il Bruscello Poliziano racconterà la vita di Sant’Agnese (22/05/17)

Ambientazione insolita per la presentazione del Bruscello Poliziano, ma affascinante e adatta al contesto: l’edizione 2017 del Bruscello sarà infatti interamente dedicata alla vita di Sant’Agnese Segni ed è stata presentata in anteprima domenica 21 maggio presso il chiostro della canonica di Sant’Agnese, a Montepulciano.

Al centro del chiostro, gremito di pubblico e di bruscellanti, il Presidente della Compagnia Popolare, Marco Giannotti, ha introdotto le novità di quest’anno: prima fra tutte il ritorno di Luciano Garosi come compositore musicale, che già da molti anni aveva in mente un Bruscello dedicato ad Agnese. Autrice del testo è invece Letizia Tofanini: nel suo caso si può parlare di una madre d’arte, poiché prende il posto della figlia Irene, già autrice di sette libretti negli anni precedenti.

Il direttore artistico Franco Romani ha illustrato le caratteristiche del Bruscello 2017: la narrazione metterà in scena uno scorcio di Montepulciano tra il 1200 e il 1300, attraverso le vicende della vita di Agnese Segni dall’infanzia fino alla venerazione popolare. Questa importantissima “prima rappresentazione assoluta” vedrà altre due novità: la presenza alla regia di Marco Mosconi, legato al territorio per l’importante ruolo che svolge come dirigente dei Licei Poliziani, e Maria Stella Poggioni come coreografa, che vanta già molte esperienze nei musical e nelle rappresentazioni teatrali della zona.

Durante l’anteprima è stato presentato anche il bozzetto dedicato a Sant’Agnese che sarà utilizzato nel manifesto ufficiale della manifestazione, realizzato da Alex Marchi ed Emanuela Rossi. Al termine dell’incontro i bruscellanti si sono dati appuntamento per le prove e per l’inizio della fase organizzativa che si concluderà in Piazza Grande, dal 12 al 15 Agosto, con l’edizione 2017 del Bruscello intitolata “Agnese: la Santa Poliziana”


Si presenta il Bruscello dedicato a Sant’Agnese (16/05/17)

La nuova edizione del Bruscello Poliziano è pronta a presentarsi a tutti i bruscellanti e alla cittadinanza, grazie a un evento speciale che avrà luogo domenica 21 Maggio alle ore 17 presso il Chiosto di Sant’Agnese a Montepulciano. Una nuova location per la presentazione dell’edizione 2017, quindi, che inaugura un’annata piena di novità per il Bruscello.

Quest’anno lo storico Bruscello Poliziano avrà come titolo “Agnese: la Santa Poliziana” e festeggerà a dovere la ricorrenza dei 700 anni dalla morte di Sant’Agnese. Riconosciuta immediatamente come santa dagli abitanti di Montepulciano e da subito venerata come Patrona, a Sant’Agnese è ancora oggi tributata una devozione di antichissima origine e profondamente radicata nel territorio. Il Bruscello di quest’anno vuole dunque celebrare, nella consueta forma di rappresentazione popolare, l’illustre Santa poliziana, raccontando alcuni momenti significativi della sua vita: una vicenda che prenderà parte tra il XIII e XIV secolo, attraverso le parole di Santa Caterina da Siena e del Beato Ramondo da Capua.

L’edizione che verrà presentata la prossima domenica è la numero 78: il Bruscello Poliziano è un’antica tradizione contadina ripresa nella sua forma moderna dal 1939 e diventata un appuntamento culturale di fondamentale importanza nell’estate di Montepulciano: quest’anno la rappresentazione andrà in scena dal 12 al 15 Agosto in Piazza Grande.

Si tratta quindi di una importantissima “prima rappresentazione assoluta”: infatti, nella sua quasi secolare storia, il Bruscello Poliziano non aveva mai affrontato questo soggetto. Accade adesso, grazie a Letizia Tofanini che debutta come autrice del testo, e Luciano Garosi, un ritorno gradito dopo sette anni come compositore e direttore musicale, e con la direzione artistica di Franco Romani. Altra novità è l’affidamento della regia a Marco Mosconi, nuovo allo spettacolo del Bruscello ma figura di esperienza nel teatro musicale e legato a Montepulciano anche per l’importante ruolo che svolge come dirigente dei Licei Poliziani.

La presentazione del Bruscello di domenica 21 maggio sarà anche l’occasione per incontrare chi ha realizzato l’immagine del manifesto dell’edizione 2017, ovvero Alex Marchi ed Emanuela Rossi.  Al termine dell’anteprima, in cui gli autori ripercorreranno la vita di Sant’Agnese attraverso le lunette del Chiostro di Sant’Agnese, sarà offerto un buffet a tutti i partecipanti.

Nessun commento su Bruscello 2017 – Tutte le notizie

Montepulciano: Vice-Sindaco Garosi fa il punto sulla situazione opere pubbliche

Il vice-Sindaco Luciano Garosi fa il punto della situazione sulle opere pubbliche a Montepulciano. La ricerca dei finanziamenti rende possibili interventi anche ingenti La Giunta Comunale di Montepulciano ha recentemente…

Il vice-Sindaco Luciano Garosi fa il punto della situazione sulle opere pubbliche a Montepulciano. La ricerca dei finanziamenti rende possibili interventi anche ingenti

Viale Calamandrei

Viale Calamandrei

La Giunta Comunale di Montepulciano ha recentemente approvato il progetto definitivo per la messa in sicurezza della viabilità pedonale e la realizzazione del marciapiede lungo Viale Calamandrei, dall’incrocio con Via delle Fosse Ardeatine al Piazzale di Sant’Agnese, che parteciperà all’assegnazione di finanziamenti previsti dalla Regione Toscana nel bando per la sicurezza stradale.

Come aveva preannunciato al Consiglio Comunale il vice-Sindaco Luciano Garosi, che ha la delega per i lavori pubblici, il complesso progetto, del valore di 400.000 Euro, è stato redatto in circa un mese e mezzo dall’Ufficio Tecnico comunale avvalendosi della collaborazione attenta e professionalmente molto valida di una giovane laureata in ingegneria che sta svolgendo lo stage previsto nell’ambito di “GiovaniSi”.

Rimanendo sul piano della stretta attualità, è stato appena firmato il contratto per l’ampliamento del Cimitero de Le Grazie quindi nell’arco di poche settimane inizieranno i lavori che consentiranno di disporre di 135 nuovi loculi.

Nel mese di novembre si aprirà anche il cantiere per il restauro della Torre di Pulcinella che costerà 99.000 Euro; il progetto era stato donato all’Amministrazione Comunale dal locale Rotary Club.

Garosi prosegue la panoramica sulle opere pubbliche facendo presente, di nuovo in tema di sicurezza stradale, che “i lavori per la costruzione dei nuovi marciapiedi ad Abbadia di Montepulciano e nel centro abitato di Salcheto sono praticamente completati mentre si avviano alla conclusione quelli in corso a Tre Berte, anche nel tratto di strada tra Via delle Poggiole e Via delle Tre Berte. E’ invece iniziato l’ultimo stralcio delle opere che interessa Via del Buonviaggio, ad Acquaviva. Complessivamente l’intervento relativo a tutti i marciapiedi ammonta a 500.000 Euro, di cui 193.000 finanziati attraverso il bando regionale per la sicurezza stradale dello scorso anno”.

Per quanto riguarda il Viale della Rimembranza, ovvero il suggestivo rettilineo fiancheggiato da cipressi che porta al Tempio di San Biagio, è imminente l’inizio del secondo lotto dei lavori di pavimentazione, appaltati in tarda primavera per 150.000 Euro ma la cui esecuzione è stata differita per non creare intralcio al movimento turistico, tuttora molto intenso.

“Per alcuni giorni il viale sarà chiuso al transito” puntualizza il vice-Sindaco; “l’intervento si completerà con il rifacimento di gran parte della Via di San Biagio che da Porta de’ Grassi scende verso il Tempio”.

La ricerca dei fondi è attiva su tutti i fronti e quindi il Comune ha partecipato con propri progetti ad altri due bandi finanziati con i fondi statali dell’otto per mille dell’IRPEF, uno sulla linea di intervento di conservazioni dei beni culturali, per una migliore fruibilità del Museo Civico – Pinacoteca Crociani (importo, 65.000 Euro), e un altro, spiega Garosi, “in materia di edilizia scolastica, relativo alla costruzione della nuova scuola di S.Albino, richiedendo una compartecipazione su una quota di 500.000 Euro che era a carico dell’ente locale”.

viale sanbiagio_1

Viale San Biagio

Intanto si sono conclusi i lavori di adeguamento alle normative antincendio eseguito alla Scuola Elementare di Abbadia di Montepulciano: la spesa era di 145.000 Euro, co-finanziata per 137.700 Euro grazie alle misure per l’edilizia scolastica previste dal Governo-Letta.

Il vice-Sindaco fornisce anche un aggiornamento sul ponte pedonale delle Fontacce che completerà il percorso dal bivio di San Biagio a Sant’Agnese:

“il progetto di 220.000 Euro è stato co-finanziato al 50% dalla Regione Toscana e per la parte restante con risorse del Bilancio Comunale, l’Ufficio Tecnico sta predisponendo le procedure di gara, il nostro auspicio è vedere l’opera completata entro il 2015”.

Infine dalla Sovrintendenza è giunto parere favorevole sul progetto esecutivo per l’intervento di recupero dell’area dei parcheggi coperti dell’ex-Tribunale e di Via delle Case Nuove, franata in seguito alle piogge torrenziali dell’inverno 2013: l’opera è finanziata per 363.000 dalla Regione Toscana, nel giro di poco tempo potranno essere appaltati i lavori.

Nessun commento su Montepulciano: Vice-Sindaco Garosi fa il punto sulla situazione opere pubbliche

Il 13 settembre a Montepulciano è di nuovo Bruscello con “Bertoldo”

Sabato 13 settembre a Montepulciano è di nuovo Bruscello con “Bertoldo”. Quando il Bruscello si cantava nelle aie! Dopo il successo di Romeo e Giulietta, il Bruscello Poliziano rappresentato a…

Sabato 13 settembre a Montepulciano è di nuovo Bruscello con “Bertoldo”. Quando il Bruscello si cantava nelle aie!

Dopo il successo di Romeo e Giulietta, il Bruscello Poliziano rappresentato a Montepulciano in piazza Grande nei giorni di Ferragosto, la Compagnia Popolare del Bruscello di Montepulciano nel proseguire i festeggiamenti per il 75°anno del Bruscello Poliziano è di nuovo pronta per il prossimo evento, che sarà ospitato in alcune piazze del centro storico di Montepulciano sabato 13 settembre rievocherà Bertoldo.

Un Bruscello questa volta che vuol riprodurre la forma di quello che veniva cantato nelle campagne durante la Quaresima, che era anche il periodo dell’anno nel quale la terra dormiva ed i contadini riposavano non dovendo occuparsi dei campi e dei pesanti lavori che li impegnavano durante il resto dell’anno. Saranno i bruscellanti, così sono chiamati gli attori del Bruscello, Roberto De Pascali, Alessandro Zazzaretta, Stefano Bernardini, Franco Capitini, Sabrina Dottori, Elisabetta Canapini, Simone Tremiti, Elena Cappelli, Marco Banini, Stefano Banini, Paolo Parissi e Michele Morgantini che guidati dal direttore artistico Franco Romani, presenteranno alle ore 17 in Piazza Grande il Bruscello come veniva anticamente rappresentato nelle aie delle nostre campagne.

Alle 18, il corteo raggiungerà Piazza delle Erbe seguendo il suono della fisarmonica del maestro Luciano Garosi, per una replica dello spettacolo e alle 19 sarà il Sacrato di S. Agostino che chiuderà questa iniziativa originale ripresa dalla Compagnia da alcuni anni per far conoscere un pezzo della “nostra storia”. Non mancherà poi l’occasione per cercar di raccogliere i fondi necessari per la cena e per un buon bicchiere di vino.

La Compagnia Popolare del Bruscello, nell’occasione, ha voluto riproporre questa antica forma di Bruscello delle origini da cui deriva il Bruscello Poliziano attuale, quello che viene rappresentato in Piazza Grande dal 1939 nei giorni di Ferragosto, per portare una testimonianza del passato ma anche per mostrare come si evolve una tradizione e far comprendere che, se il nostro Bruscello, fosse rimasto quello delle origini, la tradizione sarebbe forse scomparsa insieme al Bruscello stesso che invece oggi vive proprio perché si è trasformato adeguando la sua forma stilistica e musicale e mantenendo invece i contenuti e la metrica della poesia ad una forma molto legata alla tradizione. Informazioni:

Trama di Bertoldo

Durante il regno di Alboino, a Verona, Bertoldo un contadino famoso per la sua furberia, accompagnato dal figlio Bertoldino, giovane uomo, con un cervello infantile, frequenta le piazze della città e i suoi mercati per vendere i prodotti del proprio orticello. Un giorno incontra Re Alboino, nei confronti del quale, pronuncia parole di aperta critica. Il fatto, insolito, lo rende simpatico al re, e odioso alla Regina. Da questo istante la Regina farà di tutto per liberarsi di Bertoldo, anche con la violenza ma il furbo contadino sventerà tutti i tentativi della Sovrana. Frequentando la reggia su invito pressante di Alboino Bertoldino, con i suoi comportamenti infantili suscita tenerezza della sguattera della regina, che lo difende e lo protegge e poi finisce per sposarlo.

Odio e amore che si fanno da contrappunto aprono ogni tanto dei quadri burleschi in cui ha la meglio l’astuzia di Bertoldo che supera ogni difficoltà senza trovarsi a disagio, a differenza di Bertoldino, disarmante nella sua dabbenaggine. Sfuggito agli agguati della regina, più volte minacciato di morte, Bertoldo si salva sempre con la sua mente acuta, ma causa l’aria della Reggia e i raffinati cibi che non sono adatti a lui lo costringono ad andarsene e dopo aver dettate le sue volontà e gli ultimi consigli al suo re, torna ai suoi cavoli e alla sua insalata. Profonda saggezza, amore per la libertà, spirito ironico, sono gli ingredienti di questo Bruscello tratto dal patrimonio popolare.

Nessun commento su Il 13 settembre a Montepulciano è di nuovo Bruscello con “Bertoldo”

Montepulciano: Oltre 1milione e 600mila Euro per fermare l’erosione del costone

Già programmati i lavori di ripristino dei cedimenti delle mura. Frana di Canneto: a Montepulciano opere in pieno svolgimento Si avviano alla conclusione i lavori che interessano il versante di…

Già programmati i lavori di ripristino dei cedimenti delle mura. Frana di Canneto: a Montepulciano opere in pieno svolgimento

Si avviano alla conclusione i lavori che interessano il versante di nord-est del colle su cui poggia la città di Montepulciano. L’intervento fa parte del più ampio progetto conosciuto come “Frana di Canneto”, un’opera che, dopo una fase di monitoraggio, avviata una ventina d’anni fa in collaborazione con il Dipartimento di Geotecnica l’Università di Siena, e una successiva di studio e progettazione, sta affrontando in maniera risolutiva un’importante problematica.

I LAVORI IN CORSO

In questo momento il cantiere occupa una fascia del costone nord-orientale che va, orientativamente, dalla Porta dei Grassi al cosiddetto Torrino, il punto dove il profilo del centro storico poliziano piega decisamente verso settentrione. In quest’area si sta concludendo la posa dei grandi tubi che, raccogliendo le acque di superficie della stessa Porta dei Grassi, di Collazzi e Via Piana, le convogliano verso il Fosso della Casella, situato a valle, nella zona di Via di Canneto.

Posa Condotta

Posa Condotta

LA FRANA DI CANNETO

“La Frana di Canneto, ovvero il lento movimento di una massa di terra dai fianchi del colle poliziano, è dovuto proprio all’acqua piovana che scorre verso il basso, provocando fenomeni di erosione” spiega Luciano Garosi, vice-Sindaco con delega ai Lavori Pubblici. “E’ quanto è stato possibile accertare grazie alle ricerche tecniche e l’opera consiste appunto nel raccogliere l’acqua di superficie e deviarla verso valle, senza che interessi l’area soggetta al problema”.

IL QUADRO GENERALE DELL’OPERA

La prima parte dei lavori, completata nel 2011, ha consentito di realizzare la grande canalizzazione che giunge al torrente Casella e di raccogliere le acque meteoriche provenienti dal ponte sottostante Via di San Biagio, per un importo di 360.000 Euro.

Per la seconda parte, in corso di svolgimento, l’Amministrazione Comunale ha ottenuto un finanziamento dalla Regione Toscana di 1.350.000 Euro; il primo stralcio, quello prossimo alla conclusione, del valore di 500.000 Euro, comprende la posa del tubo che va poi ad innestarsi nella condotta che guida l’acqua verso valle, aggirando il costone più fragile, e l’installazione di “gabbionate” di pietra e rete metallica che proteggono la tubazione e garantiscono la tenuta del ripido terrapieno. La fascia immediatamente sottostante le abitazioni più periferiche di Via Piana, è stata ricoperta con geostuoie, tenute in posizione da cavi e perni di ferro, che permettono la crescita dell’erba che nasconderà alla vista il manufatto. Inoltre l’impianto separa le acque bianche da quelle nere, con evidenti benefici anche sotto l’aspetto ambientale.

Nel frattempo è stato predisposto (ed è di imminente approvazione) il progetto che destinerà i restanti 850.000 Euro alla fascia di costone che va dal Torrino all’area sottostante il parcheggio ed il giardino delle Coste.

Anche questo secondo stralcio, oltre al completamento della tubazione per la raccolta e la deviazione delle acque di superficie, già in parte realizzata con il primo stralcio, prevede l’installazione delle geostuoie a protezione della parete tufacea che sostiene quella zona.

“Onde prevenire equivoci ed inutili preoccupazioni, specifichiamo che la striscia color terra che si vede sul fianco del colle – sottolinea Garosi – non è un effetto dell’eventuale movimento franoso (che non c’è) ma è, molto più semplicemente, il cantiere per la posa della tubazione”.

L’ATTENZIONE A MURA E COSTONI

“All’ingente intervento relativo alla Frana di Canneto se ne aggiungono altri che confermano l’elevata attenzione che l’Amministrazione Comunale dedica alla salvaguardia del sistema murario della città e dei versanti collinari sui quali poggia. Proprio in queste ultime settimane – annuncia il vice- Sindaco – abbiamo ottenuto ulteriori finanziamenti per poco meno di mezzo milione di Euro destinati alla ricostruzione dei tratti di mura che hanno ceduto in Via delle Case Nuove e Via del Giardino a causa delle forti piogge dell’autunno/inverno 2012 – 2013. Per quanto riguarda le mura di Collazzi, la situazione è molto migliorata dopo la sistemazione del parcheggio sottostante l’omonima via, realizzato dal Comune, che ha permesso di recuperare la fruibilità l’area, illuminarla e collegarla con due percorsi pedonali al centro storico. Ci troviamo al cospetto di cinte murarie che risalgono al Rinascimento e che sono quindi oggetto di costante attenzione: un’opera complessiva di restauro preventivo richiederebbe risorse molto consistenti, al di fuori delle possibilità del bilancio comunale; è anche in questa direzione che si muove la costante ricerca di finanziamenti”.

Foto Copertina: frana di Via Case Nuove

Nessun commento su Montepulciano: Oltre 1milione e 600mila Euro per fermare l’erosione del costone

Montepulciano, lavori di ripavimentazione dell’area di San Biagio

Entro la fine di giugno saranno completati i lavori di ripavimentazione dell’intera viabilità nell’area circostante il Tempio di San Biagio. Ad annunciarlo il Sindaco di Montepulciano Andrea Rossi ed il suo…

Entro la fine di giugno saranno completati i lavori di ripavimentazione dell’intera viabilità nell’area circostante il Tempio di San Biagio. Ad annunciarlo il Sindaco di Montepulciano Andrea Rossi ed il suo vice, Luciano Garosi, che ha anche la delega per i Lavori pubblici, in occasione della presentazione dell’intervento complessivo.

“La precedente pavimentazione, in cemento e quarzo, materiali perfettamente compatibili con il pregio ambientale ed architettonico dell’area, ha avuto una durata di oltre 25 anni – ha spiegato il Sindaco Andrea Rossi – e ad infliggere alle strade un pesante colpo sono state le nevicate e le gelate dell’inverno 2012. Il Viale della Rimembranza, circondato dai cipressi che onorano la memoria dei caduti nella Grande Guerra, oltre ad essere un’importante direttrice del traffico locale, è uno dei biglietti da visita della nostra città e rappresenta il collegamento con San Biagio. Ci siamo quindi posti tra le priorità un intervento di manutenzione straordinaria che, ripristinando le condizioni pre-esistenti, garantisca una circolazione decisamente più agevole e sicura”.

L’intervento si è svolto in due stralci, il primo, già completato, dell’importo di 90.000 Euro, realizzato dall’impresa Ricci di Castiglione del Lago (PG), ha interessato la rete più vicina al Tempio. Il secondo, per una spesa prevista di 150.000 Euro, riguarderà il primo tratto del viale, dall’incrocio con la Sp 146 verso la chiesa, e la stessa Via di San Biagio ovvero la discesa che proviene dal centro storico e che già da qualche tempo richiamava la necessità di un intervento radicale.

“La divisione del lavoro in due stralci – ha spiegato il vice-Sindaco Luciano Garosi – è dovuta ad una motivazione essenzialmente tecnica. Entrambe le opere sono infatti finanziate con risorse del Bilancio Comunale, senza ulteriore indebitamento, ed il reperimento di fondi piuttosto ingenti come quelli necessari ha richiesto tempi diversi. La gara d’appalto per il secondo stralcio – prosegue Garosi – è stata definita, sono in corso le procedure di acquisizione dei documenti per l’aggiudicazione definitiva; la volontà dell’Amministrazione Comunale è di effettuare i lavori tra la seconda metà di maggio e l’inizio di giugno cercando di limitare al massimo i disagi attraverso una viabilità ridotta ma non completamente bloccata. In tal modo nel pieno della stagione turistica si potrà restituire piena fruibilità all’intero percorso”.

L’intervento prevede la rimozione totale della precedente pavimentazione, la gettata di calcestruzzo armato con rete metallica elettrosaldata e la finitura della superficie con polvere di quarzo e cemento che presenta elevate qualità di resistenza all’usura, impermeabilità etc.

Nessun commento su Montepulciano, lavori di ripavimentazione dell’area di San Biagio

Il PSI di Montepulciano è vivo ed è “officina di idee riformiste”

Il 15 marzo si è svolto, a Montepulciano Stazione, il congresso comunale del Partito Socialista Italiano di Montepulciano. Alla presenza di molti iscritti e simpatizzanti si sono susseguite: le relazioni…

Il 15 marzo si è svolto, a Montepulciano Stazione, il congresso comunale del Partito Socialista Italiano di Montepulciano.

Alla presenza di molti iscritti e simpatizzanti si sono susseguite: le relazioni del compagno Stefano Biagiotti, segretario del direttivo comunale dimissionario, del compagno Giorgio Del Ciondolo, segretario della federazione provinciale di Siena, e gli interventi di molti Compagni presenti che hanno contributo all’ottima riuscita dell’iniziativa. Molti sono stati i temi dibattuti di politica europea, nazionale e locale, in vista delle consultazioni che si terranno a primavera.

Durante i lavori sono stati illustrati e discussi i 10 punti del programma del PSE, nel quale è confluito grazie al PSI anche il PD, per le prossime elezioni europee e sono stati tracciati i temi programmatici che la nuova segreteria dovrà portare al tavolo della futura coalizione di centro-sinistra, per la tornata elettorale delle amministrative 2014.

Dal dibattito congressuale è emerso che il Partito Socialista, nella nostra area, ha in questi anni avuto un ruolo determinante per aver condotto in prima linea delle battaglie come: il mantenimento del Tribunale, il presidio ospedaliero di Montepulciano, il progetto nel settore energetico-ambientale di adesione al Patto dei Sindaci per il comune di Montepulciano e per tutta l’area dell’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese oltre a tante altre iniziative.

Durante il congresso è stato dato atto come il PSI, nella passata legislatura, eleggendo due consiglieri, Luciano Garosi – vicesindaco – e Stefano Biagiotti, abbia avuto un ruolo importante nell’ amministrazione comunale di Montepulciano e nell’area della Valdichiana , il cui unico obiettivo è stato “amministrare al meglio il bene comune per il bene comune”.

L’appuntamento, che aveva anche all’ordine del giorno l’elezione del nuovo segretario comunale, ha visto la designazione, per acclamazione unanime, a tale incarico del compagno Vinicio Del Toro, coaudiuvato da un ufficio di segreteria costituito dai compagni Giuliano Olivieri e Davide Falciani, che sostituisce, dopo 6 anni, il compagno Stefano Biagiotti.

La serata poi si è conclusa con una cena conviviale e , tra i compagni commensali, è emerso che l’ideologia socialista non è morta. Le prossime consultazioni elettorali, sia europee che amministrative, saranno un appuntamento importante ai cui si socialisti di Montepulciano non potranno mancare.

I Socialisti di Montepulciano, al termine della cena, si sono salutati al grido di “Evviva il Socialismo, sole del’avvenire”.

Nessun commento su Il PSI di Montepulciano è vivo ed è “officina di idee riformiste”

Spettacolo di fine anno per gli allievi di musica di Cetona

Lo scorso lunedì 28 maggio si è svolto il saggio di fine anno degli allievi di musica di Cetona, appartenenti all’Istituto di musica di Montepulciano. Venerdì 31 maggio si è…

Lo scorso lunedì 28 maggio si è svolto il saggio di fine anno degli allievi di musica di Cetona, appartenenti all’Istituto di musica di Montepulciano. Venerdì 31 maggio si è invece svolto lo spettacolo conclusivo del progetto “Teatro a scuola”, mentre è in partenza il progetto del “Mercatino della solidarietà” in cui saranno esposti anche i lavori realizzati dai ragazzi di Cetona.

«Siamo fieri ed orgogliosi dei nostri ragazzi – sottolinea Chiara Fallerini, assessore ai Servizi scolastici del Comune di Cetona – per l’impegno che hanno profuso durante tutto l’anno ma soprattutto per la gioia e l’entusiasmo che hanno dimostrato di saper “tirare fuori” al momento giusto, quando l’obiettivo finale è importante per la loro crescita, come nel caso della musica degli incontri con i carabinieri, ma soprattutto quando lo è per il futuro di un altro bambino come loro, solo meno fortunato, come nel caso dell’adozione a distanza».

Grande la soddisfazione, sia per le famiglie che per l’amministrazione comunale, per il risultato del saggio degli allievi cetonesi, che frequentano i corsi organizzati dall’Istituto di musica di Montepulciano presso  la sala della musica del palazzo comunale. La scuola cetonese è stata attivata grazie a un accordo con la Fondazione Cantiere internazionale d’arte, avvenuta cinque anni fa. Violino, pianoforte e chitarra sono gli strumenti che hanno scelto gli undici allievi di musica cetonesi; i ragazzi hanno prima eseguito pezzi da solisti, per concludere poi l’esibizione tutti insieme come in una piccola orchestra. Lo spettacolo di fine anno è stato presentato dal direttore dell’Istituto di musica di Montepulciano, il maestro Luciano Garosi.

Questo anno scolastico, inoltre, è stato caratterizzato anche dal progetto “Teatro a scuola”, grazie ai fondi che derivano dal progetto del consiglio comunale e alla collaborazione da parte delle famiglie. Il progetto ha previsto il lavoro con un esperto sull’improvvisazione e sulla fantasia del viaggio, grazie al quale è stato realizzato uno spettacolo che gli allievi hanno messo in scena venerdì 31 maggio.

Nessun commento su Spettacolo di fine anno per gli allievi di musica di Cetona

Type on the field below and hit Enter/Return to search