La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: estorsione

Siena: arrestato pregiudicato dalla polizia

Ha rubato una borsa lasciata inavvertitamente da uno straniero alla mensa Universitaria, poi, utilizzando il cellulare della vittima, l’ha chiamata cercando di farsi dare 150 euro per restituirgliela. Ma H….

Ha rubato una borsa lasciata inavvertitamente da uno straniero alla mensa Universitaria, poi, utilizzando il cellulare della vittima, l’ha chiamata cercando di farsi dare 150 euro per restituirgliela.

Ma H. E. M., queste le iniziali del marocchino di 38 anni, pregiudicato, è stato rintracciato dalla Polizia, mentre peraltro stava tentando di effettuare un prelievo con una carta bancomat trovata nella borsa di cui si era indebitamente appropriato.

La vittima, un cittadino del Camerun di 34 anni, subito dopo aver ricevuto la chiamata estorsiva ha chiamato il 113 riferendo alla Sala Operativa di essere convinto di aver riconosciuto la persona che lo aveva minacciato, che sosteneva di aver notato poco dopo nei pressi di Piazza Gramsci.

Gli agenti delle Volanti della Questura, subito intervenuti, hanno rintracciato lo straniero che, in un primo momento, ha tentato di far credere loro di voler restituire la borsetta rinvenuta.
I poliziotti non hanno creduto a quanto il pregiudicato stava raccontando e si sono fatti mostrare il contenuto di una busta di plastica che aveva al seguito.
All’interno della busta hanno infatti trovato il telefono cellulare della vittima, che era stato utilizzato poco prima per la richiesta di soldi per la restituzione della borsa.

L’uomo è stato quindi accompagnato in Questura dove, al termine degli accertamenti, è stato arrestato per tentata estorsione, tentato uso illecito di titoli di credito e appropriazione di cose smarrite.

 

Nessun commento su Siena: arrestato pregiudicato dalla polizia

Sinalunga: arrestato truffatore seriale in flagranza di reato

Nella tarda serata venerdì di 13 giugno, a Sinalunga (SI), i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Montepulciano unitamente a quelli della Stazione di Montepulciano, a seguito di attività…

Nella tarda serata venerdì di 13 giugno, a Sinalunga (SI), i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Montepulciano unitamente a quelli della Stazione di Montepulciano, a seguito di attività investigativa, hanno arrestato in flagranza di reato Roberto Meocci, quarantottenne di Sinalunga.

Il 48enne, trasgredendo gli obblighi imposti dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di dimora (imposta dal Tribunale di Siena poiché recidivo nel commettere le truffe) ha posto in essere una serie di azioni truffando due coniugi residenti nel Valdarno.

Nella circostanza il Meocci, fingendosi un avvocato e utilizzando false generalità, ha raggirato i titolari di un’azienda, facendosi consegnare in più occasioni denaro contante per un ammontare di 100mila euro. Con vari raggiri e false promesse ha fatto credere di poter risollevare l’azienda dei coniugi valdarnesi, oramai sull’orlo del fallimento. Il Meocci non è nuovo alla giustizia e alle forze dell’ordine, molti i suoi pecedenti per truffa.

L’arrestato, dopo le formalità di rito espletate presso la caserma di Montepulciano, è stato condotto presso la casa circondariale di Siena, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il giudice era stato chiaro: se ci rifaceva, la porta della cella si sarebbe riaperta, e così è stato.

Nessun commento su Sinalunga: arrestato truffatore seriale in flagranza di reato

Valdichiana, giorni di attività intensa per i Carabinieri

I primi giorni del nuovo anno hanno visto un’intensa attività dei carabinieri impegnati in Valdichiana e dintorni nei servizi di controllo del territorio. Dopo un controllo in un cantiere sono…

I primi giorni del nuovo anno hanno visto un’intensa attività dei carabinieri impegnati in Valdichiana e dintorni nei servizi di controllo del territorio.

Dopo un controllo in un cantiere sono stati denunciati un 40enne, committente dei lavori e un 62enne, responsabile di una ditta edile, entrambi della Valdichiana; i militari dell’Arma, assieme agli agenti dell’Ispettorato del lavoro, hanno valutato varie infrazioni al decreto legislativo 81/2008 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

I carabinieri di Cortona hanno denunciato un 57enne originario della provincia di Pisa per ricettazione; in seguito agli accertamenti si è infatti scoperto che l’uomo aveva ricevuto un bonifico di circa 3000 euro da parte di un 53enne della Valdichiana, che non aveva mai disposto tale transazione dal conto corrente.

I carabinieri di Foiano, invece, hanno denunciato per furto aggravato una 33enne e un 38enne, due rumeni residenti in provincia di Perugia. La coppia si era infatti resa protagonista di un furto in una gioielleria in Valdichiana, impossessandosi di una collana d’oro del valore di circa 1000 euro, lo scorso 17 dicembre. La donna, inoltre, era sottoposta alla misura di arresto domiciliare al momento del furto, pertanto è stata denunciata anche per evasione.

Durante una perquisizione, un 45enne della Valdichiana è stato denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere e rifiuto di sottoporsi agli accertamenti sanitari per verificare l’uso di sostanze stupefacenti. All’interno dell’auto dell’uomo, infatti, è stata rinvenuta una roncola della lunghezza di 36 centimetri.

Il nucleo investigativo di Siena hanno colpito duramente il traffico di cocaina tra la Campania e la Toscana: un’organizzazione criminale univa infatti l’attività di traffico di droga a quella di estorsione nei confronti di chi tardava a pagare la fornitura. Eseguendo 14 ordinanze di custodia cautelare, nove in carcere e cinque agli arresti domiciliari, i carabinieri hanno sgominato l’organizzazione, attraverso un impegno coordinato nelle province di Napoli, Siena, Arezzo e Firenze.

Le indagini, durate circa un anno, hanno permesso di individuare il canale di approvvigionamento della cocaina che dalla provincia di Napoli veniva poi immessa in Toscana attraverso una rete di spacciatori. Nelle indagini sono emerse una serie di estorsioni, con minacce gravi e metodi violenti, nei confronti di alcuni piccoli imprenditori che non riuscivano a pagare i debiti per l’acquisto della droga.

Nessun commento su Valdichiana, giorni di attività intensa per i Carabinieri

Type on the field below and hit Enter/Return to search