La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: aggressione

Aggredito controllore di autobus a Siena

Un trentatrenne aretino è stato denunciato dalla polizia per violenza e minaccia ad un incaricato di pubblico servizio e per interruzione di pubblico servizio. L’uomo era stato ripreso dall’autista di…

Un trentatrenne aretino è stato denunciato dalla polizia per violenza e minaccia ad un incaricato di pubblico servizio e per interruzione di pubblico servizio.

L’uomo era stato ripreso dall’autista di un pullman perché occupava l’area riservata alla fermata degli autobus nella centrale Via Maccari a Siena. Gli agenti delle volanti della questura di Siena, intervenuti sul posto hanno cercato di ricostruire la vicenda anche attraverso le testimonianze delle persone presenti al momento dei fatti.

Dagli accertamenti svolti dalla polizia è emerso, che il 33enne di origini pugliesi, dopo essere stato richiamato è sceso subito dalla propria autovettura e si è portato nei pressi del finestrino anteriore dell’autobus dando in escandescenze e alzando le mani verso il volto della conducente, dipendente dell’azienda trasporti locale.

La donna, impaurita dal suo atteggiamento aggressivo ha quindi chiamato un collega, controllore, chiudendosi all’interno del veicolo. Giunto sul posto, anche il collega ha cercato di spiegare all’uomo che stava occupando l’area riservata agli autobus ostacolandone il servizio e creando intralcio alla normale circolazione.

Subito dopo, durante la fase di identificazione alla presenza di un ufficiale della Polizia Municipale, l’uomo ha reagito dando una spinta al controllore che è caduto a terra perdendo l’equilibrio. In seguito alla caduta è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale dove è stato dimesso dopo le cure con una prognosi di 7 giorni a causa delle ferite riportate.

Foto di repertorio

Nessun commento su Aggredito controllore di autobus a Siena

Aggredisce la madre per una ricarica. Donna arrestata dalla polizia

SIENA – E’ stata arrestata dalla Polizia per tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia una donna di 31 anni che la il 6 agosto ha aggredito la madre all’interno della…

SIENA – E’ stata arrestata dalla Polizia per tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia una donna di 31 anni che la il 6 agosto ha aggredito la madre all’interno della propria abitazione di Vico Alto a Siena.

A chiamare il 113 una vicina di casa alla quale la vittima si è rivolta suonandole alla porta, dato che la figlia le aveva staccato il telefono fisso per impedirle di chiamare i soccorsi, allontanandosi subito dopo l’aggressione.

In particolare, a seguito della segnalazione giunta al 113, la Sala Operativa della Questura ha inviato un Volante e una pattuglia della Squadra Mobile, entrambi in servizio sul territorio, in via degli Abruzzi, dove abita la donna aggredita.
Mentre i poliziotti della Squadra Mobile cercavano di raccogliere le prime informazioni da parte della madre, gli agenti delle Volanti hanno rintracciato la figlia che si stava allontanando a bordo di un autobus urbano, a circa 50 metri da casa.

Hanno fatto fermare il mezzo e l’hanno fatta scendere, certi che fosse proprio lei ad aver commesso i fatti. La donna, T.R. di Siena, è infatti nota alle Forze di Polizia locali per i suoi precedenti, anche specifici, che negli ultimi anni l’hanno vista essere causa di numerosi interventi.

La donna ha confermato quanto era stato già accertato e riferito dalla madre alla Polizia. Dopo aver chiesto circa 30 euro alla mamma per effettuare una ricarica telefonica, al suo rifiuto ha iniziato ad inveire contro di lei verbalmente per poi passare alle vie di fatto, colpendola alla testa con una mazzo di chiavi.

Dai primi riscontri e dagli accertamenti successivi è poi emerso che le richieste di denaro sono diventate negli ultimi tempi sempre più pressanti, divenendo il principale motivo di continue liti e accese discussioni, talvolta anche violente, tra madre e figlia. Quando gli agenti sono entrati nell’abitazione dove è stato consumato il reato hanno trovato le camere da letto completamente a soqquadro, ridotte in quello stato dalla figlia stessa nel tentativo di cercare il denaro negatole e con il telefono di casa staccato.

La vittima è stata subito accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale dai sanitari del 118, chiamati dalla Polizia. Dal Nosocomio de Le Scotte è stata dimessa dopo le cure opportune con una prognosi di 5 giorni per le lesioni con lieve trauma cranico riportate. La R.T. è stata pertanto arrestata ed accompagnata al carcere fiorentino di Sollicciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nessun commento su Aggredisce la madre per una ricarica. Donna arrestata dalla polizia

Siena: lite sfocia in aggressione. Denunciato uno straniero

SIENA – Una lite verbale nata per motivi futili è sfociata in aggressione con coltello, ma la Polizia, intervenuta tempestivamente, ha rintracciato l’autore che è stato denunciato. Intorno alle 2.35…

SIENA – Una lite verbale nata per motivi futili è sfociata in aggressione con coltello, ma la Polizia, intervenuta tempestivamente, ha rintracciato l’autore che è stato denunciato. Intorno alle 2.35 della notte appena trascorsa, gli agenti delle Volanti della Questura sono intervenuti in Piazza Manzoni, nel centro storico di Siena, in seguito ad alcune chiamate giunte al 113 che segnalavano una persona ferita durante una lite.

Dai primi accertamenti svolti dalla Polizia è emerso che intorno alle ore 2.20 un giovane, senese di 25 anni, che al momento dell’arrivo della Volante si trovava nei pressi della Basilica dei Servi col braccio sanguinante, era stato colpito con un coltello, dopo essere rimasto coinvolto in una discussione tra un ragazzo straniero ed altri senesi, durante la quale aveva cercato di placare gli animi.

Gli agenti hanno fatto intervenire, subito, sul posto un’ambulanza con i sanitari del 118 che, dopo aver prestato al ferito le prime cure, l’hanno accompagnato al Pronto Soccorso dell’Ospedale le Scotte. Nel frattempo, raccogliendo altre testimonianze sono riusciti a rintracciare l’aggressore, un domenicano di 33 anni, che si era rifugiato all’interno della Chiesa. Lo straniero, incensurato, ha negato di aver usato un coltello e di aver colpito qualcuno, dichiarando invece di essere stato percosso con un pugno durante la lite.

L’uomo, accompagnato all’esterno della Basilica, è stato però subito riconosciuto dalla vittima come l’autore del gesto, mentre alcuni testimoni, che lo avrebbero visto impugnare l’arma, non hanno assistito all’aggressione con il coltello, che non è stato rinvenuto in suo possesso, né nei luoghi limitrofi o dove alloggia. I poliziotti, una volta ricostruita la dinamica dei fatti e ricevuta la denuncia querela da parte della vittima, dimessa con una prognosi di 15 giorni per lesioni da arma da taglio al braccio sinistro, hanno denunciato lo straniero per lesioni aggravate.

Nessun commento su Siena: lite sfocia in aggressione. Denunciato uno straniero

Ubriaco aggredisce due poliziotti, denunciato.

Era talmente ubriaco che sono stati necessari due calmanti, somministratigli dai sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale, per tranquillizzare uno straniero fermato ieri dalla Polizia. Intorno alle ore 20.45, gli agenti delle Volanti…

Era talmente ubriaco che sono stati necessari due calmanti, somministratigli dai sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale, per tranquillizzare uno straniero fermato ieri dalla Polizia.

Intorno alle ore 20.45, gli agenti delle Volanti della Questura di Siena sono intervenuti in via del Porrione dove era stato segnalato un avventore di un noto locale che, in stato di evidente ebbrezza, infastidiva le persone.

Poco lontano dall’esercizio i poliziotti hanno rintracciato l’uomo, sprovvisto di  documenti, successivamente identificato come un inglese di 33 anni.

Lo straniero, alla vista degli agenti, ha iniziato ad agitarsi al punto che è stato necessario accompagnarlo, in sicurezza, in Questura. Una volta condotto in Ufficio, per procedere alla sua esatta identificazione, dato che non aveva con sé i documenti, ha continuato a dare in escandescenza, gridando a squarciagola e gettandosi in terra.

A quel punto i poliziotti hanno tentato, seppur con molte difficoltà, di aiutarlo a rialzarsi e, nel frattempo, hanno chiamato il 118 per le cure del caso.

Nel momento in cui sono riusciti a farlo stare in piedi, ha colpito con una testata uno dei due agenti. Durante lo scontro è rimasto lui stesso lievemente ferito allo zigomo sinistro.

Una volta trasportato al pronto soccorso è stato sottoposto alle cure mediche, sotto la stretta vigilanza della Polizia, dato il perdurare del suo stato di agitazione fino alla somministrazione del secondo sedativo.

Una vola dimesso dall’Ospedale, con una prognosi di 3 giorni per intossicazione alcolica, è stato denunciato per violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Il poliziotto ha invece riportato un trauma al volto giudicato guaribile in 5 giorni.

Nessun commento su Ubriaco aggredisce due poliziotti, denunciato.

Type on the field below and hit Enter/Return to search