La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Categoria: News

Libri e teatro, il fine settimana di Chiusi

A Chiusi prosegue il calendario di Libriamoci, evento coordinato dall’assessorato al Sistema Chiusipromozione – Biblioteca comunale della città di Chiusi – in collaborazione con Regione Toscana, Redos e con il…

A Chiusi prosegue il calendario di Libriamoci, evento coordinato dall’assessorato al Sistema Chiusipromozione – Biblioteca comunale della città di Chiusi – in collaborazione con Regione Toscana, Redos e con il supporto di varie realtà territoriali e mira a far scoprire e riscoprire il piacere della lettura

L’appuntamento di sabato 10 gennaio, alle 17:00, sarà dedicato ai più piccoli e si intitolerà “Nati per Leggere”, secondo appuntamento del ciclo educare all’ascolto organizzato da Arianna Nocera – Educatrice prof.le e Mediatrice familiare e Catia Mezzetti – Educatrice prof.le e Counsellor, presso i locali della Casa della Cultura – Biblioteca Comunale, iniziativa rivolta sia a bambini che a genitori.

All’appuntamento con Libriamoci seguirà e proseguirà alle ore 18.00, la serie di incontri a teatro con A tu per Tu organizzati dalla Fondazione Orizzonti d’Arte e che questa volta permetterà di conoscere da vicino Giorgio Albertazzi e il suo Mercante di Venezia (in scena al Teatro Mascagni alle ore 21.15 di sabato 10 gennaio). Prima e dopo lo spettacolo sarà come sempre possibile cenare a teatro con i piatti del ristorante Grillo è Buon Cantore, Il Punto e La Zaira.

Domenica 11 gennaio sarà ancora la volta di riscoprire il piacere della lettura con Libriamoci. Alle ore 17.00 presso il Museo Civico La Città Sotterranea, Roberto Sanchini (presidente Gruppo Archeologico) presenterà il suo volume Dialoghi con Plutone, introdotto da Giuseppe Maria Della Fina.

Nessun commento su Libri e teatro, il fine settimana di Chiusi

Editoria digitale: la tassazione sugli ebook scende al 4%

Importanti novità per l’editoria digitale: la tassazione sugli ebook scende dal 22% al 4% La legge di stabilità 2015 approvata in Parlamento ha introdotto importanti novità in materia fiscale. Un provvedimento…

Importanti novità per l’editoria digitale: la tassazione sugli ebook scende dal 22% al 4%

La legge di stabilità 2015 approvata in Parlamento ha introdotto importanti novità in materia fiscale. Un provvedimento riguarda una modifica molto attesa sull’IVA per i libri digitali: la tassazione sugli ebook scenderà infatti dal 22% al 4%. Il provvedimento ha quindi dato una risposta positiva alla richiesta dell’Associazione italiana editori, che ha chiesto l’equiparazione della tassazione degli ebook a quella dei libri cartacei, portando entrambi i formati al 4%.

Una battaglia per l’editoria digitale che era stata portata avanti attraverso una campagna dal titolo #Unlibroèunlibro. La campagna, che ha riscosso grande successo sul web, mirava al rilancio degli ebook attraverso un abbassamento dei prezzi. Come si legge nel sito dell’iniziativa:

“In Italia i device per la lettura digitale stanno conoscendo una forte diffusione: nel 2013 gli ereader acquistati sono stati 2,4 milioni (+34,2%), i tablet 6,3 milioni (+65,7%) e gli smartphone 26,2 milioni (+43,0%). A essere in crescita è anche il tempo che gli italiani passano in loro compagnia. In un Paese dove 4 italiani su dieci (il 43% secondo Istat) leggono almeno un libro all’anno, intercettare lettori e non lettori attraverso i device che utilizzano maggiormente è la sfida da vincere per aumentare gli indici di lettura. Già oggi la lettura digitale, che nel 2013 ha registrato un +18%, cresce più di quanto non faccia la lettura dei libri di carta che, al contrario, nell’ultimo anno ha perso il 6,1%.

Perché allora, nella normativa fiscale, si parla di ebook e libri in termini differenti? Perché un libro può godere di un’IVA agevolata (4%), mentre secondo la direttiva europea un ebook è assimilato a un servizio elettronico e sconta il trattamento fiscale ordinario (22%)? Un libro è un libro, indipendente dal supporto. Perché non riconoscerlo?”

Con la legge di stabilità 2015 l’equiparazione tra i due formati è finalmente avvenuta. La differenza era stata stabilita dall’Unione Europea, che aveva stabilito che ogni bene digitale dovesse essere considerato un servizio ai fini della tassazione IVA, applicando quindi l’aliquota massima; con l’avvento degli ebook e del mercato dell’editoria digitale, però, molti paesi europei hanno cominciato ad applicare una tassazione agevolata, considerando tali prodotti un veicolo di crescita culturale e democratica.

Nessun commento su Editoria digitale: la tassazione sugli ebook scende al 4%

Unione dei Comuni della Valdichiana condanna l’attacco a Charlie Hebdo

I Sindaci dell’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, che comprende i territori di Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sinalunga, Sarteano, Torrita di Siena e Trequanda, esprimono…

I Sindaci dell’Unione dei Comuni della Valdichiana senese, che comprende i territori di Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sinalunga, Sarteano, Torrita di Siena e Trequanda, esprimono il loro sdegno nei confronti del vile attentato compiuto martedì a Parigi da tre terroristi nella redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo..

“Un gesto terribile e terrificante che non può non scuotere le coscienze e non può che provocare orrore ed un fortissimo dolore – affermano i sindaci dei nove Comuni della Valdichiana – Gli attentatori hanno cercato di colpire la nostra democrazia e la libertà di pensiero e di espressione, simboli delle nostre società e del nostro modo di vivere e di intendere il mondo. Ma non avranno la meglio.

Da parte nostra esprimiamo la nostra solidarietà al popolo francese e a tutti quanti credono nei valori della libertà, di pensiero e di espressione, e della democrazia e che rispondono a questo vile attentato credendo se possibile ancora di più in questi principi cardine che guidano le nostre esistenze. Esprimiamo il nostro sgomento – proseguono i Sindaci – e la nostra totale condanna di fronte a questa crudeltà e a questo terrificante attacco terroristico”.

I Comuni della Valdichiana hanno espresso in vari modi la propria vicinanza a quanti sono stati colpiti da questo attacco e la ferma condanna di questo terribile attentato, anche esponendo la bandiera francese a mezz’asta e listata a lutto.

Foto Copertina: NVE24

Nessun commento su Unione dei Comuni della Valdichiana condanna l’attacco a Charlie Hebdo

Il Museo di Montepulciano vissuto attraverso i cinque sensi

Sabato 10 gennaio alle ore 16.00 sarà possibile visitare il Museo Civico – Pinacoteca Crociani di Montepulciano guidati dalle percezioni sensoriali dei cinque sensi e sarà un’occasione per apprezzare il…

Sabato 10 gennaio alle ore 16.00 sarà possibile visitare il Museo Civico – Pinacoteca Crociani di Montepulciano guidati dalle percezioni sensoriali dei cinque sensi e sarà un’occasione per apprezzare il museo in una modalità inedita, affidandosi a vista, olfatto, tatto, gusto, udito e conoscere con approccio insolito i dipinti di celebri maestri.

Un percorso tra suoni, profumi e sapori, esperienze tattili e visive organizzato dai volontari del Servizio Civile Regionale Museum Angels per Fondazione Musei Senesi, nel quale, di fronte ai quadri in cui sono riprodotte stoffe e vestiti, si potranno toccare gli stessi tessuti; le essenze floreali accompagneranno la visione di opere in cui sono effigiati fiori e piante; la vista sarà stimolata ad andare oltre l’apparenza da un’osservazione più attenta dei panorami, nei quali è possibile scorgere personaggi e azioni; nella sezione “Sacro e profano” armonie di sottofondo accompagneranno la visione di opere in cui si vedono gli stessi strumenti musicali che le producono; e infine il gusto sarà gratificato dalla frutta offerta in prossimità dei quadri che la propongono.

All’iniziativa sarà presente l’Erboristeria Elisir di Montepulciano per un momento di incontro durante il quale si illustreranno le proprietà curative e cosmetiche di alcune piante che si ritrovano nelle opere della pinacoteca. Sarà inoltre a disposizione una selezione di libri incentrata sulla tematica sensoriale a cura della Libreria Centofiori di Montepulciano.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Montepulciano. L’ingresso è gratuito e non occorre la prenotazione.

Nessun commento su Il Museo di Montepulciano vissuto attraverso i cinque sensi

Il Comune di Chiusi fa il bilancio dell’anno appena concluso

Il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli traccia un bilancio dell’anno appena concluso, sottolineando gli interventi del Comune che si è mosso a favore delle classi sociali più deboli, come ad esemio…

Il sindaco di Chiusi Stefano Scaramelli traccia un bilancio dell’anno appena concluso, sottolineando gli interventi del Comune che si è mosso a favore delle classi sociali più deboli, come ad esemio i pensionati, riducendo le tasse, mettendo a disposizione contributi e continuando a lavorare sulla consegna di case popolari.

Allo stesso tempo sono state realizzate opere pubbliche importanti come il parcheggio di Porta Lavinia, nuovi marciapiedi, parchi giochi, la Domus Romana e l’ammodernamento dello stadio. Non sono mancati nemmeno gli investimenti nella scuola sia in termini tecnologici e didattici che infrastrutturali.

In merito alla cultura, la Fondazione Orizzonti d’Arte e il Sistema Chiusipromozione hanno conosciuto una importante stagione con eventi quali Chiusi nella Danza, Festival Orizzonti, Lars Rock Fest, ma anche Tria Turris, Santa Mustiola, Ruzzi della Conca, il progetto della Dodecapoli, Libriamoci e molti altri.

Il 2014 si conferma quindi un anno importante per la città di Chiusi, e il lavoro svolto dal Comune pone le basi per un progetto di sviluppo futuro. Il primo cittadino si dichiara soddisfatto e pronto ad affrontare il 2015 a testa alta, per raggiungere con determinazione gli obiettivi prefissati.

Nessun commento su Il Comune di Chiusi fa il bilancio dell’anno appena concluso

Il sindaco di Monte San Savino interviene sull’IMU dei terreni agricoli

Il Comune di Monte San Savino, in virtù del decreto ministeriale, che riguarda l’introduzione dell’Imu sui terreni agricoli, non è stato più riconosciuto come comune montano o di collina. In…

Il Comune di Monte San Savino, in virtù del decreto ministeriale, che riguarda l’introduzione dell’Imu sui terreni agricoli, non è stato più riconosciuto come comune montano o di collina.

In seguito a tale riclassificazione i terreni agricoli ancora esenti dall’imposta Imu saranno solo quelli posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali con requisito previdenza agricola.

La Casa comunale savinese si trova infatti ad un’altitudine di 330 metri s.l.m. e quindi rientra nello scaglione da 281 metri fino a 600 metri, cioè dove i terreni agricoli posseduti da soggetti privi dei requisiti suddetti sono tenuti al versamento dell’IMU.

Per tali terreni il termine per versamento dell’imposta municipale propria relativa all’anno 2014 è stato prorogato al 26 gennaio 2015. Il Sindaco Margherita Scarpellini alla luce della nuova imposta governativa ha scritto al Presidente Piero Fassino dell’Anci e Sara Biagiotti di Anci Toscana per esprimere la sua più viva preoccupazione sulla situazione venutasi a creare.

“Nello specifico al nostro comune è stato quantificato un taglio di euro 323.397,88 in ragione dell’Imu sui terreni agricoli – sottolinea Margherita Scarpellini – tutto questo sulla scorta di un provvedimento Ministeriale che ha tolto a Monte San Savino l’esenzione da comune montano di cui aveva finora beneficiato. Il taglio in questione determina un forte aggravio per gli equilibri di bilancio già verificati in sede di assestamento, nonché per il rispetto del patto di stabilità. Interpretando una volontà condivisa da tutti i colleghi Sindaci ho chiesto un intervento immediato presso il Governo affinché si arrivi ad una celere rideterminazione con effetti meno devastanti per gli enti locali e per i cittadini”.

Nessun commento su Il sindaco di Monte San Savino interviene sull’IMU dei terreni agricoli

Verso la gestione unica per Cetona, Sarteano e San Casciano

I Comuni di Sarteano, Cetona e San Casciano dei Bagni hanno avviato un percorso per gestire le funzioni fondamentali dei rispettivi enti (bilancio, affari generali, ufficio tecnico, edilizia scolastica, ecc.)…

I Comuni di Sarteano, Cetona e San Casciano dei Bagni hanno avviato un percorso per gestire le funzioni fondamentali dei rispettivi enti (bilancio, affari generali, ufficio tecnico, edilizia scolastica, ecc.) in modo associato, all’interno dell’Unione di Comuni della Valdichiana Senese.

“La normativa statale indica nell’associazione delle funzioni la strada obbligata per i piccoli comuni – commentano i sindaci Eva Barbanera (Cetona), Francesco Landi (Sarteano), Paolo Morelli (San Casciano dei Bagni) – noi lo facciamo dentro all’Unione dei comuni, che reputiamo il luogo naturale in cui gestire i servizi, dimostrando di credere nelle politiche d’area e di voler lavorare per un suo funzionamento sempre più efficiente. Non sarà un percorso immediato, servirà il coinvolgimento dei dipendenti, ma l’obiettivo è quello di creare servizi migliori per i cittadini”.

La legge Del Rio obbliga i comuni sotto i 3000 abitanti, quindi Cetona e San Casciano ad associare le funzioni fondamentali dal 1 gennaio 2015 (Cetona aveva già associato negli anni scorsi bilancio ed ufficio tecnico). Sarteano, essendo comune di una ex comunità montana non è obbligato per legge – almeno non ancora – ma ha deciso comunque di iniziare un percorso condiviso con i comuni della montagna di Cetona, dentro all’Unione dei Comuni, per creare uffici unici con un miglioramento delle competenze e risparmi nel medio periodo per i cittadini.

“E’ una decisione forte, che lega questi tre comuni all’interno dell’Unione dei Comuni della Valdichiana – aggiungono i tre sindaci – Sarteano inizierà con i servizi economico-finanziari per poi procedere gradualmente con altri settori, mentre per Cetona e San Casciano il percorso sarà più immediato. I cittadini non noteranno questi cambiamenti interni agli uffici comunali, ma anzi, ne vedranno i benefici quanto prima. Mentre da tante parti si parla di fusioni dei comuni, noi invece facciamo un passo concreto nell’ottica del risparmio e nella gestione unica di molti servizi tra tre municipi. I nostri comuni mantengono la loro specificità, ma avviano un percorso comune di modernizzazione della macchina amministrativa per certi aspetti storico che certamente andrà seguito e concertato: l’obiettivo è ottenere uffici unici con più competenze e più specializzati”.

La convenzione che regola l’associazione delle funzioni fondamentali dentro l’Unione dei Comuni, è stata approvata anche nei tre consigli comunali dei comuni interessati negli ultimi giorni del 2014. Nei prossimi giorni dovrà essere sottoscritta dai rispettivi sindaci e dal Presidente dell’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese.

Nessun commento su Verso la gestione unica per Cetona, Sarteano e San Casciano

La prefettura di Siena sul rave party di Torrenieri

La prefettura di Siena interveniene sul rave party a Torrenieri. Fin dal pomeriggio del 31 è stato attivato un servizio straordinario di controllo del territorio per contenere i disagi e…

La prefettura di Siena interveniene sul rave party a Torrenieri. Fin dal pomeriggio del 31 è stato attivato un servizio straordinario di controllo del territorio per contenere i disagi e prevenire ogni possibile ulteriore problema. Il Prefetto ha costantemente seguito l’evoluzione della vicenda in contatto con la Questura e il Comando provinciale dei Carabinieri, convocando una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Alla seduta di Comitato, del 2 mattina, oltre ai vertici provinciali delle forze dell’ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato) hanno preso parte i Sindaci di Montalcino e San Quirico d’Orcia, il Comandante della Polizia Stradale d il Comandante della Polizia Provinciale.

“Sono state potenziate le misure con la partecipazione di tutte le componenti – ha dichiarato la Prefettura – compresa la Polizia Municipale di Montalcino, con allertamento delle strutture di soccorso pubblico, il presidio delle stazioni ferroviarie di Siena, Buonconvento e Chiusi, la presenza permanente in Torrenieri la “cintura” del perimetro occupato”.

Gli obiettivi prioritari sono stati la salute degli occupanti, tra cui non mancavano ragazzi minorenni, il controllo delle condizioni dei conducenti dei camper e delle auto in uscita a tutela dell’incolumità pubblica, l’identificazione degli occupanti, la prevenzione di atti vandalici, l’azione di deterrenza per scongiurare sia ulteriori afflussi sia il prosieguo del rave fino all’Epifania.

Al momento non si segnalano, salvo il ricovero per un lieve malore di un ragazzo, situazioni significative di danno a persone o cose. Proseguono le attività delle forze dell’ordine finalizzate all’adozione di provvedimenti sanzionatori, sono oltre 150 i provvedimenti amministrativi e le sanzioni comminate a coloro che hanno partecipato al rave party del settembre scorso in comune di Pienza.

Sulla vicenda il prefetto Renato Saccone ha dichiarato:

“Prevenire un rave party è difficile ma bisognerà provarci sia con l’attività informativa che con un uso corretto e attento del territorio.

Sgomberare mille persone da un’area privata, per la cui occupazione ancora adesso non è stata presentata alcuna denuncia dalla proprietà, è praticamente impossibile e comunque contrario ad ogni buona norma di gestione dell’ordine pubblico. Ringrazio tutti gli operatori della sicurezza che hanno profuso un impegno straordinario e aggiuntivo rispetto al dispositivo predisposto nel controllo del territorio durante le festività.

Sono loro i lavoratori che rappresentano degnamente lo Stato non certamente gli assenteisti che disonorano il patto di servizio alla comunità.

Infine, ho dato la mia disponibilità al Sindaco di Montalcino per promuovere un incontro con la proprietà per la messa in sicurezza e il recupero dell’area occupata”.

Video a cura di Teknival Torrenieri

Nessun commento su La prefettura di Siena sul rave party di Torrenieri

Rappuoli lamenta l’inefficienza della Amministrazione di Sinalunga

Angelina Rappuoli lamenta l’inefficienza della nuova Amministrazione Comunale di Sinalunga e chiede le dimissioni del Sindaco Riccardo Agnoletti e di tutti gli Assessori Comunali. Nella nota inviata dalla consigliera al…

Angelina Rappuoli lamenta l’inefficienza della nuova Amministrazione Comunale di Sinalunga e chiede le dimissioni del Sindaco Riccardo Agnoletti e di tutti gli Assessori Comunali.

Nella nota inviata dalla consigliera al nostro giornale si legge:

“Sono passati circa sette mesi da quando la nuova Amministrazione Comunale si è ufficialmente insediata e fino ad adesso ha mostrato tutti i suoi limiti. L’inadeguatezza di Sindaco, Assessori e della maggioranza è palese. In questi mesi è stato fatto poco o nulla e tante questioni non sono state discusse.

Non si capisce bene quale sia la sua linea amministrativa del Sindaco Agnoletti, in campagna elettorale dice di voler abbassare le tasse e una volta eletto le aumenta, prima dice di voler abbassare i costi dell’Amministrazione poi incarica soggetti esterni per fare l’ufficio stampa del Comune pagandoli 2000 euro per tre mesi. Tutte queste manovre vanno soltanto a discapito della cittadinanza e mette in pericolo il corretto funzionamento del nostro Comune”.

La nota conclude

“La Lista Civica Angelina per Sinalunga si batte in Consiglio Comunale per portare avanti delle proposte che puntualmente vengono ignorate a prescindere salvo poi constatare che la maggioranza targata PD adotta provvedimenti fallimentari. Questa situazione non è più sostenibile, è necessario un cambiamento radicale.

L’unica opzione utile al nostro Comune è quella delle dimissioni del Sindaco Agnoletti e di tutta la maggioranza. Sinalunga non può pagare l’inadeguatezza di chi si ostina ad amministrare senza averne le capacità necessarie. Una dimissione adesso permetterebbe di andare ad elezioni in primavera evitando commissariamenti troppo prolungati.”

Nessun commento su Rappuoli lamenta l’inefficienza della Amministrazione di Sinalunga

“Gli amici di Fritz” torna con La Cenerentola di Rossini

La Compagnia Lirica “Gli amici di Fritz” torna, dopo il successo dello scorso agosto, questa sera 5 gennaio alle ore 21:00 Sarteano e domani 6 gennaio alle ore 18:00 a…

La Compagnia Lirica “Gli amici di Fritz” torna, dopo il successo dello scorso agosto, questa sera 5 gennaio alle ore 21:00 Sarteano e domani 6 gennaio alle ore 18:00 a Castiglione d’Orcia con lo spettacolo dal titolo La Cenerentola.

Una favola antica che sa di magia e stupore, mistero e redenzione che ne conosciamo tutti almeno una versione, dalla più nostrana e antica, alla più famosa “Cendrillon” di Charles Perrault. Impossibile non citare La Cenerentola di Rossini, melodramma buffo su libretto di Cesare Sterbini, che ci accingiamo a mettere in scena.

Se Rossini decise di eliminare l’elemento più propriamente fatato ed apportare alcune varianti rispetto alla favola per bambini, siamo persuasi che la fascinazione della magia, del mistero, permanga anche in assenza di formule magiche grazie ai buoni sentimenti e al lieto fine.
E soprattutto grazie alla freschezza: la messa in scena è imperniata sull’idea del gioco. Un gruppo di amici si ritrova in una soffitta ingombra di materiale, incomincia a scavare e ne nasce una fiaba.

Come i bambini che giocano con le spade di legno, come gli adulti che narrano le storie, questa Cenerentola contrappone l’ eccesso e la mediocritas in un turbinio di colori e di disegni che coinvolgono, stravolgono e, infine, commuovono per l’esito finale dell’avventura.

Il maestro sarà Emanuele Leomporri; la formazione d’archi “New Cinderella Quartet” sarà diretta dal Maestro Alessandro Arnoldo. Le scene e costumi sono a cura di Francesco Bonati e Federica Zampini. La regia sarà firmata dalla giovane Marika Petrizzelli.

Nessun commento su “Gli amici di Fritz” torna con La Cenerentola di Rossini

Type on the field below and hit Enter/Return to search