La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Categoria: Dintorni

NCD contro Valentini: “Non può mettere il bavaglio alla città”

Ncd Siena: “Mps, Valentini non può mettere il bavaglio alla città. Necessario avviare un dibattito sul futuro della Banca” Dalla segreteria del Nuovo Centrodestra senese, alla vigilia della risposta di…

Ncd Siena: “Mps, Valentini non può mettere il bavaglio alla città. Necessario avviare un dibattito sul futuro della Banca”

Dalla segreteria del Nuovo Centrodestra senese, alla vigilia della risposta di Francoforte sul piano di ricapitalizzazione di Rocca Salimbeni, riceviamo questa nota:

“Il 2015 sarà un anno decisivo per il Monte dei Paschi: in pochi mesi si decideranno le sorti della Banca e il suo legame con Siena. Siamo ormai giunti a poche ore da un verdetto decisivo per il futuro di Mps ovvero se la Banca centrale europea si accontenterà o meno di un aumento di capitale da circa 2,5 miliardi di euro per mettere al riparo i conti del Monte o se invece il tandem Profumo-Viola dovrà rivedere ancora una volta i conti, così come è accaduto dopo la ricapitalizzazione da 5 miliardi della scorsa primavera.

Nella prossima primavera scadrà l’incarico dell’attuale Cda e dunque riteniamo prioritario che si apra una riflessione sui risultati raggiunti dall’attuale gestione, a cominciare da un’analisi sull’anno appena concluso. Un 2014 che ha visto il titolo Mps in picchiata fino a un meno 57%, vanificando l’aumento di capitale da 5 miliardi, ha visto approvare l’undicesima trimestrale consecutiva in rosso e ha visto scivolare il Monte da terza a decima banca per capitalizzazione.

C’è poi tutta la questione dei dipendenti e delle risorse umane su cui il giudizio per l’operato del duo Profumo-Dalla Riva è del tutto negativo: da un lato le tante professionalità che hanno abbandonato la Banca, dall’altro l’aumento di stipendio per i top manager mai smentito e le voci, su cui vorremmo chiarimenti, di un continuo ricorso a consulenze esterne. Ma soprattutto quello che non ci convince è il fatto che per il futuro non sembrano esserci assunzioni di quei giovani senesi che un tempo erano considerati un investimento per il valore aggiunto intrinseco dell’attaccamento al Monte e alla città.

Questo il quadro di una banca ancora in mezzo alla tempesta di cui non si conosce l’approdo. Ancora non sappiamo infatti quale sarà il futuro del Monte ma stando ai rumors mediatici sarebbe entrata nel mirino di Banca Santander grazie al cavallo di troia dell’affaire Antonveneta. Una prospettiva che significherebbe la definitiva rottura di ogni legame con Siena e i senesi che, è bene sempre ricordarlo agli attuali dirigenti di Mps, hanno fatto grande questa banca.

Di fronte a questo quadro servirebbe una presa di coscienza collettiva da parte della classe dirigente della città e invece l’ordine è quello di non parlare del Monte. Una ‘regola del silenzio’ di cui è fermo custode il sindaco Valentini. E’ lui che vorrebbe mettere il bavaglio al consiglio comunale con lo slogan che la politica non deve occuparsi della banca: una lezione che non accettiamo perché i danni alla banca sono stati causati dalla cattiva politica chiusa nelle sedi di partito, non dalla trasparenza e dal libero dibattito in consiglio comunale dove è normale che ci si occupi della prima fonte di reddito di una città. O forse a Torino non si dovrebbe parlare della Fiat o a Taranto del futuro dell’Ilva? O forse è meglio non parlarne per non disturbare il manovratore, pari pari come accadeva nel recente e tragico passato?”

Nessun commento su NCD contro Valentini: “Non può mettere il bavaglio alla città”

A Cortona va in scena la commedia “Natale al Basilico”

Il 16 Gennaio 2015, andrà in scena al Teatro Signorelli di Cortona la commedia “Natale al Basilico”, di Valerio di Piramo per la regia di Marco Nocchia. I veterani della compagnia del…

Il 16 Gennaio 2015, andrà in scena al Teatro Signorelli di Cortona la commedia “Natale al Basilico”, di Valerio di Piramo per la regia di Marco Nocchia. I veterani della compagnia del “Piccolo Teatro” porteranno in scena il divertente spettacolo in tema natalizio, ricco di situazioni entusiasmanti e colpi di scena.

Tutto è pronto alla vigilia del Natale: Oreste e Carla sono felici di passare questo giorno speciale soli soletti in tutta tranquillità. Ma una bufera di neve sconvolgerà tutti i loro piani e questa apparentemente splendida e tranquilla giornata si trasforma in qualcosa di completamente diverso.
A questo punto entra in scena un gran susseguirsi di personaggi, ad iniziare da Adele, mamma di Carla, che arriverà all’improvviso nella casa per portare scompiglio con i suoi vuoti di memoria. Poi toccherà a Vladimir, che con il suo comportamento porterà vivacità e spensieratezza. Snob e tremendamente sofisticata, poi, entrerà in scena Lilli, seguita dai figli di Oreste e Carla, Francesco e Angelo. Infine, sarà Buruni l’interprete dell’ultimo divertentissimo colpo di scena che lascerà tutti a bocca aperta.

Il sipario si alzerà su ‘Natale al Basilico’ alle ore 21:15.

Nessun commento su A Cortona va in scena la commedia “Natale al Basilico”

Nuova scossa di terremoto avvertita a Siena

Un’altra scossa di terremoto è stata chiaramente avvertita dagli abitanti di Siena ieri notte alle 23:30 circa. L’impressione, a detta di alcuni abitanti, è stata quella dell’esplosione di una bomba…

Un’altra scossa di terremoto è stata chiaramente avvertita dagli abitanti di Siena ieri notte alle 23:30 circa.
L’impressione, a detta di alcuni abitanti, è stata quella dell’esplosione di una bomba o del passaggio di un camion; la scossa è stata di magnitudo 2.3 e profondità 6.6km. L’epicentro sembra fosse localizzato a Isola d’Arbia.

La lieve entità della scossa non ha causato danni a cose o persone. Scosse di questo tipo possono essere frequenti nella Zona Chianti, che resta un distretto a basso rischio sismico. Ricordiamo che il picco dello sciame sismico del 18-19 dicembre 2014 è stata una scossa di magnitudo 4.1, il cui epicentro era però più lontano dalla città.

Nessun commento su Nuova scossa di terremoto avvertita a Siena

A Foiano della Chiana torna il carnevale più antico d’Italia

Dal 1 febbraio al 1 marzo 2015 torna la 476 esima edizione del più antico carnevale d’Italia, quello di Foiano della Chiana. Tante le novità in programma per intrattenere e…

Dal 1 febbraio al 1 marzo 2015 torna la 476 esima edizione del più antico carnevale d’Italia, quello di Foiano della Chiana. Tante le novità in programma per intrattenere e far passare qualche ora in allegria a bambini e adulti

I quattro cantieri, dove i mastri cartapestai stanno dando vita ai mastodontici carri allegorici protagonisti dell’edizione 2015 del Carnevale di Foiano della Chiana, sono già in fermento.

Cinque domeniche di festa, dal 1 al 22 febbraio e l’1 marzo, durante le quali le vie del paese saranno teatro dei festeggiamenti in onore di Re Giocondo, il patrono della manifestazione, e in attesa del verdetto finale per decretare il vincitore tra i quattro cantieri in gara con vere e proprie opere di cartapesta.

Quattro i carri allegorici in gara rispettivamente realizzati dai quattro “cantieri” che dalla prima domenica daranno vita a veri e propri spettacoli che avranno come palcoscenico le piccole vie del centro storico di Foiano. Azzurri, Bombolo, Nottambuli e Rustici: questi i nomi delle quattro fazioni che da secoli ormai si sfidano ogni anno a colpi di coriandoli e cartapesta realizzando imponenti opere artistiche apprezzate in tutto il mondo. Attesa, da parte del pubblico, per scoprire quali saranno i colori e i soggetti rappresentati in forma allegorica da veri e propri maestri della cartapesta e della meccanica.

Molte le novità per questa nuova edizione, proposte dal giovane Comitato dei festeggiamenti. La prima è sul costo del biglietto: gli adulti che accompagneranno i bambini al carnevale pagheranno il biglietto a metà. Tante anche le attività collaterali che animeranno le vie del borgo, il 15 febbraio è atteso un grande raduno di Cosplay da tutta Italia con photo contest, dj set, area tematica. Per i più piccoli invece la grande parata con i personaggi della Disney (saranno circa 60 maschere), inoltre animazioni, gonfiabili, piccoli carri e treni del carnevale. Il 22 febbraio partirà la seconda edizione della CorRe Giocondo in collaborazione con la Podistica Avis: una corsa competitiva e non in maschera con premi per la migliore maschera e il miglior gruppo mascherato. La Galleria Furio del Furia (sede espositiva) e l’ affascinante Sala della Carbonaia ospiteranno nelle cinque domeniche alcune mostre d’arte varia. Torna per la nona edizione la Biennale di pittura. Il Premio Biennale Nazionale di Pittura, quest’anno incentrato sul tema “L’arte tra suoni, colori e allegria”, si svolgerà, come sempre, in concomitanza con il Carnevale di Foiano. I termini per le iscrizioni e l’invio di opere sono fissati per il 22 gennaio.

Il programma completo della manifestazione e altre informazioni sul sito www.carnevaledifoiano.it

manifesto_carnevale_100x140_015_low

Nessun commento su A Foiano della Chiana torna il carnevale più antico d’Italia

Bancasciano, manca ancora la soluzione al problema

Massimo Mori, socio di Bancasciano, torna sulla questione del rinnovo dei vertici dirigenziali della banca e si chiede, adesso che tutte le richieste sono state accolte che cosa succederà? Il…

Massimo Mori, socio di Bancasciano, torna sulla questione del rinnovo dei vertici dirigenziali della banca e si chiede, adesso che tutte le richieste sono state accolte che cosa succederà?

Il socio sostiene che occorre trovare una quadratura al cerchio, ovvero la soluzione al problema che però attualmente non c’è, ma invece viene evidenziata chiaramente la grande differenza tra chi crede fino in fondo al bene comune e chi invece resta semplicemente ancorato ai vecchi schemi delle divisioni e dei personalismi.

Nella nota si legge:

“Il senso di responsabilità di chi vive la banca da vicino è evidente, in un attimo sono usciti i nomi di chi, secondo coloro che hanno aderito al comitato, dovrà governarla, ma sono usciti semplicemente ad Asciano, Arbia e Rapolano cosa che invece ancora non è accaduta a Siena e in Valdichiana.

Certamente la mancanza della necessità di raccogliere le firme per la presentazione dei nominativi apre una condizione assolutamente diversa rispetto al passato, ma aspettare troppo, può favorire la corsa di chi pensa di avere i requisiti e non li ha , di chi si sente bravo più di altri e non lo è, di chi sente di avere più legami e non li ha, ma soprattutto apre le porte a quel ragionamento che porta a mettere insieme il passato con il presente, nel senso dell’affermazione che dice. “nella corsa per un posto, sono tutti uguali.

Apprezzabili le scelte fin qui fatte che certamente meritano accoglimento e fiducia, ad Asciano con Giacomo Mancini, indicato come possibile presidente, Daniele Vigni e Andrea Moscadelli come amministratori; ad Arbia con Paolo gradi; a Rapolano e Serre con Ivo Coppola; a Siena e Valdichiana tutto tace, ancora non c’è accordo, e siccome il giorno 16 gennaio, ultimo giorno utile per la presentazione delle candidature è sempre più vicino, molti soci hanno deciso di svincolarsi e fare una scelta autonoma magari autocandidandosi.

Forse alle elezioni del prossimo 8 febbraio la scelta si baserà su molti nominativi e sarà piacevole andare a votare sul nome che piace di più, sarebbe stato certamente più semplice seguire le indicazioni del lavoro delle varie commissioni, ma visto come vanno le cose andremo avanti a prescindere dal loro lavoro, e risultato si baserà su requisiti e valutazioni che magari al momento non sono state ancora considerate”.

Nessun commento su Bancasciano, manca ancora la soluzione al problema

La stagione del Signorelli riparte con la Traviata

La stagione teatrale del Signorelli di Cortona riparte mercoledì 14 gennaio 2015 ore 21:15 con la Traviata nella trasposizione della compagnia Artemis Danza. La Traviata è il primo capitolo di…

La stagione teatrale del Signorelli di Cortona riparte mercoledì 14 gennaio 2015 ore 21:15 con la Traviata nella trasposizione della compagnia Artemis Danza.

La Traviata è il primo capitolo di un coraggioso progetto firmato da Monica Casadei, eclettica coreografa emiliana formatasi fra Italia, Inghilterra, Francia e vari soggiorni in Oriente, dedicato al celebre Maestro Giuseppe Verdi, che si propone di tradurre nel linguaggio della danza i melodrammi più celebri del più amato compositore italiano.

Una Traviata letta dal punto di vista di Violetta. Violetta contro tutti, Violetta al centro di una società maschilista espressa da un coro in nero. Violetta moltiplicata in tanti elementi femminili, in tanti spaccati di cuore. Violetta disprezzata, che anela, pur malata, pur cortigiana, a qualcosa di puro. Violetta contro cui si scagliano le regole borghesi espresse dal padre di Alfredo, Giorgio Germont, emblema di una società dalla morale malsana. Una società in cui per certi versi si rispecchia a distanza anche la nostra.

La Traviata è per Monica Casadei, che ne cura coreografia, regia, scene, luci e costumi, un viaggio nel dramma di Violetta così come per Alessandro Taverna, autore della drammaturgia musicale, a Luca Vianini, che ha curato l’elaborazione musicale, e per chi in scena danza (Vittorio Colella, Melissa Cosseta, Gloria Dorliguzzo, Chiara Montalbani, Gioia Maria Morisco, Sara Muccioli, Camilla Negri, Stefano Roveda, Francesca Ruggerini, Emanuele Serrecchia e Vilma Trevisan).

Nessun commento su La stagione del Signorelli riparte con la Traviata

Il sindaco di Monte San Savino interviene sull’IMU dei terreni agricoli

Il Comune di Monte San Savino, in virtù del decreto ministeriale, che riguarda l’introduzione dell’Imu sui terreni agricoli, non è stato più riconosciuto come comune montano o di collina. In…

Il Comune di Monte San Savino, in virtù del decreto ministeriale, che riguarda l’introduzione dell’Imu sui terreni agricoli, non è stato più riconosciuto come comune montano o di collina.

In seguito a tale riclassificazione i terreni agricoli ancora esenti dall’imposta Imu saranno solo quelli posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali con requisito previdenza agricola.

La Casa comunale savinese si trova infatti ad un’altitudine di 330 metri s.l.m. e quindi rientra nello scaglione da 281 metri fino a 600 metri, cioè dove i terreni agricoli posseduti da soggetti privi dei requisiti suddetti sono tenuti al versamento dell’IMU.

Per tali terreni il termine per versamento dell’imposta municipale propria relativa all’anno 2014 è stato prorogato al 26 gennaio 2015. Il Sindaco Margherita Scarpellini alla luce della nuova imposta governativa ha scritto al Presidente Piero Fassino dell’Anci e Sara Biagiotti di Anci Toscana per esprimere la sua più viva preoccupazione sulla situazione venutasi a creare.

“Nello specifico al nostro comune è stato quantificato un taglio di euro 323.397,88 in ragione dell’Imu sui terreni agricoli – sottolinea Margherita Scarpellini – tutto questo sulla scorta di un provvedimento Ministeriale che ha tolto a Monte San Savino l’esenzione da comune montano di cui aveva finora beneficiato. Il taglio in questione determina un forte aggravio per gli equilibri di bilancio già verificati in sede di assestamento, nonché per il rispetto del patto di stabilità. Interpretando una volontà condivisa da tutti i colleghi Sindaci ho chiesto un intervento immediato presso il Governo affinché si arrivi ad una celere rideterminazione con effetti meno devastanti per gli enti locali e per i cittadini”.

Nessun commento su Il sindaco di Monte San Savino interviene sull’IMU dei terreni agricoli

Quasi 200mila visitatori al Valdichiana Outlet nei primi giorni dei saldi

I saldi invernali 2015 stanno facendo registrare dati importanti, in totale i visitatori nei primi quattro giorni di saldi sono stati 190.667. Dopo il primo fine settimana con numeri da…

I saldi invernali 2015 stanno facendo registrare dati importanti, in totale i visitatori nei primi quattro giorni di saldi sono stati 190.667. Dopo il primo fine settimana con numeri da record per il Valdichiana outlet Village anche il giorno dell’Epifania è stato caratterizzato dalla presenza di numerosi visitatori.

Pubblico in larga parte proveniente da Toscana, Umbria e Lazio, ma costituito anche da molti viaggiatori di passaggio che, di rientro dalle vacanze natalizie, non hanno mancato di effettuare una sosta e approfittarne dello shopping a prezzi di saldo.

Il picco massimo di presenze è stato registrato domenica 4 gennaio, secondo giorno di saldi, quando è stato raggiunto il traguardo di 60 mila unità, con lunghe code formatesi in A1 e lungo la superstrada. Ha tenuto, nonostante l’“invasione”, l’organizzazione approntata e costituita dagli uomini e dalle donne del servizio d’ordine, ha provveduto ad assistere e coadiuvare gli automobilisti nelle aree di sosta, a presidiare le piazze e le strade del Village, a facilitare il deflusso del traffico.

“Bilancio estremamente positivo – commentano dalla Direzione – per quanto riguarda questi primi giorni di saldi, addirittura al di sopra delle nostre previsioni. Accogliamo il gran numero di visitatori con grande soddisfazione, in attesa dei dati riguardanti l’effettiva incidenza sugli acquisti; si tratta dei primi benefìci derivanti dall’attività di rafforzamento della struttura avviata dalla nuova proprietà Blackstone tramite la società di gestione A.V.M. (Added Value Management)”.

Valdichiana Outlet Village si conferma ai vertici in Italia per quanto riguarda la capacità attrattiva, grazie ad un’offerta merceologica completa e vantaggiosa.

Nessun commento su Quasi 200mila visitatori al Valdichiana Outlet nei primi giorni dei saldi

La prefettura di Siena sul rave party di Torrenieri

La prefettura di Siena interveniene sul rave party a Torrenieri. Fin dal pomeriggio del 31 è stato attivato un servizio straordinario di controllo del territorio per contenere i disagi e…

La prefettura di Siena interveniene sul rave party a Torrenieri. Fin dal pomeriggio del 31 è stato attivato un servizio straordinario di controllo del territorio per contenere i disagi e prevenire ogni possibile ulteriore problema. Il Prefetto ha costantemente seguito l’evoluzione della vicenda in contatto con la Questura e il Comando provinciale dei Carabinieri, convocando una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Alla seduta di Comitato, del 2 mattina, oltre ai vertici provinciali delle forze dell’ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato) hanno preso parte i Sindaci di Montalcino e San Quirico d’Orcia, il Comandante della Polizia Stradale d il Comandante della Polizia Provinciale.

“Sono state potenziate le misure con la partecipazione di tutte le componenti – ha dichiarato la Prefettura – compresa la Polizia Municipale di Montalcino, con allertamento delle strutture di soccorso pubblico, il presidio delle stazioni ferroviarie di Siena, Buonconvento e Chiusi, la presenza permanente in Torrenieri la “cintura” del perimetro occupato”.

Gli obiettivi prioritari sono stati la salute degli occupanti, tra cui non mancavano ragazzi minorenni, il controllo delle condizioni dei conducenti dei camper e delle auto in uscita a tutela dell’incolumità pubblica, l’identificazione degli occupanti, la prevenzione di atti vandalici, l’azione di deterrenza per scongiurare sia ulteriori afflussi sia il prosieguo del rave fino all’Epifania.

Al momento non si segnalano, salvo il ricovero per un lieve malore di un ragazzo, situazioni significative di danno a persone o cose. Proseguono le attività delle forze dell’ordine finalizzate all’adozione di provvedimenti sanzionatori, sono oltre 150 i provvedimenti amministrativi e le sanzioni comminate a coloro che hanno partecipato al rave party del settembre scorso in comune di Pienza.

Sulla vicenda il prefetto Renato Saccone ha dichiarato:

“Prevenire un rave party è difficile ma bisognerà provarci sia con l’attività informativa che con un uso corretto e attento del territorio.

Sgomberare mille persone da un’area privata, per la cui occupazione ancora adesso non è stata presentata alcuna denuncia dalla proprietà, è praticamente impossibile e comunque contrario ad ogni buona norma di gestione dell’ordine pubblico. Ringrazio tutti gli operatori della sicurezza che hanno profuso un impegno straordinario e aggiuntivo rispetto al dispositivo predisposto nel controllo del territorio durante le festività.

Sono loro i lavoratori che rappresentano degnamente lo Stato non certamente gli assenteisti che disonorano il patto di servizio alla comunità.

Infine, ho dato la mia disponibilità al Sindaco di Montalcino per promuovere un incontro con la proprietà per la messa in sicurezza e il recupero dell’area occupata”.

Video a cura di Teknival Torrenieri

Nessun commento su La prefettura di Siena sul rave party di Torrenieri

Parte la stagione 2015 della Montepaschi Uisp Atletica Siena

Il 2015 inizia all’insegna delle corse campestri, che caratterizzano il periodo agonistico invernale, per la Montepaschi Uisp Atletica Siena. In attesa delle gare indoor per velocisti e saltatori, e delle…

Il 2015 inizia all’insegna delle corse campestri, che caratterizzano il periodo agonistico invernale, per la Montepaschi Uisp Atletica Siena.

In attesa delle gare indoor per velocisti e saltatori, e delle prove di lanci lunghi, i primi a scendere in gara saranno i mezzofondisti impegnati il giorno dell’Epifania a Policiano (Arezzo) nella seconda prova del Gran Prix toscano di cross.

Ai nastri di partenza Lorenzo Martinelli (ventesimo assoluto nella prova inaugurale corsa a Castello -Firenze – prima di Natale) e Duccio Pecciarelli (neo allievo, decimo tra i cadetti nel cross di Castello), mentre risulta ancora in forse lo junior Jacopo Gragnoli (cinquantatreesimo a Castello).

Dopo le celebrazioni per il titolo europeo juniores con la nazionale, e un periodo di stage collegiale presso il centro federale di Formia, è atteso al debutto da juniores Yohanes Chiappinelli, che però farà il proprio esordio nella categoria ancora in maglia azzurra visto che il 10 gennaio correrà con gli altri ragazzi campioni continentali (Crippa, Ettqy, Giacobazzi,) il prestigioso cross di Edimburgo.

A Policiano ci sarà invece il debutto con i colori del club senese dell’umbro Marco Proietti Vagaggini. Classe 1996, junior, studente all’Università di Siena, Proietti Vagaggini è uno specialista delle siepi, dove vanta un personale di 9’51″62 (9’27″67 nella distanza piana). Oltre al mero aspetto agonistico, appare importante notare come a Siena si stia formando (se così si può dire) un vero e proprio “polo” del mezzofondo.

La presenza infatti del giovane e sempre più preparato tecnico Maurizio Cito, sta attirando tanti atleti (anche di altre società) che richiedono i suoi programmi o si trasferiscono direttamente sulla pista del campo scuola “Renzo Corsi” per farsi allenare con attenzione.

E’ questo il caso del quindicenne aretino Niccolò Ghinassi, quarto in ottobre nei 1200 siepi ai Campionati italiani cadetti; degli studenti universitari Luca Placanico, junior lucano da 3’50″ nei 1500, e Simone Infante, junior pugliese da 1’55” negli 800m e 3’55″ nei 1500m; del piemontese Umberto Contran, campione italiano juniores dei 3000 siepi.

Nessun commento su Parte la stagione 2015 della Montepaschi Uisp Atletica Siena

Type on the field below and hit Enter/Return to search