La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: tribunale di Siena

Chiusi, arrestato 40enne per furto aggravato

I carabinieri di Chiusi Scalo hanno arrestato in flagranza di reato un qurantenne, S.I. le sue iniziali, celibe e residente in Valdichiana Senese, per furto aggravato, violenza, resistenza, minaccia e…

I carabinieri di Chiusi Scalo hanno arrestato in flagranza di reato un qurantenne, S.I. le sue iniziali, celibe e residente in Valdichiana Senese, per furto aggravato, violenza, resistenza, minaccia e oltraggio a Pubblico Ufficiale.

L’arresto è avvenuto nel pomeriggio  di giovedì 4 dicembre. Durante servizio di perlustrazione, i militari hanno notato il veicolo, condotto dal 40enne, rubato la notte precedente a Chianciano Terme. Immediatamente i carabinieri hanno fermato l’autovettura e hanno proceduto al controllo del soggetto. Quest’ultimo, fermato il veicolo, nel tentativo di eludere il controllo e darsi alla fuga, ha strattonato uno dei carabinieri, procurandogli delle escoriazioni. Il tempestivo inseguimento ha permesso di bloccare il malvivente.

S.I. è stato portato presso la caserma di Chiusi Scalo per tutti gli accertamenti del caso. L’uomo è stato giudicato per direttissima dal tribunale di Siena.

Nessun commento su Chiusi, arrestato 40enne per furto aggravato

Caso Sanchini: le indagini che hanno portato all’arresto

E’ stato arrestato dalla Polizia il Presidente dell’ATC 19 Alfio Sanchini, 66enne di Montepulciano, provincia di Siena. Negli ultimi mesi dell’anno scorso è stata avviata una complessa attività d’indagine nei…

E’ stato arrestato dalla Polizia il Presidente dell’ATC 19 Alfio Sanchini, 66enne di Montepulciano, provincia di Siena.

Negli ultimi mesi dell’anno scorso è stata avviata una complessa attività d’indagine nei confronti di Ambito Territoriale Caccia 19, un organismo di diritto pubblico di promanazione dell’Amministrazione Provinciale di Siena attuativo delle attività faunistico-venatorie, con competenze anche nella gestione di gare d’appalto/licitazioni private. Dagli accertamenti investigativi della Polizia è emersa, sin da subito, la responsabilità del presidente Sanchini per turbata libertà degli incanti con mezzi fraudolenti, in relazione alla quale, nel mese di gennaio 2014, è stata effettuata una serie di perquisizioni nella sua abitazione, nella sede dell’ente e negli uffici del commercialista, conclusasi con la denuncia dello stesso Sanchini.

Il copioso materiale, sia cartaceo che elettronico, sottoposto a sequestro in seguito alle perquisizioni dei poliziotti della Sezione Investigativa del Commissariato P.S. di Chiusi – Chianciano Terme, è stato vagliato attentamente nei mesi successivi, insieme alla Guardia di Finanza di Montepulciano e alla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Siena, con il coordinamento del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Siena Aldo Natalini, titolare delle indagini.

In particolare, sono state esaminate le gare d’appalto indette dall’ATC negli ultimi tre anni, per un totale di circa € 500.000,00/600.000,00 e sono state raccolte dalla Polizia e dalla Guardia di Finanza le testimonianze di più di 40 soggetti, con vari incarichi, sia all’interno dell’ente che gravitanti intorno alla figura del Presidente Sanchini. Gli accertamenti hanno portato gli uomini dell’Investigativa anche in Regioni limitrofe, come l’Umbria o addirittura in Emilia Romagna e Puglia, per addivenire a prove certe nella turbativa delle aste, perlopiù assegnate negli uffici di ATC 19 dal suo presidente, che faceva in modo di trovare o far trovare “sulla carta” almeno altri due soggetti compiacenti da far comparire come partecipanti alla gara, che si sarebbe comunque svolta al solo fine di farla apparire veritiera. Dalle indagini è, infatti, emerso che alcuni soggetti invitati non avevano nessun titolo per partecipare alle gare che, quindi, venivano puntualmente vinte da soggetti vicini al presidente.

Il Sanchini è stato arrestato, oltre che per turbativa d’asta, anche per il reato di peculato, dato che avendo la disponibilità delle somme dell’ente, depositate in conto corrente bancario, ne ha distratte una parte per finalità estranee alla pubblica funzione rivestita, utilizzandole per interessi propri. Le indagini hanno quindi evidenziato, ad oggi, la sua responsabilità per turbativa d’asta, peculato, abuso d’ufficio e falsità ideologica, in concorso con altri soggetti, quattro dei quali denunciati per sei gare d’appalto.

Ieri, lunedì 9 giugno, nei confronti di Alfio Sanchini, è stato eseguita la misura cautelare degli arresti domiciliari disposta dal Gip di Siena Ilaria Cornetti su richiesta Sostituto Procuratore della Repubblica Aldo Natalini che coordina le indagini tuttora in corso, e che vedono impegnati gli investigatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Chiusi – Chianciano Terme e quelli della Tenenza della Guardia di Finanza di Montepulciano per le attività di competenza specifica.

Nessun commento su Caso Sanchini: le indagini che hanno portato all’arresto

Sinalunga: rapina in tabaccheria, arrestato l’autore

Nel pomeriggio di ieri 14 maggio 2014, i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Montepulciano, unitamente ai colleghi della Stazione di Sinalunga hanno tratto in arresto, in flagranza di reato…

Nel pomeriggio di ieri 14 maggio 2014, i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Montepulciano, unitamente ai colleghi della Stazione di Sinalunga hanno tratto in arresto, in flagranza di reato per rapina e lesioni personali P.H.G., trentatreenne brasiliano residente a Sinalunga, pluripregiudicato.

Erano circa le 16 e 30, quando in una tabaccheria di via Trieste di Sinalunga è entrato un individuo travisato in volto e privo di armi, che ha intimato alla proprietaria di aprire il cassetto e farsi dare l’incasso. La donna, che in un primo momento non si è fatta intimorire dalla minaccia, ha desistito dal consegnare l’incasso dalla giornata, ma il malfattore si è subito scagliato contro la titolare e un’altra donna, che si trovava all’interno della tabaccheria, asportando circa 500 euro dalla cassa. Le urla delle donne e il frastuono creatosi nella tabaccheria per fermare il rapinatore, hanno fatto accorrere alcuni passanti ed i titolari di altri negozi adiacenti a quello rapinato, i quali sono riusciti a rinchiudere il malvivente all’interno del locale oggetto del reato.

Nello stesso momento uno dei passanti ha contattato il 112 e prontamente i militari del Radiomobile, che erano di servizio perlustrativo in Sinalunga, sono giunti sul luogo, a cui si sono uniti, in brevissimo tempo, anche i colleghi di Sinalunga. I militari, quindi hanno immobilizzato e tratto in arresto il rapinatore. Le donne, a seguito della colluttazione, hanno riportato lievi lesioni e sono state soccorse da personale del 118 per poi essere trasportate presso l’Ospedale di Nottola ove sono state dimesse con prognosi di gg. 10.

Il malvivente, condotto presso la locale caserma per le incombenze di rito, sarà giudicato con rito direttissimo innanzi il Tribunale di Siena. L’arresto del rapinatore è stato operato anche grazie all’azione delle due donne all’interno della tabaccheria che, con sangue freddo, sono riuscite a non farlo scappare.

Commenti disabilitati su Sinalunga: rapina in tabaccheria, arrestato l’autore

Type on the field below and hit Enter/Return to search