La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Tag: cantieri

A Foiano della Chiana torna il carnevale più antico d’Italia

Dal 1 febbraio al 1 marzo 2015 torna la 476 esima edizione del più antico carnevale d’Italia, quello di Foiano della Chiana. Tante le novità in programma per intrattenere e…

Dal 1 febbraio al 1 marzo 2015 torna la 476 esima edizione del più antico carnevale d’Italia, quello di Foiano della Chiana. Tante le novità in programma per intrattenere e far passare qualche ora in allegria a bambini e adulti

I quattro cantieri, dove i mastri cartapestai stanno dando vita ai mastodontici carri allegorici protagonisti dell’edizione 2015 del Carnevale di Foiano della Chiana, sono già in fermento.

Cinque domeniche di festa, dal 1 al 22 febbraio e l’1 marzo, durante le quali le vie del paese saranno teatro dei festeggiamenti in onore di Re Giocondo, il patrono della manifestazione, e in attesa del verdetto finale per decretare il vincitore tra i quattro cantieri in gara con vere e proprie opere di cartapesta.

Quattro i carri allegorici in gara rispettivamente realizzati dai quattro “cantieri” che dalla prima domenica daranno vita a veri e propri spettacoli che avranno come palcoscenico le piccole vie del centro storico di Foiano. Azzurri, Bombolo, Nottambuli e Rustici: questi i nomi delle quattro fazioni che da secoli ormai si sfidano ogni anno a colpi di coriandoli e cartapesta realizzando imponenti opere artistiche apprezzate in tutto il mondo. Attesa, da parte del pubblico, per scoprire quali saranno i colori e i soggetti rappresentati in forma allegorica da veri e propri maestri della cartapesta e della meccanica.

Molte le novità per questa nuova edizione, proposte dal giovane Comitato dei festeggiamenti. La prima è sul costo del biglietto: gli adulti che accompagneranno i bambini al carnevale pagheranno il biglietto a metà. Tante anche le attività collaterali che animeranno le vie del borgo, il 15 febbraio è atteso un grande raduno di Cosplay da tutta Italia con photo contest, dj set, area tematica. Per i più piccoli invece la grande parata con i personaggi della Disney (saranno circa 60 maschere), inoltre animazioni, gonfiabili, piccoli carri e treni del carnevale. Il 22 febbraio partirà la seconda edizione della CorRe Giocondo in collaborazione con la Podistica Avis: una corsa competitiva e non in maschera con premi per la migliore maschera e il miglior gruppo mascherato. La Galleria Furio del Furia (sede espositiva) e l’ affascinante Sala della Carbonaia ospiteranno nelle cinque domeniche alcune mostre d’arte varia. Torna per la nona edizione la Biennale di pittura. Il Premio Biennale Nazionale di Pittura, quest’anno incentrato sul tema “L’arte tra suoni, colori e allegria”, si svolgerà, come sempre, in concomitanza con il Carnevale di Foiano. I termini per le iscrizioni e l’invio di opere sono fissati per il 22 gennaio.

Il programma completo della manifestazione e altre informazioni sul sito www.carnevaledifoiano.it

manifesto_carnevale_100x140_015_low

Nessun commento su A Foiano della Chiana torna il carnevale più antico d’Italia

Spari contro un vigilante

Hanno esploso dei colpi di pistola per evitare di essere bloccati da un vigilante che però li ha inseguiti ed è riuscito a fermarne uno poi arrestato dai carabinieri. L’episodio…

Hanno esploso dei colpi di pistola per evitare di essere bloccati da un vigilante che però li ha inseguiti ed è riuscito a fermarne uno poi arrestato dai carabinieri.
L’episodio è accaduto in Valdichiana, a Lucignano (AR).  I malviventi, nella notte tra sabato e domenica, erano impegnati a rovistare nel cantiere di un casolare in ristrutturazione ad opera di un magnate russo quando è arrivata una guardia giurata che li ha colti sul fatto.
I due per guadagnarsi la fuga hanno sparato al vigilante che ha continuato ad inseguirli fino a che non ha fermato uno dei ladri consegnandolo ai carabinieri. In manette è finito un albanese di 47 anni, barista senza precedenti, residente a Foiano della Chiana che, dopo aver dichiarato di essere stato costretto con la forza a partecipare al furto da alcuni suoi connazionali, ha patteggiato in tribunale ad Arezzo un anno e quattro mesi, è tornato in libertà.

Nessun commento su Spari contro un vigilante

Lavori pubblici e di riqualificazione a Giovancorso

“In campagna elettorale avevamo detto che il nostro obiettivo era lasciare, una volta finita la nostra esperienza di amministratori, il Comune più bello e sicuro di come lo avevamo trovato….

“In campagna elettorale avevamo detto che il nostro obiettivo era lasciare, una volta finita la nostra esperienza di amministratori, il Comune più bello e sicuro di come lo avevamo trovato. È proprio inseguendo questa meta che continuiamo nonostante le difficoltà legate all’economia ad intervenire e ad investire in modo convinto in ogni parte del nostro Comune sulla sicurezza stradale e sul decoro urbano. Siamo convinti che elementi di questo genere siano fondamentali per una migliore qualità della vita dei nostri cittadini”.

Interviene così il sindaco di Chiusi, Stefano Scaramelli, per spiegare la filosofia che sta alla base dei vari interventi di lavori pubblici che dall’inizio del mandato, ormai ben oltre il giro di boa, hanno interessato un po’ tutte le frazioni del Comune etrusco. Mentre stanno proseguendo lavori in altre zone del Comune un altro cantiere è stato recentemente avviato tra Giovancorso e Montevenere. Obiettivo ancora una volta riqualificare e mettere in sicurezza tramite: la realizzazione di un marciapiede, di nuova illuminazione e di un nuovo sistema di regimazione delle acque, un’area urbana del Comune molto importante sia per l’intenso traffico veicolare che ogni giorno batte la strada tra Chiusi e Montallese in direzione Chianciano e sia per la particolare bellezza paesaggistica donata alla zona grazie agli scorci che si aprono sulla campagna sottostante.

“Quest’intervento – dichiara il sindaco Stefano Scaramelli – mette in sicurezza una strada molto pericolosa del nostro territorio scenario anche di incidenti mortali nel passato perché ampiamente battuta dal traffico in quanto primario collegamento verso l’ospedale di Nottola. Nel corso degli anni la Provincia aveva promesso una variante alla 326 ed un intervento al bivio della croce, in grado di mitigare il traffico della zona e garantire sicurezza, interventi che purtroppo puntualmente non si sono visti. Per tutto questo sono soddisfatto dell’inizio dei lavori perché ancora una volta dimostra la nostra attenzione verso ogni zona del nostro Comune e dimostra che per noi una promessa è veramente debito. Ancora una volta siamo intervenuti con risorse proprie del bilancio comunale che, nonostante il periodo, regge e si dimostra solido grazie alle scelte che fin’ora siamo stati in grado di prendere con convinzione, assumendoci le nostre responsabilità  e che hanno portato fondi freschi nelle casse comunali permettendoci non solo di avviare i cantieri, ma anche e soprattutto di rispettare i pagamenti con le imprese, aspetto questo fondamentale nel nostro modo di amministrare una città”.

Gli operai sono quindi al lavoro anche a Giovancorso, il marciapiede ed i relativi servizi di illuminazione e fognatura sono già in stato avanzato di realizzazione ed entro qualche settimana il cantiere sarà chiuso ed il Comune potrà dire di essere un passo più avanti nell’obiettivo di rendere più sicuro, più vivibile e più bello il territorio di Chiusi per i propri cittadini.

3 commenti su Lavori pubblici e di riqualificazione a Giovancorso

Chiusi, lavori di riqualificazione a Macciano

Proseguono gli interventi di sicurezza stradale e riqualificazione urbana delle frazioni del territorio comunale di Chiusi, parte dei quali espressamente richiesti al sindaco durante gli incontri fra amministrazione e cittadinanza…

Proseguono gli interventi di sicurezza stradale e riqualificazione urbana delle frazioni del territorio comunale di Chiusi, parte dei quali espressamente richiesti al sindaco durante gli incontri fra amministrazione e cittadinanza “Decidi insieme a Noi“.

Sono iniziate, fa sapere l’amministrazione, una serie di piccole ma significative opere di manutenzione nella frazione di Macciano: le vie interessate sono Pignattaia bassa, Pignattaia alta, via Casa Olivo, via Casa al Pino e Tegoleto. Per quanto riguarda Pignattaia alta, i lavori riguardano il rifacimento dell’asfalto e dell’illuminazione pubblica.

Sono considerati particolarmente importanti dall’amministrazione chiusina, spiega la stessa, per vari motivi:

«in primo luogo per il tempo visto che gli interventi sono attesi almeno da una ventina d’anni e poi per la formula utilizzata che vede di fatto una vera e propria sinergia tra il pubblico e i privati cittadini nella copertura economica complessiva dei lavori. Il Comune, quindi, con una spesa di circa 12.500 euro, si occuperà di tutto ciò che riguarda l’illuminazione pubblica, compresi i basamenti dove collocare i lampioni, mentre la parte dei cittadini comprende i lavori di asfaltatura e regimazione delle acque meteoriche».

A Pignattaia Bassa invece, come richiesto durante il ciclo di incontri “Decidi insieme a Noi” dove sindaco e giunta hanno incontrato i cittadini per condividere strategie e filosofia del bilancio di previsione 2013 recentemente approvato, gli interventi prevedono la messa in sicurezza della strada, tramite la riasfaltatura di alcune parti della carreggiata, sia all’imbocco della strada, che più a valle, nei pressi di una curva resa pericolosa dal passare del tempo; saranno effettuati lavori anche per la regimazione delle acque meteoriche.

Infine, nelle vie Casa Olivo, Casa al Pino e Tegoleto i lavori di manutenzione riguarderanno il rifacimento dell’asfalto in alcuni tratti di strada e in particolare vicino ai cassonetti dei rifiuti dove ad esempio il passaggio dei camion di Sienambiente ha nel tempo fatto cedere il manto stradale.

«Nel corso di questa prima parte del nostro mandato – dichiara il primo cittadino Stefano Scaramelli – siamo intervenuti spesso per migliorare la sicurezza delle nostre strade perché siamo convinti che sia una priorità da inseguire per la salvaguardia dei nostri cittadini. Questi interventi possono sembrare piccoli, ma sono in realtà molto importanti in quanto vanno incontro a precise richieste da parte dei cittadini che non potevano essere ignorate nonostante le difficoltà del periodo».

In pochi giorni, assicura il vicesindaco del Comune di Chiusi, Gianluca Sonnini:

«riusciremo a dare risposte importanti al nucleo abitativo della nostra frazione di Macciano che troppo spesso negli anni è stata penalizzata a causa della distanza dal capoluogo del Comune. Con i cittadini, durante gli incontri dei mesi passati, ci eravamo presi precisi impegni e sono soddisfatto delle risposte che stiamo dando. Per quanto riguarda Pignattaia alta, inoltre, importante è stato il contributo di Sabatino Fabietti persona di grande umanità ed esperienza che si è messo a completa disposizione nel raccordare l’impegno dei privati con quello dell’amministrazione».

Il costo complessivo degli interventi per migliorare le strade di Macciano è di circa cinquantamila euro; i lavori, annuncia l’amministrazione, dovrebbero terminare al massimo entro agosto.

Nessun commento su Chiusi, lavori di riqualificazione a Macciano

Type on the field below and hit Enter/Return to search