La Valdichiana

La Valdichiana

Storie dal Territorio della Valdichiana

Categoria: Cronaca

Rapina al Centro Commerciale “I Gelsi” di Sinalunga

Ancora una rapina ai danni del Centro Commerciale I Gelsi di Sinalunga. La scorsa notte, quella del 6 dicembre, una banda di ladri ha sfondato con un suv bianco le…

Ancora una rapina ai danni del Centro Commerciale I Gelsi di Sinalunga. La scorsa notte, quella del 6 dicembre, una banda di ladri ha sfondato con un suv bianco le doppie porte del centro portando via il Bancomat posto all’interno.

I banditi sono entrati in azione intorno alle due e in pochi minuti sono riusciti ad entrare e a portare via la cassaforte. Al momento del colpo, la guardia giurata di turno ha fatto esplodere un colpo di pistola di avvertimento ma i malviventi non hanno fatto altro che darsi alla fuga. Per il momento i carabinieri di Sinalunga stanno indagando per capire, oltre alla dinamica del furto, a quanto ammonta la somma di denaro sottratto.

Per il centro commerciale questo è il secondo colpo in poco più di un anno. Nel primo caso il bancomat era stato fatto esplodere, probabilmente con del gas. L’esplosione, particolarmente violenta, aveva provocato danni ingenti anche ad un negozio di abbigliamento per bambini dietro al bancomat. Il bottino di allora fu di circa 30 mila euro.

Foto: La Valdichiana.it

Nessun commento su Rapina al Centro Commerciale “I Gelsi” di Sinalunga

Chiusi, arrestato 40enne per furto aggravato

I carabinieri di Chiusi Scalo hanno arrestato in flagranza di reato un qurantenne, S.I. le sue iniziali, celibe e residente in Valdichiana Senese, per furto aggravato, violenza, resistenza, minaccia e…

I carabinieri di Chiusi Scalo hanno arrestato in flagranza di reato un qurantenne, S.I. le sue iniziali, celibe e residente in Valdichiana Senese, per furto aggravato, violenza, resistenza, minaccia e oltraggio a Pubblico Ufficiale.

L’arresto è avvenuto nel pomeriggio  di giovedì 4 dicembre. Durante servizio di perlustrazione, i militari hanno notato il veicolo, condotto dal 40enne, rubato la notte precedente a Chianciano Terme. Immediatamente i carabinieri hanno fermato l’autovettura e hanno proceduto al controllo del soggetto. Quest’ultimo, fermato il veicolo, nel tentativo di eludere il controllo e darsi alla fuga, ha strattonato uno dei carabinieri, procurandogli delle escoriazioni. Il tempestivo inseguimento ha permesso di bloccare il malvivente.

S.I. è stato portato presso la caserma di Chiusi Scalo per tutti gli accertamenti del caso. L’uomo è stato giudicato per direttissima dal tribunale di Siena.

Nessun commento su Chiusi, arrestato 40enne per furto aggravato

Trovata a Milano la 62enne di Chianciano

Carla Pacini, la signora 62enne scomparsa da Chianciano Terme il 27 novembre scorso, è stata rintracciata a Milano. Sarebbe stata lei stessa a chiamare il marito dopo aver visto la…

pacini_carlaCarla Pacini, la signora 62enne scomparsa da Chianciano Terme il 27 novembre scorso, è stata rintracciata a Milano.

Sarebbe stata lei stessa a chiamare il marito dopo aver visto la trasmissione Chi l’ha visto? in cui lui le lanciava un appello con parole colme di emozione ma anche di grande sconforto. Carla, nella telefonata al marito, avrebbe detto di stare bene e che tornerà tra qualche giorno.

L’automobile della donna è stata rintracciata alla stazione di Fabro, molto probabilmente da qui è partita per raggiungere Milano.

La notizia del rintracciamento ci è giunta da alcune segnalazioni arrivate alla nostra redazione ed i parenti stessi hanno provveduto a diramare il fatto. Per fortuna questo caso si è risolto in maniera positiva.

Nessun commento su Trovata a Milano la 62enne di Chianciano

Scompare 62enne di Chianciano

Ancora un’altra persona scomparsa a Chianciano, questa volta si tratta della signora Carla Pacini di 62 anni. La Signora Pacini si è allontanata da casa giovedì 27 novembre e non…

pacini_carlaAncora un’altra persona scomparsa a Chianciano, questa volta si tratta della signora Carla Pacini di 62 anni.

La Signora Pacini si è allontanata da casa giovedì 27 novembre e non vi ha più fatto più ritorno, di lei si sono perse le tracce e non si ha più nessuna notizia.

La donna è alta circa 1 metro e 60, corporatura robusta, capelli biondi lunghi fino al collo, occhi azzurri e occhiali da vista. Il giorno che è scomparsa indossava una gonna lunga nera, una maglia scura e un cappotto color bronzo. Si è allontanata con la sua auto, una Daihatsu Materia grigio metallizzato, targa DX 613 WG.

Le ricerche sono scattate in tutta la zona e negli ultimi luoghi dove la donna era solita frequentare. Il marito ha lanciato un appello tramite la trasmissione Chi l’ha Visto? e chiunque abbia notizie o segnalazioni da fare può contattare i carabinieri di Chianciano Terme, chiamando il 112.

Tra le altre ipotesi della scomparsa non è da escludersi l’allontanamento volontario e stando a quanto affermato dal marito, potrebbe essere dovuto ai problemi economici che stanno attraversando i coniugi in questo momento.

Foto: Carolina Sardelli Chi l’ha Visto?

Nessun commento su Scompare 62enne di Chianciano

Chiusi inaugura una piazza ad Antonio Vaccaro, Tenente dei Carabinieri

È stata una cerimonia al tempo stesso semplice e solenne quella che, sabato mattina a Chiusi, è stata organizzata per intitolare una piccola piazza della cittadina in onore di Antonio Vaccaro,…

È stata una cerimonia al tempo stesso semplice e solenne quella che, sabato mattina a Chiusi, è stata organizzata per intitolare una piccola piazza della cittadina in onore di Antonio Vaccaro, Tenente dei Carabinieri che alla fine della seconda guerra mondiale evitò, garantendo con la propria vita, l’arresto di 40 cittadini di Chiusi da parte delle truppe naziste.

Di fronte alla caserma dei Carabinieri, in quello che da adesso in poi sarà chiamato Largo Vaccaro, a conferma dell’importanza di questo avvenimento, si sono riuniti cittadini, associazioni, forze politiche, civili, istituzionali, il prefetto di Siena Renato Saccone e il Vice Questore Valter Allegria, nonchè una grande rappresentanza di forze militari tra cui Polizia ferroviaria, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale, Finanza, Corpo Forestale dello Stato e ovviamente i Carabinieri in alta uniforme.

Dopo un discorso introduttivo ed appassionato del sindaco Stefano Scaramelli, che oltre a ringraziare i presenti ha fatto riferimento all’importanza che la memoria di figure come il tenente Vaccaro deve rivestire nella mente di tutti i cittadini e in particolare delle giovani generazioni per non permettere in futuro gli errori del passato, la targa è stata scoperta sulle note della Young Band di Chiusi e del suo maestro Roberto Fabietti.

“Il Tenente Antionio Vaccaro – dichiara il primo cittadino di Chiusi Stefano Scaramelli – è quello che si potrebbe definire un vero e proprio eroe e la nostra città è orgogliosa di avergli dedicato una piazzetta di fronte alla sua Caserma dell’Arma dei Carabinieri che tanto ha rappresentato valori importanti da difendere. Sono soddisfatto anche del fatto che la città e le forze armate abbiano risposto con tanto entusiasmo a questa iniziativa perché significa che le gesta di un uomo coraggioso non sono andate perdute ma anzi continuano a riecheggiare con tutta la loro forza anche ai giorni nostri. Grazie a figure come quella del Tenente Vaccaro, l’Italia e la nostra città oggi possono vivere in pace e in libertà e questo non lo dobbiamo mai dimenticare. Il passato ci insegnerà sempre grandi lezioni e solo non dimenticando mai la sofferenza di uomini e donne potremo garantire ai nostri figli un domani migliore.”

Con la cerimonia di intitolazione della piazza, oggi Largo Vaccaro, il Comune di Chiusi ha celebrato il 70° anniversario della resistenza della guerra di liberazione e i 200 anni dalla fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

Comunicato stampa del Comune di Chiusi del 1 dicembre 2014.
Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione.

Nessun commento su Chiusi inaugura una piazza ad Antonio Vaccaro, Tenente dei Carabinieri

Montepulciano e Pienza presentano i nuovi itinerari di natura e benessere

Sentieri del Nobile e della Via Barlettaia, direttrici inedite tra la “bonifica” della Valdichiana e la Francigena. Una nuova modalità di turismo, abbinando viaggio, scoperta, natura e benessere Nella “due…

Sentieri del Nobile e della Via Barlettaia, direttrici inedite tra la “bonifica” della Valdichiana e la Francigena. Una nuova modalità di turismo, abbinando viaggio, scoperta, natura e benessere

Nella “due giorni” che i Comuni di Montepulciano e Pienza hanno dedicato al Sentiero del Nobile ed al Sentiero della Via Barlettaia c’è stato spazio sia per le riflessioni e per gli incontri con tutti i soggetti interessati al progetto, dall’associazionismo agli imprenditori turistici, sia per il collaudo dell’intero itinerario.

Sabato 29, nel Palazzo Comunale di Pienza, i Sindaci Fabrizio Fè ed Andrea Rossi hanno presentato il progetto, dedicando particolare attenzione a questa nuova proposta di turismo eco-sostenibile, che abbina viaggio, scoperta, natura e benessere, e sottolineando l’importanza della stretta e cordiale collaborazione tra i due Comuni.

Domenica 30, a Montepulciano, al Tempio di San Biagio, significativamente dedicato alla Madonna del Buonviaggio, dalle parole si è passati ai fatti. Provenienti infatti sia da Pienza che dal Lago di Montepulciano, si sono ritrovati gruppi di ciclisti, cavalieri e podisti per un incontro che ha sancito l’avvio dell’attività dei due sentieri.

Come aveva promesso, il Sindaco di Pienza, confermando la sua passione per lo sport praticato, è giunto a Montepulciano in bicicletta accompagnato anche da Assessori e Consiglieri che hanno utilizzato il mezzo a due ruote o, addirittura, hanno scelto l’opzione podistica.

inauguraz bike_2A ricevere Fè in versione biker il collega di Montepulciano Rossi con numerosi componenti della Giunta e rappresentanti del Consiglio Comunale. Hanno aderito all’inaugurazione anche il Corpo Forestale dello Stato, i Vigili del Fuoco, la Fondazione Sport-Natura-Ambiente ed i rappresentanti degli Uffici Tecnici che, lavorando a ritmo serrato, hanno portato a compimento il progetto.

Particolarmente folto il “gruppone” dei ciclisti che ha raccolto gli specialisti della Cerro Bike, l’associazione che ha materialmente realizzato il troncone di Montepulciano dell’itinerario, e di altre realtà provenienti anche dall’Umbria. Come sempre spettacolare l’arrivo dei drappelli di cavalieri in cui non è passata inosservata la presenza di giovanissime amazzoni.

Per tutti c’è stata la possibilità di partecipare al brindisi offerto dal Consorzio del Vino Nobile prima di prendere la via del ritorno.

Il Sentiero del Nobile e il Sentiero della Via Barlettaia formano un tracciato ciclo-pedonale di circa 40 km complessivi, liberamente percorribile in ogni stagione, anche a cavallo, che realizza l’auspicato collegamento tra due fondamentali direttrici, il Sentiero Arno – Bonifica ad est e la Via Francigena ad ovest.

Il Sentiero del Nobile, che prende il nome dal pregiato vino rosso a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) che può provenire solo da Montepulciano, ha uno sviluppo complessivo di 18,3 km, si snoda soprattutto sui fianchi delle colline che ospitano i vigneti ma costeggia anche oliveti e le altre coltivazioni agricole. Parte dal Santuario di Sant’Agnese, tocca il Tempio di San Biagio (punto di collegamento tra i due tronchi, in comune anche con il Sentiero degli Etruschi), poi scende attraverso la Madonna della Querce ed il bosco della Madonna del Cerro per giungere al Lago di Montepulciano dove, all’altezza del Centro Visite “La Casetta”, si innesta con il Sentiero Arno – Bonifica. Il percorso è stato progettato con la collaborazione dei volontari della locale Associazione Cerro Bike.

inauguraz horse_1Il Sentiero della Via Barlettaia ha uno sviluppo di 20 km e riprende la denominazione di una direttrice che già nel XIV secolo univa il Monte Amiata con Montepulciano e la Valdichiana, incrociando in Val d’Orcia la Via Francigena. Il nome “barletta” indica un piccolo contenitore in legno prodotto dagli artigiani amiatini che veniva usato dai viaggiatori per l’indispensabile scorta di acqua. Dal Podere Le Costarelle alla Grancia di Spedaletto attraversa i fantastici scenari della Val d’Orcia, transita tra Monticchiello e Pienza, toccando luoghi di intensa bellezza paesaggistica come la Buca del Beato, romitorio rupestre, o altri antichi casali.

I due itinerari, redatti in base alla disciplina della Rete Escursionistica Toscana (RET) in cui saranno presto censiti, possono essere liberamente percorsi in ogni stagione.

1 commento su Montepulciano e Pienza presentano i nuovi itinerari di natura e benessere

Siena: tentano di raggirare un’anziana, ma lei li denuncia

Non è caduta nella trappola e ha chiamato la Polizia l’anziana donna che è stata avvicinata ieri mattina a Siena, fuori Porta Ovile, da una coppia di italiani che ha…

Non è caduta nella trappola e ha chiamato la Polizia l’anziana donna che è stata avvicinata ieri mattina a Siena, fuori Porta Ovile, da una coppia di italiani che ha tentato di raggirarla con la chiara intenzione di entrare nel suo appartamento per poi spillarle del denaro.

Tre persone, due uomini e una donna di 49, 28 e 46 anni, sono state fermate dalle pattuglie della Polizia di Stato che le hanno rintracciate a seguito di un’operazione coordinata dalla Sala operativa della Questura di Siena.

La tecnica messa in atto dai truffatori è una delle più frequenti tra quelle escogitate nella nostra provincia: in coppia fingendosi marito e moglie hanno avvicinato la donna, un’arzilla signora di 84 anni, e con la scusa di essere interessati ad acquistare un appartamento nello stesso stabile dove lei abita, le hanno chiesto se viveva da sola e, avendone avuta conferma, hanno cercato di convincerla a mostrare loro la propria abitazione, dato che poteva essere simile a quella da acquistare, simulando anche lo stato di gravidanza di lei in modo da carpirne più facilmente la fiducia.

L’anziana però, seppure turbata dal comportamento insistente e insolito dei due, non si è fatta abbindolare ed è entrata nel supermercato lì vicino, dove ha fatto la spesa, per poi rincasare. Subito dopo, anche per lo stato di agitazione che le aveva provocato quello strano incontro, ha voluto vederci chiaro e ha chiesto telefonicamente aiuto alla figlia che a sua volta ha chiamato la Polizia.

In pochi minuti la Sala operativa della Questura ha diramato la nota di rintraccio di due persone alle pattuglie presenti sul territorio: un uomo sulla quarantina, robusto, altezza media capelli corti castani, e una donna, più o meno della stessa età, robusta, capelli lunghi scuri. Gli uomini della Squadra Mobile, che si trovavano poco lontano, hanno notato un’autovettura Renault Clio di colore Blu, con a bordo un giovane, che risultava nell’ambito della loro attività investigativa ancora in corso, mezzo utilizzato probabilmente in altre occasioni per darsi alla fuga dopo aver commesso reati dello stesso genere. Contemporaneamente hanno visto due persone che corrispondevano alle descrizioni date al 113 dalla vittima che si stavano allontanando verso la vicina via Beccafumi. Gli agenti si sono immediatamente posti all’inseguimento dei due che hanno fermato dopo pochi metri.

Coordinandosi con la Centrale hanno dato, allo stesso tempo, la nota relativa all’autovettura che è stata invece rintracciata e fermata in viale Mazzini da un equipaggio della Polizia Postale con l’ausilio della Volante.

Dai successivi accertamenti è emerso che il giovane a bordo della Clio, un 28 enne proveniente dalla provincia di Cuneo, magro, altezza media, con i capelli scuri rasati sulle tempie e il ciuffo sulla fronte, stava proprio attendendo la coppia di truffatori per poi fuggire.

Tutti e tre i malviventi, di etnia sinti e residenti nel cuneese, pregiudicati per reati contro il patrimonio e in particolare per truffa, sono stati riconosciuti dall’anziana donna ma vispa vecchietta. A seguito delle perquisizioni personali e sull’autovettura in loro possesso sono stati rinvenuti oltre 3000 euro in contanti, di probabile provenienza illecita, due borsellini vuoti, un orologio e alcune fascette di plastica che sono stati sequestrati. All’esito degli accertamenti svolti, oltre alla denuncia per tentata truffa della Polizia, il Questore di Siena Maurizio Piccolotti ha emesso nei loro confronti anche la misura di prevenzione dell’allontanamento per tre anni dal territorio della nostra provincia.

La Polizia di Stato invita la cittadinanza e soprattutto le persone anziane che fossero state vittime di furti con raggiro, con modalità analoghe o da parte di soggetti corrispondenti alle descrizioni a recarsi alla Questura di Siena, in via del Castoro, e rivolgersi alla Squadra Mobile per l’ eventuale riconoscimento fotografico degli autori.

Comunicato stampa della Questura di Siena del 24 novembre 2014.
Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione.

Nessun commento su Siena: tentano di raggirare un’anziana, ma lei li denuncia

Tre stranieri e un sorvegliato speciale denunciati dalla Polizia di Stato

C’è voluto l’intervento della Polizia di Stato per calmare gli animi accesi di due stranieri che ieri se le davano di santa ragione nei pressi di un noto centro commerciale della…

C’è voluto l’intervento della Polizia di Stato per calmare gli animi accesi di due stranieri che ieri se le davano di santa ragione nei pressi di un noto centro commerciale della Valdichiana, in provincia di Siena.

A seguito di una richiesta d’intervento giunta al 113, con la quale era stata segnalata una rissa tra extracomunitari, la Volante del Commissariato di pubblica Sicurezza di Chiusi è intervenuta sul posto e, anche grazie alle informazioni raccolte da alcuni testimoni, ha rintracciato, due cittadini provenienti dalla Liberia e dalla Nigeria, rispettivamente di 35 e 28 anni, che poco prima erano stati protagonisti di una lite violenta.

Gli agenti hanno, infatti, accertato che i due avevano discusso per la spartizione delle monete che gli avventori di un supermercato limitrofo lasciavano loro sul carrello in cambio di un aiuto, offerto proprio dagli stranieri, per scaricare la spesa.

Dalle parole sono poi passati ai fatti prendendosi a pugni e schiaffi.

All’arrivo della Polizia la situazione, degenerata al punto da seminare il panico tra i vari clienti del negozio, si stava tranquillizzando, così gli agenti li hanno fermati e hanno contattato i sanitari del 118 che ne hanno trasportato uno al pronto soccorso, mentre l’altro è stato accompagnato in Commissariato per ulteriori accertamenti, al termine dei quali entrambi sono stati denunciati per lesioni.

In seguito all’accesa lite, infatti, uno di loro ha riportato ferite al volto con una prognosi di 10 giorni mentre l’altro è stato giudicato guaribile in 1 giorno. Tutti e due sono stati poi segnalati immediatamente al Questore di Siena per la successiva irrogazione del foglio di via con allontanamento dal territorio della nostra provincia.


Pochi giorni prima, sempre la pattuglia del Commissariato di Chiusi è invece intervenuta all’interno di un locale pubblico ove uno straniero, marocchino di 33 anni, stava infastidendo i clienti. Alla vista degli agenti, in evidente stato di ebbrezza alcolica, ha cercato di opporsi al controllo divincolandosi energicamente, costringendoli quindi ad accompagnarlo in Commissariato per poter procedere alla sua identificazione.

Visto il suo stato di alterazione si è reso necessario anche l’intervento del 118 che ne ha riscontrato l’ubriachezza.

L’uomo è stato denunciato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale con l’immediata proposta del foglio di via al Questore di Siena.


E’ stato rintracciato dalla Polizia in seguito ad una segnalazione giunta al 113 di una persona ubriaca, un 52enne originario della provincia di Vercelli che bivaccava nei pressi del noto centro commerciale che si affaccia sulla stazione ferroviaria di Siena.

L’uomo, dall’aspetto trasandato e in pessime condizioni igieniche, è stato trovato dagli agenti delle Volanti della Questura intervenuti sul posto, seduto su una panchina di Piazzale Rosselli, colto da un leggero malore.

I poliziotti hanno fatto quindi intervenire i sanitari del 118 che lo hanno accompagnato al Pronto soccorso dell’Ospedale le Scotte.

Durante le cure la Polizia ha approfondito gli accertamenti nei suoi confronti verificando che l’uomo era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza Speciale per due anni, emessa dal tribunale di Biella.

All’esito dei riscontri e all’atto delle sue dimissioni dall’Ospedale è stato pertanto denunciato per le violazioni inerenti la misura stessa ed invitato a presentarsi all’Autorità del posto, come previsto dalla legge.

Comunicato stampa della Questura di Siena del 19 novembre 2014.
Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione.

Nessun commento su Tre stranieri e un sorvegliato speciale denunciati dalla Polizia di Stato

Olio, senza requisiti di rintracciabilità, sequestrato dalla Forestale

Sequestrato oltre 12.000 litri di olio dichiarato come “extra vergine di oliva – 100 % italiano – campagna 2014 – 2015”, proveniente da un’azienda olearia stabilita nella regione Puglia. Il…

Sequestrato oltre 12.000 litri di olio dichiarato come “extra vergine di oliva – 100 % italiano – campagna 2014 – 2015”, proveniente da un’azienda olearia stabilita nella regione Puglia. Il sequestro si è reso necessario per la mancanza dei prescritti requisiti di rintracciabilità documentale del prodotto oggetto di accertamento. Il sequestro è stato operato dal personale dei Comandi Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Montepulciano e Sarteano, a seguito di un controllo stradale in prossimità del casello autostradale di Bettolle.

Dalle verifiche condotte sono emerse varie e sostanziali irregolarità nella compilazione del documento di accompagnamento della merce, oltre che incongruenze significative tra il tragitto indicato nel documento stesso e quello ricostruito dagli uomini della forestale attraverso la consultazione del cronotachigrafo installato nell’autocarro. Inoltre, l’impresa indicata nel DDT come destinataria dell’olio, una nota azienda olearia stabilita in provincia di Firenze, ha dichiarato di non avere rapporti commerciali con l’impresa pugliese.

Tali circostanze, unitamente al fatto che il trasporto si protraeva da quasi quattro giorni, durante i quali il mezzo ha percorso diverse centinaia di chilometri in varie regioni del centro Italia senza un motivo ben preciso, hanno indotto il personale del Corpo forestale dello Stato ad intraprendere la misura cautelare del sequestro.

Al fine di verificare l’origine e qualità dell’olio dichiarato come “extra vergine di oliva”, inoltre, in collaborazione con personale tecnico dell’Azienda USL 7 di Siena – Dipartimento della Prevenzione Zona Valdichiana, è stato effettuato un prelievo di campioni all’interno della cisterna di trasporto, operazione finalizzata alla successiva analisi chimico-fisica del prodotto comprensiva del contenuto di alchil esteri, sostanze rivelatrici dell’origine geografica e della buona qualità dell’olio italiano.

Il carico di olio è stato, quindi, travasato all’interno di due contenitori messi a disposizione da un oleificio di Motepulciano, azienda completamente estranea alla vicenda, per poi essere sottoposto a sequestro, unitamente alla documentazione di accompagnamento ed ai fogli di registrazione del cronotachigrafo.

Nel corso della corrente campagna olearia il Corpo Forestale dello Stato ha attivato in tutta la regione una specifica campagna di controlli finalizzati a verificare la movimentazione dei prodotti olivicoli (olive ed olio), al fine di prevenire, ed eventualmente reprimere, frodi a danno dei consumatori e della regolarità del mercato.

Come è noto, infatti, il marcato calo di produzione degli oliveti toscani, stimato intorno al 50 – 70 % rispetto allo scorso anno, con punte addirittura del 90 % in alcune zone, dovuto soprattutto alle condizioni meteorologiche particolarmente favorevoli alla diffusione della mosca olearia, potrebbe incentivare traffici, talvolta illegali, di prodotti olivicoli provenienti da fuori regione, anche di origine comunitaria ed extra comunitaria, a danno delle produzioni nazionali, ed in particole di quelle toscane di eccellenza.

Nessun commento su Olio, senza requisiti di rintracciabilità, sequestrato dalla Forestale

Chiusi: serie di incontri sulla sicurezza

Progetto #chiusisicura: è questo il titolo della serie di incontri/conferenze organizzate dall’associazione A.I.S.I.S.SU e dal Comune della Città di Chiusi. Il ciclo di incontri partirà domani (mercoledì 19 novembre) alle…

Progetto #chiusisicura: è questo il titolo della serie di incontri/conferenze organizzate dall’associazione A.I.S.I.S.SU e dal Comune della Città di Chiusi.

Il ciclo di incontri partirà domani (mercoledì 19 novembre) alle ore 16.00 dall’Auser di Chiusi Stazione. Al primo appuntamento interverranno i rappresentanti dell’associazione A.I.S.I.S.U., ossia Alessandra Venturini (criminologa e sociologa) e Vincenzo Naselli (presidente dell’associazione); inoltre ci saranno il vice Questore aggiunto della Polizia di Stato Commissariato di Chiusi dott. Walter Allgeria, il Comandante della Polizia Municipale di Chiusi dott. Giannini e il sindaco della Città di Chiusi dott. Stefano Scaramelli.

«Il ciclo di incontri organizzato dall’associazione A.S.I.S.U. – dichiara il sindaco – rappresenta una serie di occasioni importanti per far conoscere a tutti il tema della sicurezza e le precauzioni da prendere per fare della nostra città una comunità di presidio sociale. La nostra città ha investito molto da questo punto di vista, ad esempio installando una serie di telecamere in punti strategici e con un nuovo impianto di illuminazione nelle parti del territorio che altrimenti sarebbero rimaste al buio. Naturalmente il più grande investimento è quello che porta il coinvolgimento e l’istruzione delle persone e per questo gli incontri dell’associazione A.S.I.S.U. hanno un grande valore. Se Comune, associazioni, forze dell’ordine e cittadini lavoreranno insieme, consapevoli di cosa fare, la nostra città sarà sempre più sinonimo di sicurezza e vivibilità».

«Il messaggio che dovrà passare – dichiarano Vincenzo Naselli e Alessandra Venturini – è quello di tenere gli occhi aperti, di parlare, denunciare e segnalare persone o macchine sospette. La sicurezza urbana ci appartiene ed è il singolo cittadino che può e deve avere gli strumenti per contribuire alla sicurezza collettiva. Durante gli incontri saranno dati piccoli consigli su come prevenire furti, truffe e raggiri. Ai partecipanti sarà anche consegnato un vademecum con numeri utili da chiamare in caso di necessità. Particolarmente importante sarà la parte degli incontri dedicata alle truffe perché spesso a cadere nell’inganno sono le persone anziane che si fidano del malvivente e si lasciano sottrarre oggetti di valore e denaro».

Comunicato stampa di Andrea Biagi del 18 novembre 2014. 

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione.

Nessun commento su Chiusi: serie di incontri sulla sicurezza

Nuova allerta meteo dalle 8 alle 24 di lunedì 17

Nuova allerta meteo valida dalle ore 8 di lunedì 17 novembre fino alla mezzanotte per pioggia e temporali forti. Le province interessate sono quelle di Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara,…

Nuova allerta meteo valida dalle ore 8 di lunedì 17 novembre fino alla mezzanotte per pioggia e temporali forti.
Le province interessate sono quelle di Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato e Siena.

L’allerta meteo con rischio idrogeologico-idraulico riguarda i seguenti bacini: Magra, Versilia, Serchio, Basso Serchio, Sieve, Medio Valdarno, Ombrone Bisenzio, Valdarno Inferiore, Reno Santerno, Foce Arno, Cecina, Cornia, Isole, Elsa, Era, Ombrone grossetano, Greve Pesa, Orcia, Bruna, Albegna, Flora.

In mattinata sono attese precipitazioni diffuse, anche temporalesche, ad iniziare dalle zone di nord-ovest e in progressiva estensione alle zone interne.

Saranno possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti al ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibili allagamenti delle sedi stradali urbane ed extraurbane e nelle aree contigue all’alveo dei corsi d’acqua. Possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Una sorveglianza particolare verrà riservata a torrente Carrione a Carrara in considerazione degli criticità dovute all’evento trascorso e ai lavori di messa in sicurezza in fase di completamento.

20141117_idrogeologico-idraulicoCome solito in questi casi la protezione civile raccomanda, per le zone oggetto dell’allerta, la massima attenzione alla guida durante i fenomeni più intensi, di procedere con cautela e prestare particolare attenzione nell’attraversamento di zone depresse, di sottopassi stradali o attraversamento di corsi d’acqua. Non sostare nelle zone prossime ai corsi d’acqua e nei locali interrati soggetti a possibile allagamento. Attenzione anche lungo la viabilità nelle zone collinari e montane dove potrebbero verificarsi improvvise frane o cadute di massi.

Ulteriori dettagli e consigli sui comportamenti da adottare, si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, accessibile a questo indirizzowww.regione.toscana.it/allertameteo. Per informazioni sulle condizioni locali come sempre si invita a far riferimento al sistema di protezione civile del proprio Comune.

Nessun commento su Nuova allerta meteo dalle 8 alle 24 di lunedì 17

A Sinalunga nasce il superstore Coop Centro Italia

Il negozio completamente ristrutturato ed ampliato è contraddistinto dall’insegna Coop CI. Partenza per Coop.CI il nuovissimo format “superstore” di Coop Centro Italia. Dopo mesi di lavori di ristrutturazione, il punto…

Il negozio completamente ristrutturato ed ampliato è contraddistinto dall’insegna Coop CI.

Partenza per Coop.CI il nuovissimo format “superstore” di Coop Centro Italia. Dopo mesi di lavori di ristrutturazione, il punto vendita di Sinalunga sito in via Pier Paolo Pasolini, è apparso in tutta la sua modernità e capacità attrattiva: con circa 2.850 metri quadrati di area vendita (450 in più rispetto al vecchio supermercato), serviti da 16 casse, di cui 6 automatiche, il superstore Coop.CI rappresenta un netto salto di qualità nel soddisfare le aspettative dei clienti e dei circa 14.000 Soci Coop della zona.

Tante le novità e le innovazioni in tutti i reparti: la forneria ad esempio oltre ad offrire tutti i giorni pane sempre fresco e una grande varietà di panini, baguette, ciabatte, pizze e focacce, è stata dotata di un distributore di pane sfuso self service che consente ai clienti di scegliere tra diverse tipologie di pane appena sfornato, servendosi da soli e senza dover utilizzare guanti monouso, grazie ad una tecnologia che garantisce freschezza e un’igiene assoluta.
Il reparto gastronomia offre piatti caldi e freddi (come primi, secondi e contorni) già pronti da gustare. Una delle specialità è la Frittura di mare express: è possibile ordinarla mentre si fa la spesa, ed è pronta in pochi minuti!
L’ortofrutta è il regno della freschezza: ogni giorno i prodotti vengono accuratamente selezionati e controllati per offrire ai Soci Coop e ai clienti solo frutta e verdura sana e genuina. Nel reparto macelleria, dove è possibile trovare molti tagli di carne Chianina, l’attenzione alla qualità delle carni è posta lungo tutta la filiera, partendo dai controlli negli allevamenti, per seguire passo passo tutti gli aspetti produttivi.

Nel nuovo superstore di Sinalunga è possibile acquistare caffè, tè e cereali sfusi di alta qualità: una sana tradizione italiana, che ricorda le vecchie drogherie di una volta, che permette di risparmiare (non si paga il costo della confezione) e di rispettare maggiormente l’ambiente (riducendo gli imballaggi e quindi i rifiuti).
Ampio spazio è poi dedicato al mondo del biologico (con un vasto assortimento di prodotti freschi e genuini che rispettano la natura), alle eccellenze gastronomiche (attraverso un’ampia rassegna di specialità della tradizione enogastronomica italiana e non solo), ed ai gusti più nuovi (con una selezione di specialità etniche provenienti da altre culture gastronomiche).

Per tutti coloro che fanno del vegan una scelta di vita, è disponibile una selezione di prodotti realizzati senza l’impiego di materie prime derivanti da animali. Un’attenzione particolare è stata riservata alle esigenze delle persone intolleranti al glutine e ai lieviti: l’assortimento è composto da una linea completa di prodotti che va dalla pasta ai preparati per torte, dai biscotti alle pizze già pronte da gustare o da guarnire seguendo la propria fantasia.
È stato poi ampliato il reparto non alimentare, dove è ora possibile trovare il necessario per soddisfare le esigenze di tutti i giorni a prezzi veramente convenienti ed è stato creato un grande spazio verde con un’offerta di piante e fiori di stagione.

Il superstore è stato concepito e progettato cercando di ridurre al massimo l’impatto ambientale anche attraverso nuove modalità di acquisto come i detersivi alla spina Vivi Verde Coop e gli alimenti sfusi di alta qualità “superpremium” per gli animali da compagnia.

Un punto vendita moderno ed “ecologico” anche dal punto di vista strutturale:
– Sul tetto della struttura sono installati pannelli fotovoltaici per l’autoproduzione di energia elettrica;
– L’illuminazione del punto vendita è garantita da lampadine a led a bassissimo consumo energetico;
– Negli impianti frigoriferi vengono impiegati gas refrigeranti di nuova generazione;
– I murali frigo e le vasche dei surgelati sono chiusi per risparmiare energia.

Il superstore di Sinalunga rappresenta la reazione più concreta e strutturale di Coop Centro Italia alla crisi attraversata dalle aziende e dalle famiglie del territorio

Comunicato Stampa di Coop Centro Italia del 13/11/2014. Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione.

Nessun commento su A Sinalunga nasce il superstore Coop Centro Italia

Type on the field below and hit Enter/Return to search