Per Trenitalia, il periodo estivo si è rivelato un periodo molto caldo sotto tutti i punti di vista: un periodo caratterizzato da molti disservizi, che ha causato le ire di pendolari, turisti e semplici passeggeri. In media una quindicina di treni al giorno venivano cancellati per vari motivi, alcuni riconducibili a guasti tecnici, altri legati al maltempo e altri ancora alle ferie del personale. Insomma, per i passeggeri della Valdichiana prendere il treno era sempre un’incognita.
Fino a che non è stato lanciato un grido, e i pendolari hanno fatto sentire la loro voce:

“Non ci stiamo! Inaccettabili quindici cancellazioni al giorno, paghiamo troppo care le carenze di Trenitalia. Perché se il personale di Trenitalia è in ferie devono pagare i pendolari?”

Il Coordinamento dei pendolari della Toscana ha ringraziato l‘assessore regionale Vincenzo Ceccarelli per la lettera di protesta inviata al direttore regionale di Trenitalia, Gianluca Scarpellini, ribadendo che nel prossimo contratto di servizio tra Regione e Trenitalia sarà indispensabile rivedere le sanzioni per i mancati servizi come richiesto e documentato dai Comitati dei pendolari nell’indagine svolta dalla Commissione trasporti regionale.

“Per Trenitalia – afferma il Coordinamento comitati dei pendolari della Toscana – è più conveniente pagare le multe per le cancellazioni dei convogli e per i disservizi piuttosto che offrire ai viaggiatori servizi funzionanti e treni puntuali”.

Ma una risposta è arrivata proprio da Trenitalia per i disservizi registrati sulla rete durante il mese di luglio. Gli abbonati di 8 delle 13 linee ferroviarie gestite da Trenitalia in Toscana hanno diritto al bonus previsto dal contratto di servizio tra Regione e Trenitalia per i disservizi registrati sulla rete regionale. I titolari di abbonamenti mensili e annuali, sia a tariffa regionale Toscana che Integrata Pegaso, in possesso dei requisiti previsti, possono chiedere il bonus entro il 10 settembre 2013.
Hanno diritto al bonus i titolari di abbonamenti mensili e annuali a tariffa regionale e integrati Pegaso nel caso in cui l’indice superi il valore 4.0. L’indice di riferimento viene calcolato con una specifica formula che tiene conto, mese per mese, dei tempi di ritardo e delle soppressioni effettuate rispetto al servizio programmato, e rappresenta quindi una misura del disservizio sulla singola linea.

Quanto vale il bonus?
Per gli abbonamenti mensili Trenitalia il 20% del valore del titolo di viaggio.
Per gli abbonamenti annuali Trenitalia il 10% del valore di 1/12 del titolo di viaggio.
Per gli abbonamenti mensili Pegaso: Il 15% del valore della sola tariffa extraurbana.
Per gli abbonamenti annuali Pegaso: il 7,5% del valore di 1/12, della sola tariffa extraurbana.

Il dettaglio delle linee per cui è previsto il bonus con il relativo indice di disservizio per il mese di luglio 2013
Firenze – Siena – Grosseto (Piombino): con indice 4,3
Firenze – Pistoia – Lucca – Viareggio: 4,9
Prato – Bologna: 4,2
Firenze-Borgo SL (Via Vaglia) – Faenza: 4,3
Firenze-Borgo SL (via Pontassieve): 4,2
Pisa – Lucca – Aulla: 6,4
Pistoia – Porretta Terme: 4,3
Siena – Chiusi: 5,1

Lindice è disponibile sul sito www.trenitalia.com (nella sezione – Servizi in Regione) o chiamando il numero verde regionale 800.570.530; scrivendo a bonus.drt@trenitalia.it. Il report integrale del mese di luglio è pubblicato sul sito di Trenitalia all’indirizzo.

Print Friendly, PDF & Email