Erba secca e gialla al posto del verde e quei piccoli fiorellini bianchi che in primavera spuntano nelle banchine e cunette a bordo strada sono ormai un ricordo. Ai lati delle statali e delle provinciali, da un paio d’anni a questa parte, infatti, assistiamo all’irreale rinsecchimento della vegetazione: il giallo persistente che stride con il verde rigoglioso delle colline e delle valli del Belpaese da cosa è causato?
Il danno estetico al paesaggio , ed il relativo danno economico dovuto al mancato turismo straniero, non è da sottovalutare: nella stagione primaverile non è piacevole percorrere chilometri di strade circondate da innaturali strisce rosse e gialle di erba rinsecchita. Tutto questo senza però dimenticare il rischio incendi: l’erba secca, stopposa, lo sanno anche i bambini ormai, funge da miccia per scatenare i roghi di cui le cronache estive sono tristemente piene. Abbiamo intenzione di chiedere anche questo ad Anas, Ferrovie, Autostrade ma forse la risposta ce la darà la forestale con il suo quotidiano bollettino degli incendi. Non è una sorpresa, è la stessa solita triste storia.
Solo il fatto che l’abitudine nel vedere questa cartolina chimica ce la rende “normale” è pericoloso.

Da cosa dipende?
Da diserbi massicci, posti in essere da agricoltori, privati poco informati, aziende ed enti gestori che per semplificare e ridurre i costi delle operazioni di decespugliazione utilizzano prodotti diserbanti soprattutto a base di Glyphosate (prodotto dalla Monsanto) senza porsi la minima domanda sugli effetti dannosi di tale principio attivo.
Danni accertati e documentati all’uomo da trattamenti continuativi di GLYPHOSATE su terreni limitrofi ad aree urbane o in prossimità di falde acquifere che alimentano aree urbane riscontrano un aumento rilevante delle casistiche di: ALZHEIMER, ABORTO DEL FETO, MALFORMAZIONI GENETICHE, TUMORI (di diversa tipologia) e AUTISMO.

Danni su flora e fauna:
Uccide gli anfibi (rane, rospi, rettili, gechi….) e i lombrichi utili alla fertilità della terra , danneggia la flora selvatica e la Biodiversità collegata. Uccide Api e insetti utili in particolare, compromettendo vaste fonti alimentari anche per gli esseri umani (Erbe spontanee e medicinali). Distrugge l’humus dei terreni, compromettendone la fertilità e provocando frane, dilavamento,erosione e allagamenti.

Il Movimento 5 Stelle Sinalunga, STEFANIA NERO Sindaco ha posto questo come punto di programma:

“All’interno del centro urbano di SINALUNGA (SI) sia vietato l’uso di DISERBANTI come definiti in premessa, ed in particolare dei diserbanti, comunque classificati, intendendo per diserbanti qualsiasi sostanza chimica di sintesi impiegata per il controllo delle malerbe o piante infestanti. Lo stesso divieto vigerà in un raggio di mt. 300 dal centro urbano medesimo, di mt. 150 da pozzi e sorgive che alimentano gli acquedotti e sorgive di uso pubblico, da pozzi di sorgive private, da nuclei e case abitate, anche non residenziali situate al di fuori del perimetro urbano”.

Nella nota si continua a leggere:

“AVREMO UN CARTELLO AD OGNI INGRESSO DEL PAESE E DELLE FRAZIONI CON LA SCRITTA “SINALUNGA GLYPHOSATE FREE”. LAVORIAMO INSIEME PER IL TURISMO NON PER L’ANTITURISMO”

Print Friendly, PDF & Email