L’impegno dell’amministrazione comunale e l’Istituto Professionale ha portato l’Alberghiero “P. Artusi” di Chianciano Terme al recupero della piena autonomia. Impegno che si è tradotto in una capillare promozione a livello nazionale dell’offerta formativa dell’Istituto e nella diffusione dell’intenzione di attivare un corso serale, a partire dall’A.S. 2013 / 2014. In questo modo, grazie all’introduzione del corso serale, il numero di iscritti presso l’Istituto ha superato i 600 alunni, permettendo alla scuola di recuperare una piena autonomia e la titolarità per il dirigente e per il direttore generale dei servizi amministrativi. I corsi serali per adulti partiranno regolarmente a settembre.

“Esprimiamo piena soddisfazione per l’attivazione del corso serale per adulti: è il frutto di un lavoro sinergico tra istituto e amministrazione comunale – afferma l’assessore all’istruzione Marco Rossi – che vede in questa scuola una risorsa importante sia dal punto di vista dell’offerta formativa, sia per la qualificazione dell’accoglienza e ricettività della nostra cittadina e di tutto il territorio. Grazie al numero delle iscrizioni ha riottenuto anche una piena autonomia dirigenziale”.

 

“I corsi serali che saranno attivati – spiega il dirigente scolastico dell’Istituto Artusi, Massimo Pomi, – a partire dal prossimo anno scolastico sono stati un grande successo, anche grazie alla preziosa collaborazione dell’amministrazione comunale. Abbiamo raggiunto il numero di iscritti necessario, addirittura sfiorando la possibilità di attivare due classi”.
“Voglio sottolineare – prosegue il preside – quanto l’educazione degli adulti sia importante anche per riqualificare l’offerta turistica del territorio e per il fatto che può rappresentare una risposta alla crisi economica e alla difficoltà di reinserimento nel lavoro per molte persone”.

Sono molte le donne, gli stranieri e i giovani che, per vari motivi, non hanno potuto completare il proprio percorso scolastico e quindi si sono iscritti ai corsi serali. Tuttavia, non manca qualche laureato che spera, attraverso il diploma alberghiero, di rimettersi in gioco e di farsi una posizione nel settore eno-gastronomico, visto che il titolo conseguito alla fine del corso è abilitante e consente di gestire in proprio un’attività di distribuzione di cibi e bevande (ex-iscrizione al Rec). Per loro sarà definito un percorso personalizzato che prevede il riconoscimento di crediti culturali e professionali, in modo da rendere sostenibile la frequenza delle lezioni anche da persone che abbiano impegni familiari o di lavoro.

Print Friendly, PDF & Email